La Justice League è nata all’interno dell’universo DC nel 1960. Come allora, anche questa volta sarà parte del DC Extended Universe. Solo che non sarà più sotto forma di fumetto, ma di film live action.

La Warner Bros distribuirà il film a partire dal prossimo 16 novembre. È il quinto film della saga del mondo DC. I precedenti sono: Man of Steel (2013), Batman v Superman: Dawn of Justice (2016), Suicide Squad (2016), Wonder Woman (2017).

Questa volta troveremo molti dei supereroi DC insieme, riuniti per sconfiggere il male (impersonificato, oltre che dal sempreverde Lex Luthor, da Steppenwolf e dai suoi Parademoni). Infatti, dopo la morte di Superman (Henry Cavill), Batman (Ben Affleck) e Wonder Woman (Gal Gadot) non riescono a fermare la criminalità e il male che si stanno diffondendo nel mondo, così decidono di cercare degli alleati tra gli altri “supereroi”. Chiamano quindi all’appello Flash (Ezra Miller), Aquaman (Jason Momoa) e Cyborg (Ray Fisher) per sconfiggere i nemici una volta per tutte.

Il film è diretto da Zack Snyder – stesso regista dei primi due film del DC Universe – e in parte da Joss Whedon. Whedon ha in realtà firmato parte della sceneggiatura del film, ma ha sostituito Snyder nella fase di post-produzione quando quest’ultimo si è dovuto allontanare per emergenze familiari.

justice league

Quando si sente parlare di supereroi e di cinecomics, viene normale paragonare i due grandi pilastri di questo genere: Marvel e DC. Se la major di Stan Lee ha cominciato molti anni fa, con Iron Man, a sviluppare il suo universo, la DC ci sta provando relativamente da poco, anche se sta procedendo spedita (girano voci che abbia almeno altri 10 film in lavorazione).

Il paragone non è solo ridotto alla fase di produzione o al successo al box office, il terreno su cui si è dovuta muovere la DC era impervio e il rischio di un fallimento, almeno dopo Batman V Superman, era dietro l’angolo. Il film aveva diviso i fan tra favorevoli e contrari. Per non parlare della critica, che ha letteralmente distrutto la pellicola. Quello che manca al sistema DC è la leggerezza che la Marvel ha inserito fin dall’inizio, con il controverso personaggio di Tony Stark e che ha raggiunto il suo apice con l’irriverenza dei Guardiani della Galassia.


COSA ASPETTARSI?

Dal trailer di Justice League, sembra che la DC stia tentando di ricreare questo tipo di personaggio in Barry Allen, alias Flash che, oltre ad essere l’uomo più veloce del mondo, è anche un ragazzo un po’ nerd e con pochi amici (che ricorda molto l’ultimo Spider-Man della Marvel). Vedremo se riuscirà a cavarsela e a ridare un po’ di vita ai troppo seri film DC.

Di certo c’è che l’esperienza positiva di Wonder Woman, piacevole cinecomic diretto da Patty Jenkins con Gal Gadot come protagonista, ci auguriamo possa essere servita da lezione.

Oltre a Flash, vengono introdotti in questo film altri due personaggi dei fumetti: Cyborg, ex atleta salvato dalla tecnologia, e Aquaman, re del regno subacqueo Atlantide, al quale nel 2018 verrà dedicato uno stand-alone.

Aquaman, interpretato da Jason Momoa, ex Khal Drogo di Game of Thrones (e da poco marito di Lisa Bonet, come ci dicono i tabloid), se la vedrà  con un problema molto attuale: l’inquinamento. Infatti, dovrà controllare il suo popolo che vorrà salire in superficie per fermare gli umani che con le loro guerre sporcano e rendono invivibili i mari. Oltre a lui, vedremo nel film Amber Heard, che interpreta Mera, la regina di Atlantide e Patrick Wilson che sarà Ocean Master, il fratellastro corrotto di Aquaman.

E sulle note di “Heroes” vi lasciamo la trailer di Justice League. Hype ne abbiamo?

Photo Credits: Warner Bros. – DC Comics