Un sogno chiamato Florida di Sean Baker arriverà nelle sale italiane
il 22 marzo
distribuito da Cinema di Valerio De Paolis

 

Acclamato dalla stampa mondiale e vincitore di numerosi riconoscimenti, il film è nelle classifiche dei Migliori Film del 2017 (Sight and Sounds, Los  Angeles Times, New York Times, Indiewire, Hollywood Reporter…).

Grazie all’intensità della sua interpretazione, Willem Dafoe è stato candidato agli Oscar® 2018 come miglior attore non protagonista, mentre la piccola protagonista Brooklynn Prince, a soli sette anni, è considerata l’attrice rivelazione dell’anno.

Il film è ambientato a Orlando, Florida, la capitale mondiale delle vacanze, un paradiso ricco di sole al quale accorrono ogni anno milioni di turisti da tutto il mondo; un regno incantato con una miriade di parchi tematici, spettacoli e resort. Però, a pochi passi di distanza, c’è un mondo completamente diverso in cui vivono i personaggi descritti da Baker senza pietismi e con una gran dose di allegria.

Un sogno chiamato Florida gioca tra sogno e dramma realistico: colori pastello e architetture fiabesche si mischiano a degrado e povertà. Moonee e suoi amici filtrano la realtà con l’innocenza e la fantasia tipiche dei bambini, ma un contesto sociale in decadimento non risparmia nemmeno loro dalla cruda verità.

SINOSSI

La piccola e vivace Moonee (Brooklynn Prince), insieme al suo gruppo di amici, trascorre le vacanze estive con quello spirito di possibilità e quel senso di avventura tipici dell’infanzia, mentre gli adulti intorno a loro attraversano tempi difficili. Hanno circa sei anni e riescono ancora a trasformare una realtà fatta di fast food, trash televisivo e quotidiana miseria in un’avventura. Moonee è una piccola canaglia, mentre la sua giovane mamma Halley (Bria Vinaite) si muove lungo il confine tra legalità e crimine e l’unico che cerca di tenere insieme le cose è Bobby (Willem Dafoe) il manager del Magic Castel Hotel dove vive Moonee.

Photo Credits: Cinema SRL