MARGOT ROBBIE è IL RITRATTO DEL NUOVO CINEMA HOLLYWOODIANO

Eccessiva, disperata, quasi al limite della follia: Margot Robbie è veramente divina in Tonya, il film che l’ha consacrata come una delle attrici più abili della sua generazione, facendole conquistare la sua prima nomination come migliore attrice agli Academy Awards 2018 (premio che poi è andato però a Frances McDormand). Con l’arrivo del film oggi nelle sale, abbiamo tracciato un breve profilo di questa forza della natura di origini australiane, un’artista per la quale Tonya sembra essere solo l’inizio di una carriera che promette tante sorprese.

Margot Robbie è nata il 2 luglio 1990, a Dalby, in Australia, ed è la terza figlia di quattro fratelli, tutti cresciuti solamente dalla madre in quanto il padre se n’è andato di casa quando i bambini erano piccoli. Ha iniziato a recitare negli anni del liceo grazie al club di teatro della scuola, ma ha deciso di perseguire la recitazione come carriera solo dopo aver ottenuto una piccola parte in un film indipendente realizzato da studenti. La breve esperienza sul set infatti le piacque così tanto che poco dopo si trasferì a Melbourne per procurarsi un agente e iniziare a fare audizioni per serie tv e film locali. È bastato poco tempo: nel 2008, a soli 17 anni, ha ottenuto il ruolo di Donna Freedman nello sceneggiato australiano Neighbours, che le valse le prime nomination ai premi televisivi australiani. Nonostante il successo del personaggio (inizialmente pensato come comparsa ma poi mantenuto nel cast proprio grazie all’interpretazione della Robbie), dopo due anni l’attrice ha deciso una volta per tutte di trasferirsi a Hollywood e tentare la fortuna.

Anche stavolta la scalata è stata relativamente rapida: dopo un paio ruoli di “gavetta”, il debutto sul grande schermo è avvenuto nientemeno che con il maestro Martin Scorsese e a fianco del divo Leonardo DiCaprio in The Wolf of Wall Street, in cui interpretava Naomi Lapaglia, la sexy moglie del protagonista Jordan Belfort. Il ruolo, per il quale è stata lodata dalla critica e ha vinto un Empire Award come miglior emergente, l’ha ufficialmente proiettata sotto i riflettori. Negli anni seguenti ha preso parte a Focus con Will Smith, The Legend of Tarzan di David Yates e Suite Francese, sul set del quale ha conosciuto il marito Tom Ackerley, con cui si è sposata in una cerimonia privata nel 2016.

Il suo secondo ruolo importante è stato però senza dubbio quello in Suicide Squad, dove ha vestito i panni della folle Harley Quinn, psicologa che impazzisce completamente d’amore malato per il Joker. Il film non fu un successo relativamente alla critica, ma l’interpretazione della Robbie è una dei pochi aspetti che sono stati universalmente acclamati, tanto che la Warner Bros ha già messo in cantiere un film dedicato interamente ad Harley Quinn. Il 2017 è stato infine l’anno in cui forse la Robbie ha restituito i ruoli più complessi e più maturi della sua carriera finora: quello di Daphne in Vi presento Christopher Robin e soprattutto quello di Tonya Harding, l’iconica e controversa pattinatrice protagonista di uno dei più grandi scandali della storia dello sport statunitense.

E proprio come Tonya, forse ciò che ci affascina di Margot Robbie (a parte la sua incredibile bellezza) è proprio il suo essere autentica e vera. Un’attrice semplice, poco “diva”, che fino a due anni fa viveva  in un appartamento condiviso con le sue amiche (solo di recente ha comprato casa a Hollywood con il marito) e che insiste sempre per realizzare tutti i suoi stunt in prima persona (David Ayer, regista di Suicide Squad, ha raccontato ridendo come la controfigura che doveva occuparsi delle scene di Harley Quinn passasse il tempo sul set a girarsi i pollici mentre la Robbie voleva testardamente girare tutte le scene anche pericolose, comprese quelle in apnea per le quali ha imparato a trattenere il respiro fino a cinque minuti).

Cosa c’è nel futuro di Margot Robbie? A parte il ritorno nei panni di Harley nell’universo DC, sarà anche la regina Elisabetta d’Inghilterra in Mary Queen of Scots, accanto a Saoirse Ronan, e infine ritornerà a recitare con DiCaprio sul set del prossimo film di Quentin Tarantino, intitolato Once Upon A Time in Hollywood.