Pinocchio e la conferenza stampa con Matteo Garrone, Roberto Benigni, Massimo Ceccherini e Gigi Proietti  

Matteo Garrone torna al cinema il prossimo 19 dicembre 2019 nella maggior parte delle sale cinematografiche italiane, per portare sullo schermo la fiaba italiana più famosa al mondo: Pinocchio. Per l’occasione è stata indetta una conferenza stampa che vantava oltre alla partecipazione di Garrone, anche del cast stellare che compone questo film: Federico Ielapi (Pinocchio), Roberto Benigni (Geppetto), Gigi Proietti (Mangiafuoco), Rocco Papaleo (Gatto), Massimo Ceccherini (Volpe), Marine Vacth (Fata adulta) e Alida Baldari Calabria (Fatina bambina).

Ecco come gli attori e il regista di Pinocchio hanno raccontato la loro esperienza con questo progetto, con questa favola intramontabile

Per il premio Oscar Roberto Benigni, che nel 2002 aveva portato nelle sale la sua trasposizione cinematografica di questa favola, ottenendo scarsi risultati (considerato un flop dalla maggior parte della critica) è arrivato il momento del suo riscatto dimostrando che se in passato non è riuscito a essere un gran Pinocchio, sicuramente è un grande Geppetto.

Roberto Benigni: “Per quanto riguarda Pinocchio, ora non mi ricordo esattamente qual’è l’ultimo che ho visto in Italia e chi l’ha fatto (ride) ma questo di Garrone è il più bello che abbia mai visto. Pinocchio è universale, appartiene a tutti noi, è la nostra storia, è come il sole. Questa storia riesce a dare tantissimi insegnamenti, non è solo una fiaba, va oltre. In più questo film che ho visto anche io oggi per la prima volta mi ha veramente fatto stare bene. E’ una storia d’amore del padre per il figlio, ho cercato di fare il padre è la seconda volta che lo faccio dopo “La Vita è Bella” ma Geppetto è il padre per eccellenza, il padre più famoso del mondo come San Giuseppe entrambi falegnami, con dei figli adottivi che son morti e risorti, è evangelico, ma non solo, è anche capace di divertire, di commuovere. Matteo Garrone lo considero uno dei più grandi registi di tutti i tempi, è in grado di raccontare con le immagini e se penso che questo film straordinario, meraviglioso,uscirà a Natale, lo vedo come il regalo per tutti”.

Foto: Twitter

Il regista Matteo Garrone ha voluto raccontare le motivazioni che l’hanno spinto a scegliere Pinocchio, a voler raccontare proprio questa fiaba: “Ho sempre adorato Pinocchio, da quando avevo sei anni ed è sempre stato un mio sogno poter fare un film su questa favola. Ho iniziato questo processo pensando a come mescolare gli elementi reali con quelli sovrannaturali. E’ un film di cui sono felice perchè riconosco me stesso in ogni fotogramma. Al tempo stesso abbiamo cercato di fare un film che potesse arrivare a tutti, a ogni persona di qualunque età e appartenente a qualsiasi classe sociale. La nostra sfida è stata quella di cercare di sorprendere lo spettatore con una storia che già conosce, incantandolo di nuovo. Con Massimo Ceccherini la collaborazione alla sceneggiatura è nata quasi casualmente, abbiamo iniziato a lavorare sul suo personaggio, quello della volpe e ci siamo trovati così bene che è venuto naturale per noi provare a rivedere anche tutte le altre scene che avevo scritto. In principio la mia sceneggiatura era molto fedele al testo di Collodi, facendo solamente qualche potatura.”

Il ruolo del protagonista è stato affidato a Federico Ielapi, un giovanissimo attore molto promettente di nove anni che ha resisito in maniera eroica a sessioni di trucco della durata di quattro ore al giorno per tutto il tempo delle riprese che sono durate tre mesi.                 

Federico Ielapi: “Un’emozione che mi ha fatto rivivere il sogno di Pinocchio, un sogno con cui sono cresciuto fino adesso alla mia età di nove anni, una favola molto bella. E’ stato bellissimo lavorare con questi grandi attori e queste grandi attrici. Non so come descrivere l’emozione che provo”

Gigi Proietti ha raccontato del suoro ruolo seppur breve ma molto intenso di Mangiafuoco

Gigi Proietti: “ Io e Matteo prima di questo film non ci conoscevamo bene, ci eravamo incontrati una volta per caso. Poi un giorno mi telefona offrendomi il ruolo di Mangiafuoco. Ero molto perplesso fino a quando Matteo venne a casa mia e mi mostrò una mia foto con questo look un pò alla Rasputin, un pò russo. E fu allora che rimasi incantato da questa ipotesi, tanto da aver paura che l’occasione saltasse. Anche se il mio ruolo è bravissimo sono veramente orgoglioso di starci in questo film. Mangiafuoco potrebbe avere un suo film, la storia di un uomo solo che vive con burattini di legno e all’improvviso trova un burattino senza fili, nemmeno un uomo.”

Pinocchio è una coproduzione internazionale Italia/Francia, prodotto da ARCHIMEDE con RAI CINEMA e LE PACTE, distribuito da 01 DISTRIBUTION. uscirà nelle principali sale italiane il 19 dicembre 2019.