Tra 2D e CGI, dallo show business a un cattivo Peter Par: perché dovreste davvero vedere Cip e Ciop Agenti Speciali dal 20 maggio su Disney Plus

Cip e Ciop Agenti Speciali vi aspetta su Disney Plus. Non siete né troppo grandi, né troppo piccoli per un divertimento che coinvolge tutti e che vede tornare sullo schermo la coppia di investigatori pelosi diventati noti soprattutto nel 1989 grazie alla serie Cip & Ciop agenti speciali, la quali li ha visti vestire i panni ufficiali di due risolutori di crimini provetti, che tornano stavolta in forma di lungometraggio. Alla direzione del film originale c’è Akiva Schaffer, che muove tra tecnologia e genere le sorti dell’indagine in cui i protagonisti sono coinvolti, a cui hanno messo mano gli sceneggiatori Dan Gregor e Doug Mand. Ma se non siete sicuri di voler fare questo tuffo nel passato che si affaccia però completamente nel presente, vi diamo 5 buoni motivi per vedere Cip e Ciop Agenti Speciali.

cip e ciop agenti speciali

1) Tra mondo umano e animazione

Cip e Ciop Agenti Speciali non può che far tornare alla mente il classico Chi ha incastrato Roger Rabbit di Robert Zemeckis. Tanto per il fatto che alla base dei due racconti c’è sempre un intrigo che coinvolge il mondo dei cartoni animati, ma soprattutto perché ancora una volta ci si ritrova di fronte alla tecnica mista, la quale coinvolge sia umani che essere animati all’interno della storia. Un modo di veder interagire finzione e realtà, entusiasmando anche a colpo d’occhio. Soprattutto quando si riesce a scovare tra la folla il proprio personaggio animato preferito!

cip e ciop agenti speciali

2) Un caso da risolvere

Ripercorrendo i fasti della serie televisiva 80s, Cip e Ciop Agenti Speciali vuole a tutti gli effetti porsi come giallo in cui dover scavare affondo, non dimenticando però la grande ironia che contraddistingue i due protagonisti della casa di Topolino. Un crimine che i due scoiattoli devono sventare e che riguarda un giro losco e temibile di pirateria mediale. Cip e Ciop, infatti, devono fermare un Peter Pan ormai adulto che ha scelto di mettere su la propria versione delle favole Disney, cambiando i connotati ai più famosi personaggi e creando le sue versioni “fake” dei famosi film animati. Un piano da dover sventare, con arguzia e simpatia.

cip e ciop agenti speciali

3) È lo show business baby

A partire dal caso in cui i personaggi rimangono incastrati e facendo di Cip e Ciop due vecchie stelle della televisione passata, la pellicola ragiona sulla nostalgia che condiziona ormai i racconti di Hollywood e la maniera in cui viene messa in scena. Un’operazione che il film mette in moto ragionando su cosa significa per l’industria dello spettacolo impegnarsi nella realizzazione di reboot, sequel e revival, mostrandosi in questo caso quanto mai attuale e lucido sulla situazione cinematografica e seriale.

cip e ciop agenti speciali

4) Cip e ciop agenti speciali: Nuova e vecchia animazione

Questa riflessione molto puntuale sullo star system e come si inserisce nelle produzioni hollywoodiane confluisce anche nell’osservazione del cambiamento dell’animazione, che diventa immediatamente evidente nel film, basti solo guardare la fisionomia di Cip e di Ciop. Il primo è in 2D, la vecchia tecnica d’animazione, mentre Ciop si è sottoposto ad un trattamento per diventare in CGI. Il vecchio e il nuovo, il passato e il presente si incontrano all’interno di una coppia inossidabile, la quale ragiona sull’animazione che cambia.

cip e ciop agenti speciali

5) I doppiatori italiani, da Raoul Bova a Giampaolo Morelli

Se in originale Cip e Ciop vengono doppiati da John Mulaney e Andy Samberg, nella versione italiana i personaggi hanno la voce di Raul Bova e Giampaolo Morelli. I due attori sono stati bravissimi nel compito di dare voce e personalità ai protagonisti animati, prova che avevano già entrambi superato in passato quando Bova era diventato nel 1997 Hercules, mentre Morelli si era dilettato nel doppiaggio di Flynn Rider in Rapunzel – L’intreccio della torre. Da non dimenticare anche il lavoro di Francesca Chillemi e Jones Bascir nei ruoli di Scheggia e Monterey Jack. Non perdete le nostre interviste ai doppiatori italiani di Cip e Ciop Agenti Speciali!