Tom Holland si presenta negli studios di Cinecittà in ologramma per presentare il cinecomics Spider-Man: No Way Home

Se nella Marvel si parla di multiverso a Cinecittà è invece tempo di ologrammi. Quello che sembra il futuro è in realtà già presente e in particolare un ologramma di Tom Holland che sul palco – questo non virtuale – insieme ad Alessandro Cattelan presenta il terzo film stand-alone del suo amichevole Spider-man di quartiere in occasione del rilascio di Spider-Man: No Way Home, in uscita nelle sale italiane dal 15 dicembre. Se i server hanno dunque crashato dopo l’apertura delle prevendite del cinecomic, la tecnologia è venuta invece in aiuto quando si è trattato di poter scambiare due chiacchiere assieme al protagonista dell’opera diretta da Jon Watts, di ritorno anche lui dopo la direzione di Spider-Man: Homecoming e Spider-Man: Far From Home.

È emozionante promuovere un film del genere, grazie per averci voluto qui.” comincia Tom Holland, proseguendo sull’esperienza di vestire ancora una volta il ruolo del supereroe “È molto eccitante e ci sono delle scene di cui sono molto fiero in quanto attore. È stato bello poter prendere parte a un progetto che veicola sia aspetti comici che drammatici e in cui va formandosi un ottimo equilibrio tra divertimento e tensione.”. Un ruolo che ricopre da quando ha diciotto anni e che, ormai, è cresciuto con lui: “Ho imparato molto da Peter, ma allo stesso tempo credo che se nei primi due film ero io a prendere qualcosa da lui, questa volta è stato lui a prendere qualcosa da me. Anche perché io in prima persona ho affrontato le conseguenze della fama, quelle che adesso è lui a dover fronteggiare”.

Sono certamente le famose responsabilità di cui è stato sempre portatore il suo personaggio che sono cresciute insieme a Tom Holland nel corso del tempo: “È ovvio che il portato di un personaggio del genere aumenta nel tempo. Penso a tutti quei ragazzi là fuori per cui Spider-man può rappresentare o la ribellione dai soprusi o una via di fuga con cui potersi sfogare. Questo è un supereroe che tocca nelle corde profonde delle persone e l’amore che lo circonda fa sentire tutti parte di una famiglia. Questo è un sentimento che mi porta estrema gioia. È per questo che sono fiero di essere Spider-Man.”. E anche Tony Stark sarebbe fiero di cosa è diventato Peter Parker? “Incredibilmente. In questo film Peter prende finalmente delle decisioni diventando così un leader. Negli altri film era sempre colui che seguiva qualcun altro, il ragazzo giovane. In questa pellicola assume una confidenza diversa, diventa protagonista della sua storia impersonando forse per la prima volta il vero Spider-Man.”.

Spider-Man: No Way Home è in sala dal 15 dicembre

E se Iron Man è un co-protagonista del suo passato il nuovo supereroe che la Marvel gli affianca in Spider-Man: No Way Home è il Doctor Strange dell’attore Benedict Cumberbatch. “Doctor Strange non è il mentore di Peter nel film, come molti si aspetterebbero. È un amico con cui ha attraversato un passato che lo ha segnato e a cui chiede aiuto.”. Ma sono ben altri i ritorni che più stuzzicano l’immaginazione dei fan, come quelli dei cattivi di Alfred Molina (Dottor Octopus), Willem Dafoe (Goblin) e Jamie Foxx (Electro). Commenta Holland: “È stata una bellissima occasione poter recitare con questi grandi attori, i quali si sono rivelati gentilissimi.”. L’attore non si sbottona molto, come quando gli viene chiesto se Tobey McGuire o Andrew Garfield, i due Spider-Man precedenti e attesi nel nuovo film, gli hanno dato qualche consiglio per interpretare il personaggio: “Sono cresciuto guardando i loro film, questo vale più di qualsiasi altro consiglio.”.

E se deve scegliere tra le qualità che più apprezza del suo supereroe rivela: “La sua umiltà. Ogni cosa che fa è a beneficio degli altri. Ed è partendo da qui che abbiamo spinto per far arrivare il nostro Spider-Man al livello successivo ed esplorare cosa potevamo dire col nostro protagonista.”. Anche se per Tom Holland è sempre Peter Parker a soffrire più rispetto a Spider-Man: “Perché è lui a non sapere davvero come difendere i suoi cari.”.

Spider-Man: No Way Home arriva nei cinema dal 15 dicembre distribuito da Warner Bros. Entertainment Italia.