Film della settimana, Recensioni
beata te
Martina Barone

Beata te: recensione del film con Serena Rossi e Fabio Balsamo

Tags: Beata te, Fabio Balsamo, serena rossi
beata te
Film della settimana Recensioni
Martina Barone

Beata te: recensione del film con Serena Rossi e Fabio Balsamo

Tags: Beata te, Fabio Balsamo, serena rossi

Il 25 dicembre arriva su Sky la commedia “divina” Beata te, con protagonisti Serena Rossi e Fabio Balsamo

La trama di Beata te

Conoscete la storia di Maria Vergine rimasta incinta di Gesù? A quanto pare l’arcangelo Gabriele è solito fare il medesimo regalo a più storie nel corso della Storia. E il momento sembra giunto anche per Marta, che dovrà decidere in quattordici giorni se voler diventare madre oppure no.

Cast: Serena Rossi, Fabio Balsamo

Recensione di Beata te

Se usiamo la frase “Beata te” quanti possibili contesti ci vengono in mente? Probabilmente molti, ma tutti rivolti verso la fortuna della persona a cui ci riferiamo. Beata te che fai il lavoro che ti piace. Beata te che hai tempo per divertirti. Beata te che ti riposi e il tuo viso non sembra mai stanco. Beata te che puoi fare tutto quello che vuoi, girando il mondo o riposandoti quando preferisci.

Per Carlotta Corradi e Lisa Nur Sultan “Beata te” ha però un’altra connotazione. Diversa addirittura da quella di Luisa Merlon, da cui parte l’idea del soggetto del loro film basato sulla pièce teatrale Farsi Fuori che è stata rivista e modificata, tanto da avere anche un differente nome.

Paola Randi dirige Beata te

beata te
Credits: Sky Italia

La formula espressiva “Beata te” diventa infatti per le sceneggiatrici il titolo della pellicola che affidano alla regia di Paola Randi e che vede l’arcangelo Gabriele giungere fin sulla terra per infondere lo Spirito Santo nel corpo della quarantenne Marta e lasciarla così miracolosamente incinta. Una pratica che, in verità, va avanti da secoli, ma che ha visto la storia di Gesù e dell’arrivo del Messia come una “limited edition”.

E così la donna, regista teatrale al suo debutto più importante con l’Amleto di William Shakespeare, dovrà decidere se volere davvero un bambino o se rispedire il famoso arcangelo nel regno dei cieli. Ha quattordici giorni per decidere. Quattordici giorni in cui dovrà finire le prove, stare dietro ai problemi di cuore della madre, incontrare il suo ex e capire se la maternità fa o non fa per lei.

Beata te: qual è il ruolo di una donna?

Beata te
Credits: Sky Italia

Dall’aria stravagante, vista proprio la presenza di un essere ultraterreno con tanto di ali giganti – e di un accento argentino che richiama il Papa corrente -, Beata te è un film che solamente a Paola Randi si sarebbe potuto affidare e la sua riuscita ne dimostra le motivazioni.

In questa Roma sospesa in cui la vita della protagonista Marta procede frenetica e in cui è la domanda principale a rimanere fissa – fare o non fare un figlio, un po’ come il dubbio del suo protagonista “essere o non essere” -, la commedia con Serena Rossi e Fabio Balsamo è una riflessione sui doveri di una donna e, soprattutto, su quelli che la società le impone e che non dovrebbero affatto esserlo.

Essere madre o non essere madre?

beata te
Credits: Sky Italia

Non è obbligatorio dover diventare madre, non è obbligatorio dover preferire la famiglia alla carriera, non è obbligatorio nemmeno rimanere fermi sulla propria idea oppure cambiarla del tutto. È quello che capirà la protagonista, così presa (e felice) della sua vita, finché non è arrivato un arcangelo a scombussolare tutto.

Un imprevisto che costringe Marta a ragionare effettivamente su cosa desidera, la quale non ha una fazione precisa in cui stare, non è né una donna che non ha mai voluto un figlio, ma nemmeno una che lo ha ricercato affannosamente. Che non ha mai detto di preferire il proprio lavoro all’opportunità di diventare madre, ma nemmeno che essere genitore sarebbe stato congruente alla sua visione da regista sempre più affermata.

L’equilibrio nell’incertezza di Beata te

beata te
Credits: Sky Italia

E proprio lì, dove Beata te mostra l’equilibrio nelle incertezze della protagonista, la pellicola trova la sua medesima strada tra un racconto che vuole essere analisi di gruppo – insieme al pubblico – su cosa si vuole nella vita e una commedia che ha lo scopo anche di essere spensierata.

Leggera come le piume del suo arcangelo. La Marta di Serena Rossi è una donna che può certamente essere imperfetta, ma non è mai incompleta. Non le manca nulla, non ha bisogna di nulla. E di nessuno. Sarà gradualmente questa la consapevolezza a cui arriverà, non demonizzando chi i bambini li vuole a tutti o costi o chi, invece, non ci ha neanche mai pensato.

Beate te: una storia di amicizia

beata te
Credits: Sky Italia

Se è alla casualità che è bene affidare le svolte della nostra esistenza, è invece una sinergia piena di dolce ironia quella che lega i protagonisti Rossi e Balsamo, i quali mettono in scena la storia di un’improbabile amicizia e di una crescita inaspettata, che nemmeno la protagonista poteva immaginare.

Come anche la messinscena di Paolo Randi, la cura nelle scenografie e l’attenzione ad un vestiario i quali accentuano l’aria pastello sia nella visuale, che nello spirito (questa volta non santo) del film. Un’opera scanzonata e delicata, che cerca di ragionare su quale parte una donna deve ricoprire nel mondo, sapendo che nessuno potrà mai imporle nulla, ma soltanto lei deve e può decidere per se stessa.  

Articoli recenti

miss fallaci
News
Cristiana Puntoriero
Miss Fallaci: al via le riprese della nuova serie Paramount+ con Miriam Leone
la primavera della mia vita
Film in uscita
Cristiana Puntoriero
La primavera della mia vita: il duo Colapesce e Dimartino protagonisti di un road-movie
netflix
Top News
Martina Barone
Da You a Dahmer: il gioco tra serial killer e empatia nelle serie Netflix
ligabue. 30 anni in un giorno
News
Cristiana Puntoriero
Ligabue. 30 anni in un giorno: a marzo arriva al cinema il concerto di Campovolo 2022
STAY CONNECTED