Cinque sconosciuti bloccati dalla neve. Una sola notte per vivere o morire: arriva il thriller ad alta tensione No Exit su Disney+!

In No Exit, Havana Rose Liu (Mayday) debutta come protagonista nel ruolo di Darby, una giovane donna in viaggio per un’emergenza familiare che, bloccata da una bufera di neve, è costretta a trovare riparo in un’area di sosta autostradale con un gruppo di sconosciuti. Quando scopre una ragazza rapita in un furgone nel parcheggio, si lancia in una terrificante lotta tra la vita e la morte per scoprire chi sia il rapitore.

Il trailer

Dal romanzo al film

Sulle alture del Colorado la bufera di neve del secolo infuria da ore quando la nostra protagonista Darby è costretta a cercare riparo nella stazione di servizio di Wanapa, dove un vecchio cartello promette caffè bollente. Tutto ciò che si augura è di riuscire a raggiungere il capezzale della madre prima che sia troppo tardi. Ma in quel luogo isolato dal mondo, nel retro di un furgone dai vetri semioscurati, Darby vede qualcosa che non avrebbe dovuto vedere. Qualcosa di tanto incongruo da farle pensare a una specie di allucinazione: una mano infantile. Inizia così, con un fotogramma fuori posto in una notte travagliata e bianchissima, l’avventura destinata a trasformare Darby nella più tosta e determinata delle eroine e il suo viaggio in una lotta per la sopravvivenza costellata di vertiginosi rovesciamenti.

Pubblicato per la prima volta da una piccola casa editrice inglese, il best seller  No Exit ha conquistato i lettori grazie al ritmo forsennato e all’astuzia dei continui colpi di scena. Divenuto un clamoroso successo del passaparola, ha scatenato aste agguerrite fra gli editori e le major hollywoodiane. Ad aggiudicarsi il progetto ci ha pensato 20th Century Studios, che oggi sceglie di distribuire il film come Hulu Original negli Stati Uniti in esclusiva su Hulu e a livello internazionale come film originale su Star all’interno di Disney+.

no exit

Havana Rose Liu in No Exit

Come è stato realizzato? Parlano i protagonisti!

Diretto da Damien Power, da una sceneggiatura di Andrew Barrer & Gabriel Ferrari e prodotto dal vincitore del PGA Award Scott Frank, il film è interpretato da Havana Rose Liu, Danny Ramirez, David Rysdahl, Dale Dickey, Mila Harris e Dennis Haysbert.

Durante una conferenza stampa in streaming, protagonisti e realizzatori hanno raccontato il processo produttivo di No Exit, in particolar modo, è stato proprio il regista Damien Power a spiegare come è riuscito ad adattare il romanzo, sulla base di un’ottima sceneggiatura:

“Beh, penso che la sceneggiatura che ho letto fosse già abbastanza fedele al romanzo. Tuttavia, ci sono alcuni elementi che pensavo potessimo prendere dal romanzo. L’opera di Taylor Adams aveva una trama fantastica incentrata sul personaggio di Darby: ha una posta in gioco alta, ha questi colpi di scena sorprendenti e d è in grado di trasformare questa ambientazione incredibile e ostile, non dimenticando mai lo scopo della protagonista, una sorta di timer onnipresente che ricorda al lettore/spettatore la presenza della bambina nel furgone. E tutto ciò era già nella sceneggiatura che ho letto di Andrew Barrer & Gabriel Ferrari. Capisco bene che, con un materiale di partenza così prezioso, chi lo ha letto ha pensato che sarebbe stato un film fantastico. Anch’io lo penso”.

No Exit

Ogni personaggio in No Exit ha il suo spazio. A tal proposito Power ha spiegato come sia riuscito a dare a ogni persona le ragioni per fare le cose che finisce per fare nella pellicola, ovviamente senza fare spoiler:

Questo non è un film su un personaggio o su personaggi che intraprendono un viaggio, crescono e cambiano. È davvero un film su come il vero personaggio (e la vera personalità) viene rivelato sotto pressione. E questo vale per ogni singolo individuo presente in quella stanza. No Exit chiede al pubblico di capire chi è il rapitore. Lo vediamo nella Darby di Havana Rose Liu: sta cercando di domandarsi “Chi sei?”. Chi sono davvero i personaggi quando questo accade? Chi sono ora? Chi sono quando la pressione sale a livelli che non si riesce a controllare?

Penso che sia un’esperienza molto umana. E, inoltre, per me, penso che il film parli in qualche modo di come le persone disperate a volte fanno cose terribili. Come la disperazione spinge le persone a fare cose terribili. Tutti quei personaggi sono a loro modo emarginati, per diverse ragioni. Ciò ci ha aiutato a costruire le luci e le ombre dei protagonisti.”

Trattandosi di un film molto fisico e particolarmente movimentato; Havana Rose Liu ha detto di essersi ferita – parecchio – durante le riprese. Ma crescendo come ballerina, ha affermato che i lividi non sono mai stati un grosso problema.

“Sono abituata a buttarmi per terra e a rotolare. Gran parte della fisicità di questo personaggio mi appartiene, mi sono sentita la persona giusta: mi sentivo in grado di mettere il mio corpo in circostanze che potrebbero sembrare pericolose o difficili agli occhi di tutti. Sinceramente, mi è piaciuto molto l’aspetto acrobatico di questo film.”.

No Exit si svolge nel cuore dell’inverno. Ma è tutta magia del cinema.

“In verità, abbiamo girato ad Auckland, in Nuova Zelanda, in piena estate!” ha dichiarato il regista Damien Power.

Guarda il film dal 25 febbraio,
solo su Star all’interno di Disney+.