Quest’anno la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia si è aperta ai film italiani molto di più rispetto alle precedenti edizioni. Lo stesso direttore del festival Alberto Barbera ha dichiarato che dopo molti anni sono stati portati alla luce progetti cinematografici meritevoli di attenzione anche da parte dei registi del Bel paese.
In concorso sono stati presentati ben quattro lungometraggi italiani, tutti in qualche modo originali per trama, regia o performance attoriali. Vediamoli nel dettaglio.

Ammore e Malavita diretto dai Manetti Bros. e interpretato da un cast stellare composto da Giampaolo Morelli, Carlo Buccirosso, Claudia Gerini e Serena Rossi. Probabilmente una delle sorprese più intense del festival, è un musical in stile Grease che racconta una storia d’amore, di cambiamenti e rivalsa ambientata a Napoli negli ambienti della malavita. Il film ha avuto una cascata di complimenti dalla critica italiana e anche a noi di My Red Carpet è piaciuto molto. A breve lo recensiremo. Uscirà nelle sale italiane il 5 ottobre.
The Leisure Seeker il primo e attesissimo lungometraggio americano di Paolo Virzì con un cast leggendario costituito da Hellen Mirren e Donald Sutherland. Il film racconta la storia di una coppia di ottantenni malati, lui di alzheimer, lei di cancro, che decidono di compiere un ultimo viaggio insieme. Lacrime e risate si dividono equamente in un film on the road particolarmente riuscito per la trama e le incredibili performance dei due attori. Uscirà nelle sale italiane il 25 gennaio con il titolo Ella e John.
Una Famiglia film diretto da Sebastiano Riso con Micaela Ramazzotti e Patrick Bruel. Racconta la storia di una coppia apparentemente normale che vive a Roma. Lei, ceca d’amore per il compagno, si fa coinvolgere in un terribile progetto di vita ideato da lui e dal quale non riesce più a venire fuori: aiutare le coppie che non riescono ad avere figli, portando avanti in prima persona svariate gravidanze. Il film porta alla luce il tema della maternità surrogata in tutti i suoi limiti. Uscirà nelle sale italiane il 28 settembre.
Hannah di Andrea Pallaoro con una Charlotte Rampling rimasta sola dopo l’arresto del marito che affronta una grave crisi emotiva e psicologica dovuta dalla sua insoddisfazione di ciò che la circonda. È un ritratto intimo di una donna che inizia una lenta discesa verso la depressione. La performance attoriale della diva britannica ha colpito la giuria, che ha deciso di premiarla con l’ambita Coppa Volpi per la migliore attrice.

Chiudiamo l’articolo con una menzione speciale a un film d’animazione che abbiamo amato follemente e che è la prova che il cinema italiano ha ancora tanto da raccontare. Parliamo di Gatta Cenerentola, un capolavoro visivo e narrativo tratto dall’omonima opera teatrale di Roberto De Simone. Presentato a Venezia nella sezione Orizzonti, il film è una fiaba dark che richiama alcuni elementi della storia di Cenerentola ed è ambientata nella cornice della criminalità napoletana. Uscirà delle sale italiane il 14 settembre.