Cover photo credits: https://twitter.com/tg2rai/status/1167133175488929794?s=19

Si è svolta oggi la cerimonia di premiazione a Pedro Almodóvar con la consegna del Leone d’oro alla carriera

Oggi, alla 76^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, è stato consegnato il Leone d’oro alla carriera per la regia a Pedro Almodóvar. Nella conferenza stampa di presentazione, il regista si è dichiarato felice e commosso per questo premio e ha ricordato il suo forte legame con il festival veneziano.

Ho  bellissimi  ricordi della  Mostra di Venezia.  Il mio debutto internazionale  ha avuto luogo lì nel 1983 con  L’indiscreto fascino del peccato. Era  la prima volta che uno dei miei film viaggiava  fuori dalla Spagna. È stato il mio battesimo internazionale  ed è stata una meravigliosa esperienza, come lo è stata il mio  ritorno con Donne sull’orlo di una crisi di nervi nel 1988.  Questo  Leone diventerà  la mia mascotte,  insieme ai  due gatti con cui  vivo.

Almodóvar è probabilmente il più influente e noto regista spagnolo, creatore di capolavori come Todo sobre mi madre e La mala educación, film che rimarranno nella storia del cinema e capaci di parlare al cuore di tutti noi. Il regista è stato più volte considerato un autore capace di offrire il ritratto più articolato, controverso  e provocatorio della  Spagna post-franchista.

Inoltre, grazie alla sua sensibilità e alla sua capacità di guardare nel profondo, Almodóvar ha saputo dipingere ritratti  femminili incredibilmente originali, descrivendone allo stesso tempo le forze e le debolezze e lo ha sempre fatto con “un’autenticità rara e toccante”.

Alberto Barbera, direttore artistico della Mostra del Cinema di Venezia, ammette che erano anni che voleva ringraziare il cineasta spagnolo attraverso questo premio e finalmente quest’anno è stato possibile. Barbera, infatti, ha dichiarato che

I temi della trasgressione, del desiderio e dell’identità sono il terreno d’elezione dei suoi lavori, intrisi di corrosivo umorismo e ammantati  di uno splendore visivo che conferisce inediti bagliori all’estetica camp e della  pop-art a cui si rifà esplicitamente.