Dal 7 aprile in esclusiva su Prime Video, in 240 Paesi e territori in tutto il mondo, sarà disponibile Laura Pausini – Piacere di conoscerti con la cantante, autrice e produttrice italiana Laura Pausini, star globale amata in tutto il mondo. Il progetto è nato da un’idea originale di Laura Pausini, scritto da Ivan Cotroneo (La kryptonite nella borsa, Un bacio), Monica Rametta (Un bacio, Il volto di un’altra) e Laura Pausini, diretto da Ivan Cotroneo, con la supervisione creativa di Francesca Picozza e con direttore della fotografia Gherardo Gossi (Diaz, Le sorelle Macaluso). Laura Pausini – Piacere di conoscerti  è prodotto da Endemol Shine Italy per Amazon Studios

Il film nasce da una domanda: cosa sarebbe successo se quella sera del 1993 Laura non avesse vinto il Festival di Sanremo? La regina del pop italiano è per la prima volta davanti alla macchina da presa in un progetto che conferma il suo amore per la settima arte e che svelerà al pubblico la sua vera anima, attraverso scorci inediti della sua vita privata e professionale, dandole anche la grande opportunità di scoprire aspetti di sé e del suo mondo mai visti e immaginati, che per la prima volta saranno svelati al pubblico. Per raccontare la sua storia, Laura torna sui suoi passi, dall’infanzia a tutte le tappe di una straordinaria carriera e alla quotidianità, immaginando per la prima volta quello che sarebbe potuto succedere se non avesse avuto la fortuna e la costanza di vivere una vita da star globale.

Nessuno saprà mai che scelte di vita avrebbe intrapreso una giovane italiana di nome Laura Pausini, se non avesse ricevuto la famosa telefonata che le annunciava di essere stata selezionata per partecipare al Festival di Sanremo 1993, di cui sarebbe diventata la vincitrice più giovane in assoluto, a soli 18 anni, con il brano La Solitudine. Oggi sappiamo che, a quella vittoria, è seguita una vastissima carriera internazionale di enorme successo, che l’ha incoronata regina del pop italiano, nonché vera e propria star in molti paesi esteri.

E’ così che, in 1 ora e 20 minuti di minutaggio, il film ricorda i momenti più soddisfacenti e anche malinconici della vita professionale e personale di Laura. Dalla vittoria al Festival di Sanremo (1993), alle storiche esibizioni allo stadio San Siro nel 2007 – è diventata la prima donna a cantare in quello stadio, battendo il record di presenze con più di 70.000 spettatori – passando per la nascita della figlia Paola, i Grammy, i Golden Globes e approdando persino alla notte della 93esima edizione dei Premi Oscar.

Anche se Laura Pausini non rifiuta la fama, riconoscendo quanto sia stata benevola con lei, con questo film si permette di fantasticare (e noi con lei) su una vita parallela dove la musica non è esattamente il fulcro della sua esistenza artistica: per la cantante, c’è sempre spazio per i piani B, pur senza rinunciare ad essere sempre circondata dall’arte in qualsiasi sua forma.

Con oltre 70 Milioni di album venduti, Laura Pausini è una delle artiste italiane più apprezzate al mondo. Nessuna prima di lei nella musica ha portato l’Italia di fronte a così tante culture. Pausini è reduce dalla recente vittoria del Golden Globe per la Miglior Canzone Originale per “Io sì” – nata dalla collaborazione con Diane Warren – ed è prima donna nella storia della musica italiana nominata agli Academy Awards, per la stessa canzone, da lei interpretata durante la cerimonia degli Oscar 2021 a Los Angeles e seguita in tutto il mondo. Con questo nuovo progetto, l’artista italiana più amata e stimata nel mondo si cimenta oggi, per la prima volta, in un film, che ruota intorno a lei e alla sua storia straordinaria.

Laura sarà presto sotto i riflettori di un palcoscenico diverso dal solito, in un evento di fama mondiale: presenterà infatti l’Eurovision Song Contest insieme a Mika e Alessandro Cattelan il 10, 12 e 14 maggio nella città di Torino.