Un personaggio particolare alla fine della quarta puntata di Moon Knight, Ma anche molte domande come la possibilità di una terza identità del protagonista…

Attenzione! L’articolo contiene degli spoiler, leggetelo solo dopo aver visto la 1×04 di Moon Knight

Moon Knight, quarto episodio, ultima sequenza. Se la prima sensazione è quella di trovarsi nei corridoi bianchi di Joker, ben presto l’Antico Egitto torna prepotentemente nelle stanze dei presunti pazienti psichiatrici di cui Marc Spector fa parte all’interno della struttura del personaggio a cui dà il volto Ethan Hawke, quell’Arthur Harrow che prima dell’epilogo della puntata spara un colpo al petto del protagonista della serie. Ma a scioccare è un’ulteriore, inaspettata comparsa: una femmina di ippopotamo che saluta entrambe le versioni oramai corporei di Marc e Steven Grant. Che cosa è successo, dunque, nel finale di questo episodio?

Prima di tutto c’è da spiegare un antefatto che appartiene ai fumetti di Moon Knight. Il mondo psichiatrico, fatto realmente di doppie personalità e disturbi legati alla mente, è entrato in maniera clinica e attenta all’interno della dimensione del racconto del personaggio interpretato sullo schermo da Oscar Isaac a sottolineare l’effettiva dissociazione che il protagonista tende a creare tra reale e irreale. L’idea di una casa di cura non è perciò così lontana dai modi del racconto del personaggio di Marc Spector, che vede degli albo a lui dedicati in cui l’uomo è davvero convinto di essere affetto da una pazzia che deve essere tenuta sotto controllo.

moon knight

L’identità mancante di Moon Knight

È la serie di Moon Knight del 2016 di Lemire e Smallwood in quattordici numeri a descrivere la situazione all’interno di un manicomio del protagonista che mette in dubbio l’esperienza vissuta o meno dell’uomo in quanto Pugno di Khonshu. In questa versione Marc è un paziente dell’istituto psichiatrico e tutte le avventure che crede di aver vissuto sono in realtà illusioni. Ma per Khonshu, con cui l’uomo comunica ancora, è quella la realtà fintamente ricreata per tenere a bada il mercenario e messa in piedi dagli avversari Seth e Ammut. La storia va avanti e indietro nei ricordi di Marc e delle sue identità con annesse missioni, ognuna resa in maniera diversa nell’illustrazione di differenti artisti. Alla fine della serie Marc non dovrà decidere solamente cosa è reale, ma anche in che maniera approcciarsi a quella realtà.

Ciò che si sospetta possa avvenire nelle prossime puntate è che un’ulteriore identità di Moon Knight venga svelata nel corso della storia. Infatti al momento a mancare è quella del tassista Jake Lockley, che in verità potrebbe essersi addirittura già presentata pur rimanendo all’oscuro degli spettatori. Se si ritorna, infatti, alla prima puntata di Moon Knight ci si domanda su chi è stato a invitare la collega del museo a cena fuori, cosa che sembrerebbe molto poco alla Marc Spector. Nel terzo episodio, poi, né Marc, né Steven erano l’identità in carica durante una colluttazione che ha ucciso diversa gente nel luogo in cui bisognava raccogliere informazioni. E il collegamento potrebbe essere azzeccato visto che di natura Jake Lockley si aggira nei sottofondi della città per cercare notizie nel suo circolo di conoscenze.

moon knight

Chi è l’ippopotamo alla fine della puntata?

La possibilità che Jake Lockley compaia è poi rafforzata da un secondo sarcofago che fa la sua comparsa durante la scena nell’istituto nella quarta puntata di Moon Knight, ma che né Steven, né Marc aprono. Ma non è nemmeno da escludere che il creatore Jeremy Slater abbia avuto la possibilità di dare alla luce una terza e inedita identità al personaggio.

Sicuramente a fare la sua prima comparsa nel cosmo Marvel è la dea Taweret, l’ippopotamo alla fine della quarta puntata che spaventa il doppio Oscar Isaac. Nella mitologia egizia Taweret è la divinità legata alla gravidanza e al parto. È conosciuta anche per la sua funzione di pacificatrice in situazioni ostili e di purificatrice dei morti che devono passare alla fase superiore dell’aldilà. Per ciò che concerne la Marvel, la dea Taweret è la figlia del dio sole Ra, che nell’universo dei fumetti è responsabile della creazione di un Moon Knight malvagio conosciuto come Re Sole. Per scoprire quale sarà il ruolo che ricoprirà nella serie non ci resta che aspettare la quinta e penultima puntata.