Cosa fareste se vi trovaste nel bel mezzo di una cospirazione internazionale, a causa del vostro ex?

Il tuo ex non muore mai sa di film che prova ancora una volta a risvegliare quella comicità americana che ultimamente sembra essersi un po’ addormentata, dimostrando di essere intrattenimento puro. Una spy comedy al femminile con una sola parola d’ordine: rocambolesca.

Prendete due amiche trentenni, Audrey (Mila Kunis) e Morgan (Kate McKinnon), che vivono a Los Angeles e che, di punto in bianco, si trovano al centro di una cospirazione internazionale quando, dal nulla, si rifà vivo l’ex fidanzato di Audrey (Justin Theroux). Dovranno fare i conti con un pericoloso assassino e con un agente segreto britannico, misterioso e affascinante, mentre cercano di salvare il mondo e se stesse.

Il secondo film di Susanna Fogel (il film di debutto fu Life Partners del 2014) si immette nella strada dell’action comedy, riproponendo il girl power a servizio della risata. Si penserà che sia sempre la solita minestra, con qualche verdura nuova per differenziarsi dalle altre.
Invece no, perchè Il tuo ex non muore mai (infelice titolo italiano di The Spy Who Dumped Me) è una buddy comedy intelligente e piena di trovate. Tale sinergia proviene dall’affiatamento della coppia Kunis-McKinnon, ognuna spalla dell’altra, ciascuna con le proprie singolarità e insieme armoniose. Tra le due, quella che spicca è sicuramente la McKinnon, un’esplosione di comicità (quasi trattenuta nelle vesti di questo suo personaggio) che vale per ogni minuto del film. Ogni espressione, ogni gesto è suo, forte della sua carriera costruita nella palestra più valida in America: il Saturday Night Live.
Un plot forse a suo modo già visto, con protagonisti degli sconosciuti che improvvisamente si trovano ad essere delle totally spies con delle responsabilità di un certo peso.
Tuttavia, se la sceneggiatura rimane lieve (ma con diversi colpi di scena davvero niente male) e questa viene sostenuta dalle protagoniste, a livello scenico si dimostra un action movie a tutti gli effetti, una vera e propria deflagrazione di suoni e, soprattutto, di colori.

Una commedia che non sarebbe la stessa senza le due protagoniste e senza i comprimari, tali Justin Theroux (quasi novello Jason Bourne) e Sam Heughan (Outlander) che sembra fare più un provino per una parte futura non così improbabile: quella della spia britannica più famosa del mondo.