2020
Avengers: Endgame
My Red Carpet

Avengers Endgame: quando l'emozione unisce il pubblico

Tags: avengers, avengers endgame, captain america, nerd, tony stark
Avengers: Endgame
2020
My Red Carpet

Avengers Endgame: quando l'emozione unisce il pubblico

Tags: avengers, avengers endgame, captain america, nerd, tony stark

L?energia sprigionata ? tantissima e raggiunge dei picchi che abbiamo potuto osservare poche volte sulla terra, sar? una minaccia per l?equilibrio del sistema solare? Non ? possibile ignorarla, dobbiamo conoscerla da vicino, comprendere la sua natura ed entrare in contatto con essa a rischio di essere contaminati.

L?addestramento ? stato lungo ma soddisfacente, abbiamo osservato, senza mai metterci in mostra, 11 anni di storie umane e spaziali di vari personaggi, alcuni dotati di poteri incredibili, altri di strumenti tecnologici all?avanguardia anche per noi.

 

Durante l?addestramento ci dicevano che gli umani non credono pi? alle storie di fantasia, non vogliono vedere ci? che non ? riscontrabile nel proprio mondo soprattutto non credono pi? nei supereroi anche se pensandoci bene nei file si parlava di una piccola trib? appassionata di queste tematiche definita la trib? dei Nerd.

In questi 11 anni abbiamo visto l?energia di questo fenomeno aumentare sempre pi? tanto da cercare informazioni legate ad un tentativo di conquista mondiale da parte di questo popolo ?Nerd? senza trovare per? alcun riscontro se non una progressiva espansione imprenditoriale di quel topo bipede, chiamato Disney, che si occupa di molte cose per gli umani, non solo di sostenere la scritta MARVEL.

 

MARVEL, curioso nome, presente da molti anni in questo pianeta, crediamo sia un?entit? celestiale seguita da molti adepti in tutto il mondo che comunicano cerebralmente con lei tramite dei libricini contenenti dialoghi e disegni che rappresentano spesso figure simili a quelle viste in quei luoghi che sulla terra chiamano cinema.

Il cinema ? stata la parte pi? complessa da comprendere. Gli umani ne parlano tantissimo ma in modo astratto. Spendono un sacco di risorse per costruire dei luoghi fisici con lo stesso nome ma un numero crescente di loro non li frequenta realmente. Le nostre spie ci riferiscono che tra gli umani si ? diffusa l?idea che sia preferibile vedere le stesse cose trasmesse nei cinema, da loro chiamate film, con delle scatolette pi? piccole, magri sentendo e vedendo peggio le stesse immagini, la chiamano pirateria.

Sono strani questi umani, a dir la verit? lo sono per un sacco di altre cose, sarebbe facile perdersi nelle loro contraddizioni ma noi non possiamo perdere d?occhio la missione.

Siamo nel cinema per l?ennesima volta in questi 11 anni eppure l?atmosfera che si respira ? diversa. Ci guardiamo con gli umani attorno a noi, questa grande stanza ? piena, probabilmente le nostre spie si sbagliavano, i terrestri si raggruppano in questi posti in massa. Ci siamo confusi tra loro cos? che non possano distinguerci.

Si spengono le luci, ENDGAME, siamo preparati ad affrontare questo fenomeno, l?addestramento ci ha reso immuni a tutto, o forse no? Nell?aria si vive attesa, partecipazione ed una sensazione che smuove la parte interna del corpo, qui sulla terra le chiamano emozioni.

Inizia la proiezione e per tre ore terrestri veniamo coinvolti, anche noi, in una storia che richiama tutto ci? che abbiamo visto durante questi anni.

Credo sia una trappola perch? non riusciamo a muoverci dal nostro posto, proviamo dei sentimenti ?umani? molto forti e non abbiamo alcuna intenzione di fare altro se non di scoprire come finir? la storia che stiamo osservando.

Temo di essere scoperto, un terrestre accanto a me continua a coprirsi il volto, ride, urla, applaude e poco fa mi ha stretto il braccio. Ho pensato mi stesse fermando, stavo per smaterializzarlo quando con voce rotta dall?emozione e il volto era solcato da alcune lacrime mi ha detto ?mi scusi signore ma non posso perderli entrambi?.

Si accendono le luci, parla con gli umani vicino a lui di quanto il sacrificio appena visto fosse eroico e di quanto gli mancheranno quei due, Tony e Cap, che non si vedranno pi? in queste storie.

Ora ? tutto pi? chiaro, ora sappiamo la natura dell?energia sprigionata. Questo ENDGAME non ? un episodio singolo ? qualcosa di pi?.

? un?entit? astratta che vive da 11 anni con nomi diversi ed ha un potere enorme: sa creare emozioni in tutti gli umani.

Li ho visti uniti e coinvolti nell?applaudire, nell?urlare e nel piangere. Questi umani si sono legati emotivamente con quei personaggi presenti sul grande schermo a prescindere dall?et?, a prescindere dalla conoscenza di quei fogli di carta dell?entit? MARVEL.

Questi umani sono cresciuti in questi 11 anni e gli occhi che guardano quelle storie sono forse pi? vecchi ma sicuramente non stanchi.

E per questo la nostra missione ? destinata a continuare perch? ENDGAME non ? la fine ma semplicemente la posa di una pietra miliare di un percorso che noi abbiamo il compito di monitorare in mezzo agli umani.

Rimaniamo qui, quindi, con la soddisfazione di chi ha potuto vivere questa esperienza e l?attesa di ci? che Marvel e Disney possano regalarci nel futuro ma dopo 11 anni, cos? come dopo 3 mesi di prigionia, prima i cheeseburgers.

Articoli recenti

ligabue. 30 anni in un giorno
News
Cristiana Puntoriero
Ligabue. 30 anni in un giorno: a marzo arriva al cinema il concerto di Campovolo 2022
darby consulenza fantasmi
Top News
Martina Barone
Darby Harper: Consulenza Fantasmi - Intervista al regista Silas Howard del film di Disney+
shotgun wedding
Recensioni
Cristiana Puntoriero
Un matrimonio esplosivo: recensione del film su Prime Video con JLo
Babylon
Top News
Martina Barone
Babylon: perché gli Oscar 2023 non hanno candidato il film di Damien Chazelle?
STAY CONNECTED