Emozionante, autentico, originale e ingegnoso, Pets 2 è, se possibile, ancora più divertente del capitolo precedente

Al cinema dal 6 giugno, Pets 2 – Vita di Animali è il secondo episodio della fortunata serie cinematografica nata dalla mente dei creatori dei Minions e Cattivissimo Me. Emozionante, autentico, originale e ingegnoso, Pets 2 è, se possibile, ancora più divertente del capitolo precedente.

ANIMALI CINEMATOGRAFICI

Quando si lavora ad un sequel, l’obiettivo è quello di raccontare una storia che riunisca il pubblico e i personaggi da esso amati, riuscendo anche ad arricchire il flm di nuovi percorsi narrativi, e di nuovi personaggi. In Pets 2 – Vita di Animali ritroviamo: Max, Duke, Chloe, Gidget e Nevosetto.

La trama di Pets – Vita da Animali (2016), che ha battuto il record al botteghino incassando oltre 875 milioni di dollari in tutto il mondo, ha un certo non so che di familiare. Caratterizzato dal tipico humor sovversivo e irriverente della Illumination, il film cerca di offrire una risposta alla domanda che da sempre tutti coloro che posseggono degli animali domastici si pongono: cos’è che fanno veramente i nostri animali quando noi non siamo a casa?
Quesito che ci riporta immediatamente alla mente le avventure dei giocattoli di Toy Story.

Chris Meledandri, CEO della Illumination, Janet Healy, sua partner nella produzione, lo sceneggiatore Brian Lynch e il rinomato regista Chris Renaud, hanno ricreato gli animali in maniera realistica, sia nei loro atteggiamenti che nelle performance. Questa caratteristica, unita alla domanda centrale del film (di cui sopra) sono premesse fondamentali di grande forza. Pets 2 ha al centro una storia che rappresenta un passo avanti nella vita dei personaggi, che è interessante e accattivante per qualsiasi tipo di pubblico, anche per chi non ha visto il primo film.

LEGGI ANCHE: Pets 2 – Vita da Animali, tutto quello che dovete sapere sul sequel 

 La vita di Max viene sconvolta dall’arrivo di Liam, il figlio della sua padroncina, esattamente come accaduto nel primo film, quando la sua esistenza venne sconvolta dal fratello adottivo super peloso Duke. Qui, Max si affeziona sempre di più al neonato, sviluppando una sorta di nevrosi. Infatti, durante una gita in campagna con la sua famiglia umana, Max vede pericoli ovunque: mucche, tacchini, alberi… Sarà il saggio cane da fattoria Rooster (doppiato nella versione originale da Harrison Ford, al suo debutto nel cinema d’animazione), ad aiutare Max a liberarsi delle sue nevrosi e a ritrovare il suo io di leader, concedendo a Liam un po’ più di libertà.

Personaggi indimenticabili, affabili e simpaticamente imperfetti sono alla base di tutte le storie dei film della Illumination, e Pets 2 – Vita da animali non fa eccezione.

Il team creativo si concentra sulle vite emotive segrete dei nostri animali domestici, sul nostro amore per loro e di quello incondizionato che loro provano nei nostri confronti. Uno degli elementi veramente interessanti di Pets 2 è il rapporto che abbiamo con i nostri animali domestici, che è in realtà un rapporto di reciprocità. Non siamo solo noi a prenderci cura di loro, ma loro di noi. In questo, la relazione tra Max e Liam è estremamente veritiera ed emozionante. 

I cineasti hanno anche cercato di rendere Pets 2 ancora più divertente del primo film. Tre dei personaggi – il terrier Max, la volpina Gidget e il coniglio Nevosetto – che ritroviamo in questo secondo episodio, e che si muovono in maniera indipendente tra storie parallele, si ritrovano in situazioni che li spingono ad affrontare rischi e pericoli ai quali non sono abituati, fornendo ai registi e ai doppiatori ampie possibilità di humor, come nel caso delle nevrosi di Max, dell’operazione in incognito di Gidget tra i gatti e nel tentativo di Nevosetto di agire come un supereroe. Un applauso, quindi, ai meravigliosi doppiatori italiani: Alessandro Cattelan doppia Max; Laura Chiatti è la voce di Gidget; Francesco Mandelli è Nevosetto (il coniglio supereroe) e Lillo è Duke.

In un viaggio colorato tra le strade di New York, Pets 2 diverte e commuove, cosa che senza dubbio avrà un grande impatto sul pubblico. Max, che è il centro emotivo del film, dovrà trovare il coraggio di lasciare che Liam, il bambino che ha imparato ad amare oltre ogni immaginazione, cresca e si conquisti una sua indipendenza. Chi diventerà il miglior amico di chi?

Photo: Universal Pictures – Illumination