ECCO IL RICCO PROGRAMMA DI CANNES 2018, AL VIA DALL’8 MAGGIO

Si è svolta ieri mattina la conferenza stampa di presentazione della 71° edizione del Festival di Cannes, kermesse che inizierà l’8 maggio e si concluderà il 19 con la consegna della Palma d’Oro.

Cominciamo con i film italiani in concorso. Due le pellicole nostrane nella Selezione Ufficiale: Dogman di Matteo Garrone, storia liberamente ispirata ad un fatto di cronaca nera nella Roma degli anni ’80, e Lazzaro Felice, titolo di Alice Rohrwacher interpretato da Nicoletta Braschi e Alba Rohrwacher.

Nella sezione Un Certain Regard, la più importante dopo il concorso, ancora Italia: è il turno di Valeria Golino con il suo Euphoria, interpretato da Valerio Mastandrea e Riccardo Scamarcio. I tre film citati finora sono tutti e tre prodotti in collaborazione con Rai Cinema.

Vi segnalo inoltre il ritorno di Jean-Luc Godard, protagonista anche nel poster ufficiale della manifestazione: una scena tratta dal film Pierrot le fou (in italiano Il bandito delle 11) è stata scelta come immagine ufficiale e ritrae la celebre scena del bacio tra Jean Paul Belmondo e Anna Karina.

Il Festival di Cannes si aprirà con la proiezione del film Everybody Knows (Todos Lo Saben), nel Grand Théâtre Lumière al Palais des Festivals. L’ottavo lungometraggio di Asghar Farhadi ha come protagonisti Penélope Cruz e Javier Bardem ed è un thriller mozzafiato. In Italia sarà distribuita da Lucky Red.

Grande assente dalla lista è l’attesissimo Loro, il film di Paolo Sorrentino su Berlusconi. Thierry Frémaux, delegato generale ovvero direttore artistico, ha dichiarato in conferenza: “Non posso rispondere a questa domanda, spesso essere a Cannes è un desiderio espresso da chi è coinvolto in un progetto, il film di Sorrentino è diviso in due parti, e la prima sarà mostrata prima di Cannes, la nostra decisione riguarda la natura del progetto”. Il regolamento del Festival di Cannes prevede solo anteprime, anche se ci fu una deroga per Nanni Moretti. Poi Frémaux fa capire che la porta per Sorrentino non è chiusa del tutto: “Le discussioni sono ancora in corso”.

A presiedere la giuria è l’attrice premio Oscar Cate Blanchett, come già noto.

Tra i titoli più attesi c’è di sicuro il nuovo prequel/spin-off della saga Guerre Stellari, Solo: A Star Wars Story, presentato in anteprima e fuori concorso. Ci sarà anche il documentario di Wim Wenders su Papa Francesco, Un uomo di parola, ma non credo che Jorge Mario Bergoglio sfilerà sul red carpet della Croisette.

Il Festival festeggerà anche i 50 anni di 2001: Odissea nello Spazio, il capolavoro di Stanley Kubrick. Un film ancora oggi sorprendente per la sua straordinaria e permanente attualità.