La 33esima edizione degli Independent Spirit Awards ha avuto luogo ieri, 3 marzo 2018. Cosa sono? Gli Independent Spirit Awards sono premi cinematografici statunitensi assegnati annualmente a partire dal 1986 dall’organizzazione no-profit IFP/West (ridenominata dal 2005 Film Independent) per sostenere e promuovere il cinema indipendente. A trionfare sono stati tre film che siamo certi saranno anche i protagonisti della 90° edizione degli Oscar® (la cui cerimonia di consegna si terrà questa sera al Dolby Theatre di Los Angeles): Tre Manifesti Outside Ebbing, Missouri, Scappa – Get Out e il nostro Guadagnino con Chiamami col tuo nome.

Frances McDormand, la madre coraggio protagonista di Tre Manifesti a Ebbing, Missouri, si aggiudica il premio Spirit Award per la migliore interpretazione femminile in un film indipendente. L’antidiva per eccellenza è salita sul palco in pigiama e ciabatte dichiarandosi “meravigliata” del fatto che Hollywood continui a lasciarle un microfono… L’attrice non ha poi risparmiato battute e frecciatine e si è concessa anche qualche parolaccia. Sei il nostro mito Frances! Ecco il video del suo acceptance speech:

Anche l’Italia è stata in qualche modo protagonista della premiazione: Chiamami col tuo nome del nostro Luca Guadagnino porta a casa due premi, Timothée Chalamet è il miglior attore protagonista mentre Sayombhu Mukdeeprom si aggiudica la miglior fotografia. Nel video in calce il giovanissimo attore Chalamet ringrazia per il riconoscimento ottenuto e c’è chi già afferma che sia un prodigio, un nuovo DiCaprio all’orizzonte? 

Ecco la lista completa dei vincitori della 33esima edizione degli Independent Spirit Awards:

Miglior film

  • Scappa – Get Out (Get Out), regia di Jordan Peele
  • Chiamami col tuo nome (Call Me by Your Name), regia di Luca Guadagnino
  • Un sogno chiamato Florida (The Florida Project), regia di Sean Baker
  • Lady Bird, regia di Greta Gerwig
  • The Rider, regia di Chloé Zhao

Miglior regista

  • Jordan Peele – Scappa – Get Out (Get Out)
  • Sean Baker – Un sogno chiamato Florida (The Florida Project)
  • Jonas Carpignano – A Ciambra
  • Luca Guadagnino – Chiamami col tuo nome (Call Me by Your Name)
  • Benny Safdie e Josh Safdie – Good Time
  • Chloé Zhao – The Rider

Miglior sceneggiatura

  • Greta Gerwig – Lady Bird
  • Azazel Jacobs – The Lovers
  • Martin McDonagh – Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri)
  • Jordan Peele – Scappa – Get Out (Get Out)
  • Mike White – Beatriz at Dinner

Miglior film d’esordio

  • Ingrid Goes West, regia di Matt Spicer
  • Columbus, regia di Kogonada
  • Menashe, regia di Joshua Z. Weinstein
  • Oh Lucy!, regia di Atsuko Hirayanagi
  • Patti Cake$, regia di Geremy Jasper

Miglior sceneggiatura d’esordio

  • Emily V. Gordon e Kumail Nanjiani – The Big Sick – Il matrimonio si può evitare… l’amore no (The Big Sick)
  • Kris Avedisian, Kyle Espeleta e Jesse Wakeman – Donald Cried
  • Ingrid Jungermann – Women Who Kill
  • Kogonada – Columbus
  • David Smith e Matt Spicer – Ingrid Goes West

Miglior attrice protagonista

  • Frances McDormand – Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri)
  • Salma Hayek – Beatriz at Dinner
  • Margot Robbie – Tonya (I, Tonya)
  • Saoirse Ronan – Lady Bird
  • Shinobu Terajima – Oh Lucy!
  • Regina Williams – Life and Nothing More

Miglior attore protagonista

  • Timothée Chalamet – Chiamami col tuo nome (Call Me by Your Name)
  • Harris Dickinson – Beach Rats
  • James Franco – The Disaster Artist
  • Daniel Kaluuya – Scappa – Get Out (Get Out)
  • Robert Pattinson – Good Time

Miglior attrice non protagonista

  • Allison Janney – Tonya (I, Tonya)
  • Holly Hunter – The Big Sick – Il matrimonio si può evitare… l’amore no (The Big Sick)
  • Laurie Metcalf – Lady Bird
  • Lois Smith – Marjorie Prime
  • Taliah Lennice Webster – Good Time

Miglior attore non protagonista

  • Sam Rockwell – Tre manifesti a Ebbing, Missouri (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri)
  • Nnamdi Asomugha – Crown Heights
  • Armie Hammer – Chiamami col tuo nome (Call Me by Your Name)
  • Barry Keoghan – The Killing of a Sacred Deer
  • Bennie Safdie – Good Time

Miglior fotografia

  • Sayombhu Mukdeeprom – Chiamami col tuo nome (Call Me by Your Name)
  • Thimios Bakatakis – The Killing of a Sacred Deer
  • Elisha Christian – Columbus
  • Hélène Louvart – Beach Rats
  • Joshua James Richards – The Rider

Miglior montaggio

  • Tatiana S. Riegel – Tonya (I, Tonya)
  • Ronald Bronstein e Benny Safdie – Good Time
  • Walter Fasano – Chiamami col tuo nome (Call Me by Your Name)
  • Alex O’Flinn – The Rider
  • Gregory Plotkin – Scappa – Get Out (Get Out)

Miglior documentario

  • Visages Villages, regia di Agnès Varda e JR
  • The Departure, regia di Lana Wilson
  • Last Men in Aleppo, regia di Feras Fayyad
  • Motherland, regia di Ramona S. Diaz
  • Quest, regia di Jonathan Olshefski

Premio John Cassavetes

  • Life and Nothing More, regia di Antonio Méndez Esparza
  • A Ghost Story, regia di David Lowery
  • Dayveon, regia di Amman Abbasi
  • Most Beautiful Island, regia di Ana Asensio
  • The Transfiguration, regia di Michael O’Shea

Miglior film straniero

  • Una donna fantastica (Una mujer fantástica), regia di Sebastián Lelio (Cile)
  • 120 battiti al minuto (120 battements par minute), regia di Robin Campillo (Francia)
  • I Am Not a Witch, regia di Rungano Nyoni (Regno Unito)
  • Lady Macbeth, regia di William Oldroyd (Regno Unito)
  • Loveless (Nelyubov), regia di Andrey Zvyagintsev (Russia)