Tra la scelta degli attori, gli Oscar vinti e i lavori di Robert Wise: tutto quello che c’è da sapere sul West Side Story del 1961

Il 23 dicembre arriva nelle sale la versione tutta personale di Steven Spielberg del classico del 1961 West Side Story originariamente diretto da Robert Wise e Jerome Robbins. I ricordi di Spielberg si mescolano alla grandezza di un classico del cinema mondiale che torna per infondere nuova linfa nel filone dei musical contemporanei, mescolando insieme la meraviglia di un’opera intramontabile con l’occhio capace e pieno di stupore di uno dei più grandi cineasti mai esistiti. Il risultato non poteva perciò che essere entusiasmate, ma per preparasi alla visione moderna di West Side Story è bene fare un ripasso tra la nascita della storia, la sua fruizione e le curiosità.

west side story

Come nasce West Side Story: genesi e autori

Tutto nasce da Romeo e Giulietta, opera di William Shakespeare da cui prende ispirazione la pellicola. Il film ne è infatti una riproposta in versione contemporanea e musicale, ambientata per le strade di New York. Inizialmente però la storia non avrebbe trattato della differenza tra gli Jets e gli Shark, quindi tra americani e portoricani, bensì tra cattolici irlandesi e ebrei. Il progetto venne abbandonato per cinque anni e venne rimesso sul tavolo quando l’impresario Martin Gabel decise di far incontrare gli ideatori del progetto Jerome Robbins, Leonard Bernstein e Arthur Laurents con Stephen Sondheim. Da qui cambiò la premessa dello scontro, mettendo al centro del racconto la delinquenza giovanile e la conquista del territorio.

west side story

Il titolo West Side Story

Anche il titolo non era quello stabilito all’inizio. L’opera doveva intitolarsi East Side Story.

west side story

I registi del film del 1961

A dirigere il lavoro cinematografico, dopo quattro anni di repliche sul palcoscenico, sono i registi Jerome Robbins e Robert Wise. Robbins è lo stesso da cui prende vita l’idea di West Side Story, le cui musiche dell’opera sono state composte da Leonard Bernstein con parole di Stephen Sondheim. Il libretto dello spettacolo è stato scritto da Arthur Laurents. Jerome Robbins diresse al cinema solamente West Side Story e insieme a Robert Wise vinse la statuetta alla miglior regia nel 1962, segnando per la prima volta la vincita di una co-regia. Non molti sanno che Robert Wise fu vent’anni prima dell’uscita di West Side Story il montatore del capolavoro della storia del cinema Quarto potere di Orson Wells e che la sua carriera fu segnata da un altro grande successo musicale: Tutti insieme appassionatamente, uscito al cinema nel 1966.

west side story

Il casting del film

Inizialmente per interpretare i ruoli di Tony e Maria si era pensato a due nomi altisonanti: per la parte dell’eroe romantico Robert Wise voleva Elvis Presley, mentre la protagonista doveva essere Audrey Hepburn, ma la scelta decadde quando l’attrice rimase incinta. È così che al loro posto vennero scelti Natalie Wood e Richard Beymer. Le interpretazioni che ricevettero la statuetta agli Oscar furono però quelle di Rita Moreno per il ruolo di Anita e di George Chakiris per il suo Bernando, entrambi come non protagonisti

west side story

Come ti cambio il finale

Come sappiamo il film è la rivisitazione di Romeo e Giulietta, ma a differire completamente è il finale. Nel dramma shakespeariano entrambi i protagonisti muoiono a causa del loro amore sfortunato. Inizialmente doveva essere così anche nella pellicola, ma il compositore Richard Rodgers consigliò di scrivere un finale dove Maria vivesse, il che portò alla stesura del suo potentissimo monologo finale in grado di riempire di senso la morte violenta e evitabile del giovane.

west side story

Premi Oscar

West Side Story è uno dei film più premiati della storia del cinema con ben dieci statuette: miglior film, miglior regia, miglior attrice non protagonista, miglior attore non protagonista, miglior montaggio, miglior fotografia, miglior scenografia, miglior costumi, miglior sonoro e miglior colonna sonora. L’unico premio candidato, ma non ricevuto fu quello per la miglior sceneggiatura non originale.