DAL 26 DICEMBRE è DISPONIBILE SUL CATALOGO NETFLIX LA SERIE TV YOU, CON PENN BADGLEY, L’AMATO ATTORE DI GOSSIP GIRL

A neanche un mese dalla sua distribuzione by Netflix, la serie tv You sta riscuotendo grande successo fra i telefilm addicted italiani. Il thriller, basato sui romanzi di Caroline Kepnes e composto da 10 episodi, vede come attore protagonista Penn Bandgley, volto ben noto agli amanti delle serie tv per il ruolo di Dan Humphrey in “Gossip Girl”.

Il giovane direttore della libreria Mooney’s di New York, Joe Goldberg, si innamora follemente di una studentessa e aspirante scrittrice di nome Guinevere Beck, interpretata da Elizabeth Lail.

Joe non è però un corteggiatore qualunque, dietro la sua aria da bravo ragazzo, amante della vecchia NY e dei grandi classici della letteratura. si nasconde infatti un vero e proprio stalker. Tramite pochi click su Facebook ed Instagram, Joe riesce a scoprire tutto di Beck e inizia a seguirla ovunque e a spiarla anche dentro casa.

La ragazza, del tutto ignara, cede alla sua corte e diventano una coppia. Tutto sembra andare per il meglio, Joe si prende cura di lei, la spinge a scrivere poesie e testi per il suo master universitario e piace anche alle sue amiche, quasi a tutte perlomeno. Peach Salinger (interpretata da Shay Mitchell, celebre per il ruolo di Emily in Pretty Little Liars) è l’unica restia nei suoi confronti, considerandolo inadatto alla sua amica Beck e troppo provinciale. Verso metà stagione, si scoprirà però anche il lato oscuro della bellissima arredatrice d’interni, che risulterà essere in realtà molto più simile a Joe di quanto volesse ammettere.

Il piano di Joe prosegue a gonfie vele, è pazzo d’amore e ciò gli rende impossibile capire che in realtà ha ormai perso completamente il controllo di sé stesso e della sua relazione. Commette ogni tipo d’azione illegale, giustificandola “per amore di Beck”. Ma va ben oltre i limiti, sporcandosi più volte le mani di sangue e alla fine commettendo anche l’atto peggiore.

La serie “You” indubbiamente non è la migliore produzione degli ultimi anni, la trama per quanto intrigante presenta spesso delle lacune che lasciano un po’ perplessi. Piccole mancanze, anche molto banali, che fanno però un certo effetto sullo spettatore che si chiede quindi come siano possibili certi scenari e narrazioni.

È stata già annunciata però una seconda stagione e si spera quindi che i produttori e gli sceneggiatori presteranno più attenzione ai dettagli e renderanno le ossessioni di Joe più verosimili.

Lo stalking è purtroppo una realtà abbastanza diffusa nella società odierna e presentarlo come qualcosa di così facile non è affatto un buon messaggio, che colossi come Netflix dovrebbero assolutamente evitare.