Emma Stone e Steve Carell tornano insieme sul grande schermo, dopo l’esperienza di Crazy, Stupid, Love, protagonisti del film Battle of the SexesLa battaglia dei sessi, al cinema dal 19 ottobre, distribuito da 20th Century Fox.

L’attrice premio Oscar in La La Land sarà Billie Jean King nella storica battaglia contro Bobby Riggs. Il film racconta il leggendario incontro sportivo tra la campionessa di tennis e lo sfidante Bobby Riggs, incontro poi passato alla storia proprio come La battaglia dei sessi.

Siamo nel 1973, l’attempato Riggs (Steve Carell) sfila ancora sul campo come una star in passerella, con le ricche doti di intrattenitore affascina i media e il pubblico presente, e lancia dichiarazioni che non può ritrattare: “Non dico che le donne non appartengano al campo, altrimenti chi raccoglierebbe le palline!”. La sfida è aperta. La giovane Billie Jean King (Emma Stone), paladina della lotta contro il sessismo, ascolta e memorizza le provocazioni dell’arrogante e maschilista avversario, perché medita di rispedirle al mittente con un dritto e un rovescio direttamente sul campo di Houston.

Emma Stone ha giocato a tennis per l’intera durata delle riprese, circa 90 giorni. Per prepararsi al meglio si è anche fatta affiancare dall’ex-giocatore Vincent Spadea. Ecco cosa ha dichiarato l’attrice al Daily Mail:

“Ero una novellina. Ho giocato ogni giorno per tre mesi, ovvero il nulla rispetto alla vita di Billie Jean. Ho giocato anche con lei, che mi ha detto ‘Muovi benissimo i piedi, andrai benissimo!’. Mi lanciava le palline e visto che ero molto veloce mi diceva ‘Sei come una ballerina!’.”

Nel cast anche Sarah Silverman, che interpreterà Gladys Heldman, fondatrice del World Tennis Magazine, Andrea Riseborough, che sarà Marilyn Barnett, ed Elisabeth Shue.

La Battaglia dei Sessi, diretto da Jonathan Dayton e Valerie Faris, affronterà anche il tema dell’omosessualità di Billie Jean approfondendo la sua relazione con la segretaria Marilyn Barnett.

Photo Credits: 20th Century Fox Italia
Fonte: Movieplayer

Condividi l'articolo

CHIUDI
CLOSE
shares