Ci sarebbe una svolta epocale per l’agente con licenza di uccidere: cosa sappiamo su No time to die?

ATTENZIONE: LA NEWS POTREBBE CONTENERE POTENZIALI SPOILER!

Vittima illustre (forse la più illustre) del lockdown, l’attesissima pellicola No time to die della saga 007 dovrebbe uscire nelle nostre sale il 12 novembre 2020. Dovrebbe.

Dopo un’attenta valutazione e attraverso l’analisi del mercato cinematografico globale, all’inizio della pandemia MGM, Universal e i produttori di Bond, Michael G Wilson e Barbara Broccoli avevano annunciato la nuova data. Il film verrà rilasciato nel Regno Unito (e in Italia) il 12 Novembre 2020, seguiranno le altre date internazionali tra cui il lancio USA il 25 novembre 2020

GUARDA IL TRAILER DI NO TIME TO DIE

Pochi i dettagli sulla trama del film: In No Time To Die, Bond si gode una vita tranquilla in Giamaica dopo essersi ritirato dal servizio attivo. Il suo quieto vivere viene però bruscamente interrotto quando Felix Leiter, un vecchio amico ed agente della CIA, ricompare chiedendogli aiuto. La missione per liberare uno scienziato dai suoi sequestratori si rivela essere più insidiosa del previsto, portando Bond sulle tracce di un misterioso villain armato di una nuova e pericolosa tecnologia.

Da qualche ora sono apparse in rete voci insistenti secondo le quale James Bond, in questo venticinquesimo capitolo, diventerebbe padre. Il tombeur de femmes per eccellenza del cinema mondiale potrebbe avere una figlia, che dovrebbe chiamarsi Mathilde e povrebbe essere interpretata da una baby attrice di 5 anni, di nome Lisa-Dorah Sonnet. Le indiscrezioni sulla potenziale paternità dell’Agente Bond si sono diffuse dopo che dei fogli di convocazione sul set (cioè i fogli che descrivono agli attori le attività e la programmazione delle riprese) sono apparsi in vendita su eBay.

Uno dei fogli descrive una scena girata in Italia, a Matera, lo scorso anno, in cui sono coivolte la compagna di Bond, Madeleine Swann (interpretata da Léa Seydoux), l’agente segreto Nomi (interpretata da Lashana Lynch) e una bambina di nome Mathilde. Secondo fonti citate dal ‘Mirror’, diventare papà aiuterà a mostrare come Bond sia diventato più maturo. “Farlo diventare padre apre un mondo completamente nuovo in termini di sviluppo di drammaturgia e sviluppo della storia”, hanno aggiunto le fonti. Le fotografie scattate sul set durante le riprese italiane del film, a Matera e dintorni, mostrano una ragazzina che indossa una salopette blu, tuttavia non è stato confermato da nessuno che si tratti del personaggio di Mathilde.

Se la notizia fosse vera, data la natura del personaggio, significherebbe un cambio epocale, e potrebbe voler dire fondamentalmente una cosa: e se il successore di Bond fosse proprio la figlia?

Foto: Rami Malek in una scena di No time to die – Crediti: Universal Pictures International Italy

IL CAST

Accanto all’immancabile Daniel Craig, in No Time to Die, ritroveremo Ben Whishaw nei panni di Q e Léa Seydoux in quelli di Madeleine Swann, oltre alle affascinanti new entry  Ana De ArmasLashana Lynch e il villain interpretato dall’attore premio Oscar Rami Malek. Secondo quanto affermato dall’attore Premio Oscar® per Bohemian Rhapsody, il suo antagonista sarà un terrorista fuori dagli schemi. Non ci resta che attendere prossimi dettagli, sorseggiando un Martini, come farebbe il nostro caro Bond. 

LEGGI ANCHE: 

No time to die: ecco il primo, adrenalinico trailer dell’atteso film della saga 007

Fonte: AdnKronos