Uscirà nelle nostre sale il prossimo 4 gennaio il film “Assassin’s Creed“, rivisitazione cinematografica del famoso videogame che da anni tiene incollati allo schermo milioni di utenti. Qui di seguito troverete la sinossi ufficiale del film, la nostra recensione e il trailer.
La pellicola sarà distribuita da 20th Century Fox Italia.

In Assassin’s Creed, film di Justin Kurzel tratto dal videogame best-seller della Ubisoft che è stato in grado di creare una storia trasversale per tutte le forme di intrattenimento, sono formalmente presenti tutti gli elementi originari: personaggi, spinta caratteristica e azione. Tuttavia nella pellicola assistiamo ad un allontanamento dalla sceneggiatura del gioco così come nota a tutti, in una continua intersezione di piani in un certo senso ambivalenti, che passano da quello dell’energia e delle azioni, proprie del gioco, all’interno dell’Animus (macchina dalla rivoluzionaria tecnologia che consente di sbloccare la memoria genetica di una persona), a quelli che invitano più alla riflessione sui confini tra il bene e il male e sulla necessità che la luce risplenda in un mondo avvolto troppo spesso da una notte buia e lunga.

Sebbene per un non addicted la comprensione della storia di Assassin’s Creed risulti inizialmente un po’ ostica, tuttavia le cose cambiano nel momento stesso in cui Michael Fassbender dismette i panni dell’assassino Callum Lynch per indossare quelli dell’Assassin Aguilar de Nerha, in un viaggio tra la Spagna del 2016 e l’Andalusia del 1492, in piena Inquisizione, alla ricerca della Mela dell’Eden, custode del codice genetico del libero arbitrio umano. Inconfondibili il look e le prodezze degli Assassins, con i loro cappucci e le loro performance sui tetti, accompagnate da una colonna sonora incalzante a supporto delle acrobazie degli assassini in un’atmosfera epica, ricostruita attraverso l’ausilio della computer grafica usata con parsimonia, quasi senza voler andare troppo nei particolari.
Risulta, infine, certamente singolare, ma vincente, la scelta del regista, Justin Kurzel, e della talentuosa attrice Marion Cotillard, presenti entrambi nel Macbeth, ultima fatica di Fassbender, oltre alla presenza di Jeremy Irons, impeccabile nel suo ruolo. E l’intento di avvalersi di una formula carica di atmosfere ricche, a tratti teatrali, e di eccellenti interpretazioni, è più che palese.

Assassin’s Creed è un film dalle sorprendenti potenzialità, con una trama un po’ debole e con una indubbia sfacciataggine nel bilanciare questa carenza attraverso le scene d’azione. Ciò nonostante restituisce una seduzione dell’attrattiva che affascina come un visitatore inatteso.

SINOSSI UFFICIALE: 

Grazie ad una tecnologia rivoluzionaria in grado di sbloccare i ricordi genetici, Callum Lynch sperimenta le avventure di Aguilar, suo antenato della Spagna del XV secolo, scoprendo così di discendere da una misteriosa società segreta, gli Assassini. Accumulando conoscenze ed incredibili abilità, Callum sarà in grado di sfidare una potente e crudele organizzazione Templare dei giorni nostri.

Photo Credits: 20th Century Fox Italia
Articolo a cura di Rachele Baglieri