Award Season
A poco più di 24 ore dal misfatto
My Red Carpet

A poco più di 24 ore dal misfatto, ecco la verità: è tutta colpa di un TWEET!

A poco più di 24 ore dal misfatto
Award Season
My Red Carpet

A poco più di 24 ore dal misfatto, ecco la verità: è tutta colpa di un TWEET!

L’imbarazzante errore che segner? per sempre la notte degli Oscar 2017 ha un nome e un cognome: Brian Cullinan. L’uomo, uno dei due soci della Pricewaterhousecoopers, che aveva il compito di custodire la busta con il film vincitore dell’oscar, stava twittando una foto di Emma Stone nel backstage prima di consegnare la busta sbagliata a Warren Beatty. Notizia dichiarata a seguito di un’inchiesta interna dell’Academy.

Pricewaterhousecooper ? la compagnia che cura il sistema di votazione degli Academy Awards dal 1934 e Cullinan aveva lavorato alla cerimonia degli Oscar negli ultimi quattro anni. Incredibile ma vero, invece di consegnare a Warren Beatty la busta con il Miglior Film, Cullinan, distratto dalla sua attivit? social, ha dato all’attore quella con la miglior attrice, premio che era appena stato consegnato a Emma Stone da Leonardo DiCaprio.

Tre minuti prima dell’epico errore, l’uomo aveva immortalato Emma Stone con in mano la statuetta per La La Land e l’ha postata su Twitter con la scritta “Best actress Emma Stone ackstage! #pwc“. Tweet poi immediatamente cancellato!
Insomma, maledetto fu quel tweet. Non so voi, ma io non vorrei essere nei suoi panni.

Se non lo avete ancora visto, ecco il momento incriminato. LA LA LAND? NO, MOONLIGHT!

 

A cura di Alessandro Gerardi
Photo Credits: Pinterest
Video Credits:?Eyewitness News

?

Articoli recenti

xr:d:DAGCOIbaDQ8:4,j:8601174041356656217,t:24041216
Interviste
Federica Marcucci
The Greatest Hits: l'intervista al regista Ned Benson
Challengers: recensione del film di Luca Guadagnino con Zendaya
Top News
Alessio Zuccari
Challengers: recensione del film di Luca Guadagnino con Zendaya
kinds-of-kindess
News
Alice Gigli
Kinds of Kindness: l'anteprima mondiale al Festival di Cannes
The Greatest Hits
Film
Federica Marcucci
The Greatest Hits: la recensione del film
STAY CONNECTED