Red Carpet Rosso Sangue: cult nascosti

Senti particolarmente lo spirito di Halloween ma non sai come calarti nel mood? Questa guida fa al caso tuo! A partire da oggi – fino al 31 Ottobre – ti consiglieremo i film perfetti per un Halloween Rosso Sangue!
Preparati al meglio alla festività celtica più famosa al mondo, ecco i cult nascosti che ogni fan dovrebbe vedere (o rivedere ad ottobre)!
N.B.: Per redigere questa lista sono state compiute delle scelte. Alcuni cult sono rimasti fuori poiché si è cercato di inserire film poco conosciuti ma con atmosfere, stili e contenuti simili all’immaginario di Halloween. 

Rosemary’s Baby di Roman Polanski, 1968.

Uno dei film più famosi del regista, Rosemary’s Baby ha numerose somiglianze con il recente e controverso mother!. Un film angoscioso, ossessivo e, ovviamente, imperdibile!

Guy – giovane attore in cerca di successo – e Rosemary – moglie fedele ed intelligente – si trasferiscono in un antico ed elegante appartamento in un palazzo di New York. I loro vicini sono due arzilli anziani di nome Castavet, piuttosto invadenti e curiosi, che infastidiscono fin da subito Rosemary. Una volta che quest’ultima rimane incinta, il rapporto tra la coppia e i vicini diventa presto morboso. Intanto, strani avvenimenti accadono nell’antico (e sinistro) palazzo dove la coppia abita. Ben presto Rosemary perderà il controllo della situazione…

Vertigine (Laura) di Otto Preminger, 1944.

Noir misterioso e magnetico, Vertigine è sicuramente un film perfetto per una serata all’insegna della hollywood classica. Il personaggio della protagonista, Laura, è stato fonte di ispirazione per David Lynch nell’ideare l’iconico personaggio di Laura Palmer in Twin Peaks.

Qualcuno ha ucciso la bellissima Laura Hunt, sparandole al viso. Il tenente Mark McPherson inizia le indagini facendo visita a Waldo Lydecker, ironico e raffinato scrittore, artefice del successo di Laura come pubblicitaria. Mark non tarda a scoprire la rivalità tra l’attempato Waldo e il giovane bellimbusto Shelby Carpenter, fidanzato della vittima. Ma la vicenda prende una svolta inaspettata, costringendo il tenente a seguire una nuova pista.

Il Villaggio dei Dannati (Village of the damned) di Wolf Rilla, 1960.

Horror fantascientifico inglese, Il Villaggio dei Dannati è entrato nell’immaginario collettivo delle persone grazie ai suoi protagonisti: fanciulli albini dalle capacità intellettive straordinarie. Un classico senza tempo, rifatto da John Carpenter nel 1995.

Midwich, un giorno, il tempo sembra fermarsi per qualche ora: ogni comunicazione con il resto dell’Inghilterra è improvvisamente interrotta e gli abitanti del paese cadono in un sonno mortale nel pieno delle loro occupazioni quotidiane … poi, tutto sembra tornare come prima. Nessuno sa spiegarsi il fenomeno. Qualche settimana dopo, alcune giovani donne del paese scoprono di essere incinte, quasi fossero state fecondate a loro insaputa. I bambini che nasceranno – somiglianti l’uno all’altro come gocce d’acqua – saranno creature incredibilmente intelligenti, prive di sorriso e terribilmente ostili agli uomini.

Che fine ha fatto Baby Jane? (What happened to Baby Jane?) di Robert Aldrich, 1962.

Che fine ha fatto Baby Jane? è un thriller psicologico con protagoniste due dive della Hollywood passata: Joan Crawford e Bette Davis. Soltanto questi nomi vi dovrebbero spingere a guardare il film immediatamente! Se ancora non siete convinti, leggete la terribile trama del film:

Jane, ex bambina prodigio, si è fatta superare nel successo cinematografico dalla sorella Blanche. Quest’ultima, a seguito di un incidente, è costretta alla sedia a rotelle. Le due ex-dive del cinema passano le loro giornate rinchiuse tra le mura di una vecchia e decadente villa hollywoodiana. Jane è tremendamente cattiva con la sorella, rendendole la vita un inferno. 

Eraserhead di David Lynch, 1978.

Primo capolavoro del geniale David Lynch, Eraserhead è un incubo surreale che ha fatto la storia del cinema. Cult per eccellenza, è un film perfetto per una serata fuori dagli schemi narrativi classici.

Harry Spencer, strano ometto dall’acconciatura del tutto particolare, è un tipografo solitario piuttosto strambo che abita in un desolato appartamento nei sobborghi di una grande città che sembra essere chissà come sopravvissuta a qualche disastro o a qualche sfavorevole congiuntura economica o più probabilmente a una vera e propria apocalisse. Harry si vede costretto a sposare la fidanzata Mary, rimasta incinta. Quando il figlio nasce, è in sostanza un mostro e le cose, già complicate, si complicano ancora di più.