L’ideatrice Bindu de Stoppani, la regista Michela Andreozzi e il cast di Guida astrologica per cuori infranti ci parlano della serie e dei segni compatibili tra loro 

“Noi siamo figli delle stelle…” cantava nel 1977 Alan Sorrenti. C’è chi in quella canzone ci ha creduto e si potrebbe dire che mai come adesso è il cielo a dettare l’umore e gli spunti di conversazione delle persone, ormai più o meno tutte informate sugli elementi base dell’astrologia e riportati per delineare il carattere e la personalità degli individui. Sulla passione per i segni zodiacali Alessia Zucca ci ha scritto un libro, Guida astrologica per cuori infranti, che diventa per Netflix una serie creata da Bindu de Stoppani e diretta da Michela Andreozzi. I protagonisti sono Claudia Gusmano, Lorenzo Adorni e Michele Rosiello, i quali presentano insieme a de Stoppani e Andreozzi la loro storia che potrà essere seguita dal pubblico sulla piattaforma dal 27 ottobre.

Ovviamente prima di cominciare a raccontare più approfonditamente Guida astrologica per cuori infranti i membri della crew non hanno potuto che approfondire le caratteristiche del loro segno zodiacale e come questo ha influenzato il loro rapportarsi al lavoro per la serie. Comincia Bindu de Stoppani: “Sono Sagittario e questo ha aiutato per la visione del soggetto, il mio ascendete Capricorno mi ha invece messa sulla giusta via essendo più severo.”. Continua Michela Andreozzi: “Sono ascendente Vergine e questo è buono perché è compatibile con il Sagittario di Bindu, il mio segno poi è il Cancro il che mi ha aiutato per questo senso della famiglia che ho riposto nella creazione di un progetto collettivo come questo.”.

Tocca poi agli attori svelarsi, partendo dalla protagonista Claudia Gusmano: “Sono Leone e questo ha contribuito alla forza di volontà che ho messo nel progetto. In più è un segno leale e questo è stato importante per la fiducia nel lavoro con gli altri attori.”. Continua Michele Rosiello: “Sono Acquario. Prima della serie non mi interessavo molto a questo mondo, ma poi ho scoperto che come segno quello dell’Acquario è segnato da una forte contraddizione, quella innovativa che va a scontrarsi con quella tradizionalista e tutto a causa del fatto che è governato da Uranio e Saturno, ossia due pianeti completamente agli antipodi. E penso di aver messo proprio questo nel personaggio, il cercare di inquadrare una persona che sembra difficile, ma ha in verità solo più sfumature.”. E per finire il giro Lorenzo Adorni: “Sono Bilancia, ascendente Vergine con luna in Gemelli. Il mio segno mi ha aiutato a trovare l’equilibrio tra il divertimento e la curiosità verso il set e gli altri colleghi, con cui mi sono trovato subito in sintonia.”.

I segni avranno anche influenzato gli interpreti nelle loro performance, ma anche altri riferimenti all’immaginario pop entrano a far parte di Guida astrologica per cuori infranti: “L’idea di partenza è senza dubbio Jessica Day di New Girl, ma dentro c’è anche tanto Bridget Jones, seppur in chiave più moderna.” afferma Bindu de Stoppani “Ho preso dal libro poi, ma ho cercato di spingere la storia in avanti, rendendo il personaggio di Alice una donna che cerca l’amore, ma nella società di oggi, in cui vuole anche affermarsi in primo luogo in quanto professionista. Anche perché non cerca un partner e basta, ma prima di tutto vuole scoprire se stessa”. “Ho cercato anche di metterci un po’ di Winona Ryder” precisa Gusmano “E la mia gatta, molto curiosa e sincera!”.

Guida astrologica per cuori infranti è disponibile su Netflix dal 27 ottobre

Un’altra reference di Guida astrologica per cuori infranti è sicuramente la città di Torino, come sottolinea Andreozzi: “La città ha influenzato molto il look degli attori. Rispecchiavano l’eleganza e la bellezza di Torino, la quale fa trasparire questa sua anima un po’ nord europea. Una città che contiene questa formazione tardiva dei trent’anni, quelli in cui non hai ancora una tua forma, ma la stai cercando.”.

Ad entrare nelle personalità dei personaggi sono poi gli attori. “Quello che volevamo era che i personaggi non fossero perfetti.” commenta la protagonista Claudia Gusmano “È questa la forza della serie. Alice sta imparando a conoscersi bene, ma questo la porta a cambiare continuamente. Quello che ci interessava raccontare era un personaggio che fosse quasi ex novo rispetto al libro, ma mantenesse lo stesso ritmo e umorismo del romanzo. Cercando Alice ho scoperto tante cose di lei e di noi.”. Ed è Rosiello a rimarcare i vari livelli della serie: “Passa da tratti più accesi ad altri più riflessivi, sapendo restituire personaggi imperfetti che non vengono mai idealizzati e questo aiuta gli spettatori a riconoscersi.”.

Questo saper trovare se stessi all’interno della serie è stato un leitmotiv che ha guidato molto gli interpreti. Una ricerca a cui solitamente la società cerca di imporre un’etichetta, cosa che Guida astrologia per cuori infranti non fa, come spiega Lorenzo Adorni: “Per noi, come generazione, è importante sapere che il mondo cercherà sempre di incasellarci in qualcosa, ma potremmo ogni volta sfuggirne. Aver interpretato un personaggio come Tio è una fortuna perché mi ha permesso di capire ancora più a fondo che ognuno di noi coltiva una propria unicità. Questa è una grande forza che ci dovrebbe far capire che dobbiamo credere in noi stessi, senza cercare conferma negli altri.”.

Guida astrologica per cuori infranti è composta da sei episodi e lascia lo spettatore con un finale totalmente aperto. Ci aspetta una seconda stagione? “È già stata girata.” ci informa Bindu de Stoppani “Michela ed io ci stiamo dedicando alla post produzione. Anche perché manca la metà dei segni, ma non sappiamo quando uscirà. Perciò… Watch the space!”.