Con il mondo colpito dal COVID-19, la Awards Season 2021 subisce cambiamenti notevoli. Scopriamo insieme quali.

Con un mondo piegato dal COVID-19, anche la stagione dei premi ha subito e subirà cambiamenti e cancellazioni per garantire la sicurezza a chi parteciperà alle manifestazioni.

Dal festival di Cannes cancellato e realizzato in digitale tramite “badge” da applicare ai film scelti nella selezione, ai David di Donatello consegnati in “digitale” tramite videochiamata in diretta. Ma la grande vera notizia è stato lo slittamento, di ben 2 mesi, della kermesse cinematografica per eccellenza: gli Oscar. Ciò ha portato alla rivoluzione di tutto il compartimento di premi e cerimonie che lo precedevano e che portavano alla cerimonia finale. Dai Golden Globe ai Bafta, dai Critic Choice Award agli Spirits Awards, un’intera stagione di premi è stata posticipata.

Tra festival e cerimonie di premiazioni, ecco le nuove date finora confermate:

  • 2- 12 settembre: Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia
  • 10- 20 settembre: Toronto Film Festival
  • 20 settembre: Emmy Awards
  • 24 gennaio: Screen Actors Guild Awards
  • 28 febbraio: Golden Globe Awards
  • 7 marzo: Critics Choice Awards
  • 11 aprile: British Academy of Film and Television Arts Awards – BAFTA-
  • 24 aprile: Film Independent Spirit Awards
  • 25 aprile: cerimonia degli Oscar – Academy Awards

Foto: Il Leone d’Oro della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica | Crediti: La Biennale

Come potete vedere da questo riassunto, la Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia ha confermato le sue date a settembre. Anche il TIFF conferma un’edizione digitale, con il lancio di una piattaforma streaming durante i giorni del festival, e con distanziamento sociale tramite proiezioni all’aperto.

Anche per gli Emmy rimane la data del 20 settembre, e l’host sarà di nuovo Jimmy Kimmel. La novità saranno le categorie, che verranno rivedute. Ad ora i favoriti sono le serie tv: Watchmen (HBO), Hollywood (Netflix), Mrs. America (Hulu), The Plot against America (HBO), Little Fires Everywhere (Hulu), Quiz (AMC). 

Anche per gli Screen Actors Guild Awards, la data è rimasta la stessa senza ulteriori informazioni riguardo alla modalità di consegna dei premi. I Critics Choice Awards, solitamente tenuti a gennaio, sono invece rimandati al 7 marzo.

Un’immagine della serie Hollywood | Foto: Netflix

I Golden Globes, seguendo la scia lasciata dagli Oscar, si terranno il 28 febbraio anziché a inizio gennaio come di consueto.

I BAFTA, che tradizionalmente si tengono due settimane prima della cerimonia degli Oscar, hanno seguito l’Academy e sono stati spostati all’ 11 aprile. Anche gli Spirits Awards seguono l’Oscar e hanno deciso di posticipare la consegna al 24 aprile.

L’ Academy prenderà in considerazione film usciti tra il 1 gennaio 2020 e il 28 febbraio 2021, allungando così l’eleggibilità dei film a 14 mesi, anziché i canonici 12 mesi. Di certo per noi italiani sarà un doppio festeggiamento, dal momento che la cerimonia degli Oscar andrà a cadere proprio con la Festa della Liberazione d’Italia. In questo nuovo modo di festeggiare, che avverrà tra 9 mesi, ci sono già ipotesi sulle possibili nomination. I titoli di cui si parla sono: Da 5 Bloods di Spike Lee, The Invisible Man di Leigh Whannell, Emma di Autumn de Wilde, First Cow di Kelly Reichardt, The Way Back di Gavin O’Connor, Onward o Soul di Dan Scanlon per l’animazione e Circus of Books di Rachel Mason per i documentari.