L’edizione 2019 del Festival CinemAmbiente si inaugura ufficialmente OGGI, venerdì 31 maggio, alle ore 20.30 al Cinema Massimo di Torino

Si apre questa sera la 22ª edizione del Festival CinemAmbiente, kermesse torinese che da anni sensibilizza i suoi spettatori a riflettere sul tema della salvaguardia dell’ambiente.

In questo anno particolare, la 22ª edizione di CinemAmbiente non poteva non risentire dell’onda della protesta che i giovani stanno attuando in tutto il mondo. Probabilmente il Festival ha più anni di molti dei ragazzi protagonisti del movimento F4F: è in grado di cogliere e accogliere le loro nuove istanze per cercare di cambiare il mondo. Il Festival si apre, quindi, alla Green Generation come sottolinea il visual di quest’anno.

Lo spazio riservato ai giovani è sempre più ampio e un’intera sezione, CinemAmbiente Junior, li vede protagonisti. La competizione nazionale riservata a bambini e ragazzi ha ricevuto più di duecento film realizzati nell’anno scolastico 2018-2019. È un numero che ci ha impressionato. Per le proiezioni dedicate alle Scuole – riunite in un programma in cui a importanti film ambientali si affiancano dibattiti e approfondimenti – si sono prenotati in pochi giorni oltre seimila studenti. In parallelo, CinemAmbiente Junior prevede laboratori, convegni e un rapporto sempre più intenso con gli studenti universitari di materie ambientali, che introdurranno le proiezioni e gestiranno alcuni dibattiti.

L’“onda verde”, nata sulla scia delle battaglie della sedicenne Greta Thunberg (nella cover del nostro articolo) e oggi convogliata nel movimento dei #FridaysForFuture, ha nel frattempo raggiunto anche il cinema. Il neomovimentismo ambientale, di cui il Festival aveva colto i fermenti fin dalla scorsa edizione (con il premio al film Aktivisti, incentrato sulla battaglia ambientalista di una militante appena quindicenne), ha attirato l’attenzione anche di registi e documentaristi, rendendo i Millennials e la generazione Z protagonisti di diversi titoli in cartellone. Il Festival rende omaggio all’impegno dei giovanissimi che si battono, a livello locale e globale, per politiche di sviluppo in grado di preservare l’equilibrio del Pianeta, dedicando alla Green Generation la sua 22a edizione.

Questa sera, dopo il tradizionale talk “Il punto di Luca Mercalli”, verrà presentato in anteprima nazionale The Human Element. Diretto dal regista Matthew Testa, il film inaugurale documenta la nuova impresa di James Balog, il pluripremiato fotografo statunitense che da oltre quarant’anni esplora con il suo lavoro il rapporto tra l’uomo e la natura. The Human Element, prodotto dallo stesso Balog – che sarà ospite del Festival e a cui va il Premio alla carriera “Movies Save the Planet” di quest’edizione di CinemAmbiente – è la cronaca di un viaggio nelle zone degli Stati Uniti più colpite dalle emergenze climatiche e ambientali. Protagonisti del film sono i quattro elementi della natura: acqua, aria, terra e fuoco – sottoposti all’azione corruttrice e devastante del quinto: l’uomo. 

Per tutte i dettagli e le informazioni di CinemAmbiente 2019, visitate il sito web ufficiale della manifestazione.