Dopo una produzione travagliata e vari slittamenti di date, The New Mutants è finalmente al cinema grazie a 20th Century Fox: una storia di mutanti teen in salsa horror

Adattamento della serie a fumetti Marvel New Mutants, parte della saga degli X-Men, The New Mutants è un film teen dedicato al mondo dei mutanti. La ciliegina horror ce la mette Josh Boone, regista del famoso remake di IT. È la storia di Danielle Moonstar un’adolescente che scopre, in un momento drammatico, di essere un mutante e di conseguenza di avere dei poteri. Ma non sa ancora quali siano e come controllarli. Viene quindi portata in quello che sembra essere un ospedale psichiatrico dove la dottoressa Reyes vuole aiutarla a scoprire il suo potere. Qui si renderà conto di non essere sola: insieme a lei ci sono Rhane, Illyana, Sam e Roberto, tutti con poteri e caratteri differenti.

Per Danielle integrarsi non sarà facile, soprattutto perché non sa ancora il motivo per cui è stata portata lì e di conseguenza non sa come governare il suo potere. Trova una compagna in Rhane, una ragazza timida e introversa che è in grado di trasformarsi in un lupo. E, nonostante le divergenze, tutti si uniranno contro un nemico comune che entra nelle loro menti e fa credere di vivere momenti passati della loro esistenza. L’unico modo per sconfiggerlo sarà unirsi e usare al meglio i loro acerbi poteri, conoscendosi così anche meglio e imparando a combattere.

La parte horror del film viene data dalle scene che i personaggi rivivono del passato. Un cinecomic claustrofobico ambientato in un ospedale psichiatrico senza via d’uscita, a causa di barriere invisibili che tengono i ragazzi segregati nell’istituto. Tra demoni del passato che abitano il loro subconscio e scene di lotta e battaglia che hanno la loro migliore resa nelle peripezie acrobatiche di Magik/Illenya, in The New Mutants si salta in mondi paralleli e si assiste a combattimenti da cappa e spada come da videogiochi in stile fantasy.

Una morale di fondo che ci insegna a non avere paura delle nostre insicurezze e debolezze, a non farci sopraffare dall’ansia che abita dentro di noi e dalle paure che questi sentimenti posso generare, e ci spinge a combatterle per permetterci di maturare, crescere e diventare persone migliori. Ma non solo, trattandosi di un teen movie, molte delle tematiche sono destinate al pubblico in target: l’amicizia in un cerchio di persone molto diverso (che ricorda molto il film cult The Breakfast Club), l’amore adolescenziale, l’ironia e l’inclusività. Un film che sa intrattenere con leggerezza riuscendo a mantenere un alone di mistero grazia al quale lo spettatore rimane piacevolmente attaccato alla sedia.

Le facce di questi nuovi mutanti non sono nuove: di fatti Rhane/Maisie Williams è l’impavida Aria di Game of Thrones, Sam/Charlie Heaton l’abbiamo visto in Stranger Things nel ruolo di Jonathan Byers, Illenya/Anya Taylor-Joy l’abbiamo vista sia nel film Split sia in Peaky Blinders e Roberto/Henry Zaga visto nelle serie Teen Wolf e Tredici. Una nuova generazione anche di attori che siamo sicuri rivedremo in altre pellicole.