Disponibile da alcuni giorni (precisamente da Venerdì 13 gennaio) su Netflix, la prima stagione di Una serie di sfortunati eventi ha già riscosso un grande successo. Ispirata al ciclo di romanzi dello scrittore Lemony Snicket, pseudonimo di Daniel Handler, racconta le sfortunate vicende degli orfani Baudelaire, Violet, Klaus e Sunny. I ragazzi hanno perso i loro genitori durante un incendio nella propria casa, e, affidati ad un nuovo tutore, scoprono di essere caduti nelle grinfie di un uomo dalle intenzioni malvagie: il conte Olaf vuole impadronirsi del patrimonio di cui i ragazzi entreranno in possesso al compimento della maggiore età di Violet, ed è disposto ad ogni mezzo per accaparrarsene. I fan attendevano Una serie di sfortunati eventi ormai da tempo; il film omonimo risale infatti al 2004, e riscosse un notevole successo, incrementato dall’interpretazione di Jim Carrey nei panni del perfido conte. Il cast della serie tv non è da meno: il geniale Neil Patrick Harris, con la sua interpretazione del conte Olaf dà libero sfogo alla sua personalità creativa e poliedrica, in travestimenti ad effetto che divertono il pubblico ed un doppiaggio italiano particolarmente calzante. I giovani Baudelaire, interpretati da Malina Weissman, Louis Hynes e la piccola Presley Smith, sono magicamente tagliati per quel ruolo: dalle scene più tipicamente creative, in cui rivelano una certa eleganza che li accompagna nei gesti, a quelle più “struggenti”, dove l’espressione del volto vale più di qualsiasi battuta. Tutti i personaggi sono ben tratteggiati dall’ideatore della serie Marc Hudis. Ogni dettaglio è ben inserito in episodi sempre sul pezzo. La tosse del signor Poe, stereotipo oltremodo esilarante della figura del banchiere. La compostezza di Lemony Snicket, voce onnisciente ma mai invadente della storia. Le fobie di Josephine, che conduce una vita la cui unica gioia è la grammatica e il suo corretto uso. Ciascuno si muove come guidato da una scienza esatta, perfetto incastro nel mosaico della serie. Sicuramente un esperimento riuscito, che non può deludere il pubblico. Non resta che attendere i prossimi sfortunati eventi della prossima stagione.

A cura di Giovanna Nappi 

Photo Credits: Netflix Italia