IL TITANIC, “LA NAVE DEI SOGNI”, ARRIVA PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA

Ideata dall’americana Premiere Exhibitions, proprietaria del relitto del Titanic, e promossa in Italia da Dimensione Eventi, questa mostra coinvolgerà i visitatori in un viaggio emozionale all’interno della nave più famosa al mondo: i suoi pezzi originali fatti riemergere dall’oceano e le storie dei suoi passeggeri.
L’edizione Italiana della mostra sarà arricchita da una sala interamente dedicata alle storie dei 37 connazionali a bordo e ospiterà anche le testimonianze dei parenti dei passeggeri ancora in vita. La mostra è stata presentata in conferenza questa mattina al Palazzo Civico di Torino. 

Era l’aprile del 1912 quando il Titanic, la nave dei sogni, come era chiamata all’epoca, il più grande e lussuoso transatlantico del mondo, a seguito della collisione con un iceberg durante il suo viaggio inaugurale, affondò in poche ore. Dei circa 2.200 passeggeri, oltre 1.500 passeggeri persero la vita in quella terribile tragedia marina, diventata 20 anni or sono (1997) un kolossal cinematografico apprezzato da milioni di persone in tutto il mondo (noi compresi). Il film capolavoro, diretto da James Cameron con Leonardo DiCaprio e Kate Winslet, ha così contributo a incrementare la notorietà di questa incredibile storia, unendo realtà e finzione cinematografica. Ma forse, non tutti sanno che i personaggi presenti sullo sfondo della pellicola sono realmente esistiti: i membri dell’orchestra, i marconisti, gli ufficiali, tutti i personaggi presenti nel film hanno il nome di persone realmente salite sul Titanic (no, non Jack e Rose).

La mostra Titanic – The Artifact Exibition, in esposizione a Torino dal 18 marzo al 25 giugno presso Promotrice delle Belle Arti, via Balsamo Crivelli 11, offre la possibilità di conoscere da vicino le storie personali dei passeggeri, scoprire le ragioni del loro viaggio in America, attraverso i reperti in mostra, appartenuti sia ai milionari della prima classe che agli immigrati della terza classe.
Alexandra Klingelhofer Vice President of Collections Premier Exhibitions, Inc. arrivata personalmente a Torino per curare e allestire la mostra dichiara:

Quella del Titanic è una storia che è stata raccontata innumerevoli volte, ma mai in modo così dettagliato e con così tanta passione come in questa mostra. Il mio lavoro è quello di conservare, curare e quasi coccolare i reperti per garantirne la conservazione perché anche le generazioni future abbiamo la possibilità di conoscere attraverso di loro una delle più grandi tragedie del 900. La parola chiave del mio lavoro è impegno: ogni volta che un oggetto viene recuperato occorre prodigarsi per preservarlo e mantenerlo in tutta la sua straordinaria bellezza naturale”.

Durante la conferenza abbiamo chiesto ad Alexandra a quali reperti fosse più affeziona e ci ha così risposto:

“Tutti i reperti sono come vecchi amici, tutti sono importanti, ma io sono particolarmente affezionata ad un bellissimo set di valigie di uno dei macchinisti della nave.”

La conferenza di presentazione della mostra. Alexandra Klingelhofe di Premier Exhibition, la curatrice americana della mostra che svelerà i segreti dei reperti e Alberto Sacco, Assessore al Commercio del Comune di Torino . Photo Credits: My Red Carpet

In esclusiva per l’esposizione italiana sarà realizzata una stanza dedicata ai 37 italiani che salparono con la nave dei sogni. Ad impreziosire ancora di più la parte dedicata al nostro Paese anche il modellino in scala 1 a 100 con i quattro ponti superiori completamente arredati costruito da Duilio Curradi, che dopo una carriera in marina è oggi uno dei massimi esperti del Titanic.

La drammatica e al contempo romantica storia del Titanic è così raccontata trascinando i visitatori in fondo al mare, là dove tra il 1987 ed il 1994 RMS Titanic organizzò numerose spedizioni per il recupero del relitto e portò alla luce oltre 4.000 oggetti. Pezzi autentici della nave, oggetti originali di proprietà dei passeggeri, la ricostruzione in scala reale di una cabina di prima classe e una di terza classe, il celebre ponte principale, reperti dell’epoca.  Fino ad una parete reale di ghiaccio che farà comprendere le condizioni di freddo delle prime ore del mattino del 15 aprile 1912. Le audioguide, facoltative, racconteranno la collisione con l’iceberg e l’affondamento della nave “inaffondabile”.  Il percorso museale terminerà con il memorial wall e l’elenco di tutti i passeggeri, tra dispersi e salvati, nel viaggio del Titanic.
Tutti questi oggetti compongono l’essenza di una mostra itinerante che ha commosso e continua a commuovere tutto il mondo. Uno straordinario successo che ha già affascinato oltre 25 milioni di visitatori e che per la primissima volta in assoluto arriva in Italia, con la produzione di Dimensione Eventi, su licenza Premier Exhibitions.

 

 

 

Siete pronti a viaggiare nel tempo e salire sulla nave dei sogni?
A cura di Valentina Fiorino
Photo Credits: Dimensione Eventi