Cercando il ritorno alla normalità, Rai Uno trasmetterà in diretta domani sera la 65^ edizione dei David di Donatello

Carlo Conti conduce la 65ª edizione dei Premi David di Donatello, in diretta dallo studio 2 di Via Teulada, domani su Rai 1 dalle ore 21.25, con la regia di Maurizio Pagnussat.

La serata più importante del nostro cinema ha deciso di non fermarsi e si presenta, per la prima volta, in una versione più tecnologica rispetto al passato con l’obiettivo di lanciare un messaggio positivo, forte e autorevole, a sostegno della rinascita del cinema italiano.

Tradizione e futuro

La 65ª edizione dei Premi David di Donatello sulla rete ammiraglia della Rai si svolgerà dunque attraverso una formula innovativa che vedrà i grandi protagonisti del cinema italiano partecipare alla premiazione attraverso collegamenti in diretta, rispettando le disposizioni governative. Sarà un’edizione che unirà il rispetto della tradizione con uno sguardo fiducioso rivolto al futuro.
In quest’ottica, Rai Movie trasmetterà in simulcast con Rai 1 e, sul profilo Instagram del canale, Alberto Farina e Paola Jacobbi commenteranno la serata in diretta, mentre su Raiplay sarà visibile anche per gli italiani all’estero.

I NUMERI DELLA SERATA

Nel corso della serata, saranno consegnati venticinque David di Donatello e il David Speciale che quest’anno andrà a un’icona dello spettacolo e della cultura italiana, Franca Valeri, in grado di rivoluzionare la comicità e l’immagine femminile dal secondo dopoguerra anche attraverso l’invenzione di una lunga serie di memorabili personaggi.
Il David dello Spettatore quest’anno andrà a Il Primo Natale, diretto e interpretato da Salvo Ficarra e Valentino Picone. Il riconoscimento è assegnato al film più visto dal pubblico nei cinema italiani fra quelli usciti in sala entro il 31 dicembre 2019.
A cento anni dalla nascita, l’Accademia del Cinema Italiano celebrerà due fra i maggiori protagonisti della storia del nostro cinema, Federico Fellini e Alberto Sordi. Il regista cinque volte premio Oscar® sarà ricordato proprio attraverso le parole e gli aneddoti del grande attore romano con cui ha condiviso esordi, vita artistica ed esperienze sul set per film come Lo sceicco bianco e I vitelloni. Vicende ed episodi della vita e della carriera di Alberto Sordi saranno invece affidati ai contribuiti di interpreti quali Paola Cortellesi, Christian De Sica, Sabrina Ferilli, Alessandro Gassmann, Luciana Littizzetto, Leonardo Pieraccioni, Vincenzo Salemme e Carlo Verdone.

I FILM CANDIDATI

Sono 23 i film di lungometraggio candidati ai Premi David di Donatello 2020. Tra questi, hanno ricevuto il maggior numero di candidature Il traditore di Marco Bellocchio (18), Il primo re di Matteo Rovere (15), Pinocchio di Matteo Garrone (15), Martin Eden di Pietro Marcello (11), 5 è il numero perfetto di Igort (9), Suspiria di Luca Guadagnino (6).

Miglior film:
Il Primo Re di Matteo Rovere,
Il Traditore di Marco Bellocchio,
La paranza dei bambini di Claudio Giovannesi,
Martin Eden di Pietro Marcello,
Pinocchio di Matteo Garrone;

Miglior regia:
– Matteo Rovere per ‘Il Primo Re’,
– Marco Bellocchio per ‘Il traditore’,
– Claudio Giovannesi per ‘La paranza dei bambini’,
– Pietro Marcello per ‘Martin Eden’,
– Matteo Garrone per ‘Pinocchio’;

Miglior regista esordiente:
– Igort per ‘5 è il numero perfetto’,
– Phaim Bhuiyam per ‘Bangla’,
– Leonardo D’Agostini per ‘Il campione’,
– Marco D’Amore per ‘L’immortale’,
– Carlo Sironi per ‘Sole’;

Miglior sceneggiatura originale:
– ‘Bangla’ di Phaim Bhuiyan, Vanessa Picciarelli,
– ‘Il Primo Re’ di Filippo Gravino, Francesca Maniero, Matteo Rovere,
– ‘Il traditore’ di Marco Bellocchio, Ludovica Rampoldi, Valia Santella, Francesco Piccolo,
– ‘La dea fortuna’ di Gianni Romoli, Silvia Ranfagni, Ferzan Ozpetek,
– ‘Ricordi?’ di Valerio Mieli;

Miglior sceneggiatura non originale:
– ‘Il sindaco del rione Sanità’ di Mario Martone, Ippolita Di Majo,
– ‘La famosa invasione degli orsi in Sicilia’ di Thomas Bidegain, Jean-Luc Fromental, Lorenzo Mattotti,
– ‘La paranza dei bambini’ di Maurizio Braucci, Roberto Saviono, Claudio Giovannesi,
– ‘Martin Eden’ di Maurizio Braucci, Pietro Marcello,
– ‘Pinocchio’ di Matteo Garrone, Massimo Ceccherini;

Migliore attrice protagonista:
– Valeria Bruni Tedeschi per ‘I villeggianti’,
– Jasmine Trinca per ‘La dea fortuna’,
– Isabella Ragonese per ‘Mio fratello rincorre i dinosauri’,
– Linda Caridi per ‘Ricordi?’,
– Lunetta Savino per ‘Rosa’,
– Valeria Golino per ‘Tutto il mio folle amore’;

Miglior attore protagonista:
– Toni Servillo per ‘5 è il numero perfetto’,
– Alessandro Borghi per ‘Il Primo Re’,
– Francesco Di Leva per ‘Il sindaco del rione Sanità’,
– Pierfrancesco Favino per ‘Il traditore’,
– Luca Marinelli per ‘Martin Eden’;

Miglior attrice non protagonista:
– Valeria Golino per ‘5 è il numero perfetto’,
– Anna Ferzetti per ‘Domani è un altro giorno’,
– Tania Garribba per ‘Il Primo Re’,
– Maria Amato per ‘Il traditore’,
– Alida Baldari di Calabria per ‘Pinocchio’;

Miglior attore non protagonista:
– Carlo Buccirosso per ‘5 è il numero perfetto’,
– Stefano Accorsi per ‘Il campione’,
– Fabrizio Ferracane per ‘Il traditore’,
– Luigi Lo Cascio per ‘Il traditore’,
– Roberto Benigni ‘Pinocchio’.

L’INIZIATIVA #riaccendilcinema

In contemporanea con la cerimonia di premiazione della 65a edizione dei David di Donatello, le sale cinematografiche riaccendono le insegne e illuminano lo schermo, in attesa della riapertura e di un ritorno alla normalità.

Con una sorta di flash mob, organizzato da ANEC con hashtag #riaccendilcinema, si intende lanciare un messaggio simbolico agli spettatori, agli operatori e alle istituzioni con il quale si sottolinea l’importante funzione sociale che le sale svolgono quotidianamente sul territorio come luoghi di incontro, partecipazione e scambio culturale, e si evidenzia la necessità di un progetto strategico per il rilancio del settore. A seguito del lockdown, infatti, 1.600 strutture cinematografiche hanno sospeso la loro attività, per un totale di oltre 4.000 schermi su tutto il territorio nazionale.

Il virus non spegnerà il cinema.