Euphoria, il teen drama con Zendaya, è il ritratto decadente dei Centennials

Torna con l’attesissima seconda stagione EUPHORIA, la premiata serie HBO firmata Sam Levinson con Zendaya. I nuovi episodi sono attesi su Sky e NOW in contemporanea con gli U.S. dal 10 gennaio, quando il primo episodio in lingua originale sottotitolato sarà disponibile a partire dalle 3.00 del mattino su Sky Atlantic, on demand su Sky e in streaming su NOW per poi essere riproposto lunedì sera dalle 23.15. Il 17 gennaio partirà invece la messa in onda della versione doppiata in italiano, ogni lunedì dalle 23.15 su Sky Atlantic (e in streaming su NOW).

Acclamato ritratto a luci al neon della Generazione Z americana, raccontata in maniera molto cruda e senza filtri, la serie è un vero cult vincitore di 3 Primetime Emmy Awards – fra cui quello per la sua protagonista, Zendaya – che ha ridefinito completamente un genere, il teen drama, mai prima di Euphoria declinato con la stessa onestà. 

Rue (Zendaya) è una diciassettenne che ha già alle sue spalle un’overdose e un conseguente rehab. Il ritorno a scuola e alla normalità non riesce ad allontanarla dalle sue dipendenze, almeno finché non incontra Jules (Hunter Schafer). Tra le due coetanee nasce presto una forte amicizia, che permette a Rue di rimanere “pulita” per lunghi periodi. Ma la giovane protagonista di Euphoria non è l’unico personaggio a condurre una vita sregolata: ogni teenager ritratto nella serie HBO convive con le proprie dipendenze, con i propri drammi e traumi. 

La prima stagione è stata un grande successo prima in America e poi in tutto il mondo: Euphoria ha generato un intenso dibattito attorno alla sua natura trasgressiva, tanto millantata persino prima della messa in onda. La rosa dei personaggi ritrae adolescenti insicuri, violenti, innamorati e annoiati che dovrebbero rappresentare i teenagers d’oggi.

Le più aspre critiche si sono concentrate appunto su ciò che il contenuto della serie rivelerebbe: gli adolescenti della generazione Z sono dediti alle droghe, al sesso violento, alla mercificazione del proprio corpo e a tante altre pratiche mostrate nel corso degli episodi. Ma forse questa conclusione non è forse un po’ frettolosa, e nemmeno tanto “nuova”?

Da Noi ragazzi dello Zoo di Berlino a Tredici, passando per Juno e Gossip Girl, numerosissimi sono i prodotti con protagonisti teenagers che secondo i media racconterebbero alcune tra le tante realtà dei giovani d’oggi. Euphoria, come tutti i prodotti teen, narra il frutto della società e del contesto in cui gli adolescenti crescono attualmente.

Il mondo di Euphoria è crudo e schietto, ma sicuramente non realistico.

Regia, fotografia, musiche e montaggio, tutto concorre a creare un terrificante incanto: molte sequenze sposano l’estetica patinata dei videoclip o dei fashion movies, interrompendo il flusso narrativo a favore di un mix assuefacente di suoni ovattati, luci psichedeliche e brani d’elettronica lo-fi.

Spetta a Rue il compito di raccontare le vicende di Euphoria: la sua voce narrante ci accompagna durante tutti e 8 gli episodi, ognuno aperto da un flashback che fa luce sul passato di uno dei personaggi protagonisti della serie. Una struttura che garantisce allo spettatore di avvicinarsi a piccoli passi alla psicologia degli instabili protagonisti della serie.

Durante la serie assisteremo ad una lunga serie di situazioni estreme, borderline e di scene di nudo integrale. Per questo motivo, ogni episodio è accompagnato da un avviso che rimanda ad un servizio di informazione e supporto psicologico, pensato proprio per eventualmente aiutare coloro che si sentiranno toccati dalla storia di Rue e dei suoi coetanei.

EUPHORIA, IL GIOVANE CAST

In otto episodi prodotti, scritti e diretti da Sam Levinson, la nuova stagione di Euphoria vedrà il ritorno di Zendaya e del cast della prima stagione e diversi nuovi ingressi. Nel cast dei nuovi episodi Zendaya, Hunter Schafer, Nika King, Eric Dane, Angus Cloud, Jacob Elordi, Algee Smith, Sydney Sweeney, Alexa Demie, Barbie Ferreira, Maude Apatow, Javon Walton, Dominic Fike, Storm Reid e Austin Abrams. Alla colonna sonora ancora Labrinth, già dietro all’enorme successo della selezione musicale della prima stagione. 

Creatore e sceneggiatore, Sam Levinson è anche produttore esecutivo; produttori esecutivi sono Ravi Nandan, Kevin Turen, Will Greenfield, Drake, Adel “Future” Nur, Zendaya, Hadas Mozes Lichtenstein, Ron Leshem, Daphna Levin; fra i produttori Kenneth Yu; coproduttori sono Ashley Levinson, Harrison Kreiss e Julio Perez. Prodotta in partnership con A24 e basata sull’omonima serie israeliana creata da Ron Leshem e Daphna Levin.