Recensioni
Diario di una schiappa: la recensione del film animato ora su Disney+
My Red Carpet

Diario di una schiappa: la recensione del film animato ora su Disney+

Tags: diario di una schiappa, diario di una schiappa disney plus, diario di una schiappa film, jeff kinney

Greg si considera un quasi adulto, per questo, all’inizio del nuovo lungometraggio Diario di una schiappa, ci tiene a dire al suo pubblico che il suo diario ? a tutti gli effetti un giornale di bordo. Perch? s?, un giornale di bordo, a essere sinceri, ti rende sicuramente pi? “grande” e “consapevole”.

Tratto dall’omonina serie best seller di Jeff Kinney, Diario di una schiappa ? la nuova avventura animata targata Disney+, un prodotto per grandi e piccini che esplora temi importanti per tutti gli adolescenti in ascolto.

LA STORIA

Il protagonista di Diario di una schiappa ? il mingherlino Greg Heffley (di cui sopra), un ragazzino buffo e ambizioso, con una fervida immaginazione e grandi piani per diventare ricco e famoso, ma prima di tutto deve sopravvivere alle scuole medie.?

A peggiorare le cose, e il suo debutto da adolescente alle scuole medie, ci si mette l?adorabile migliore amico di Greg, Rowley, che di crescere proprio non ne vuole sapere.

Mentre i dettagli dei suoi esilaranti – e spesso disastrosi – tentativi di sentirsi adeguato riempiono le pagine del suo diario (giornale di bordo!), Greg impara ad apprezzare i veri amici e la soddisfazione che deriva dal lottare per ci? che ? giusto. Diretto da Swinton Scott (avete presente Futurama?) e scritto e prodotto dal geniale Jeff Kinney, nella versione originale Diario di una Schiappa vanta le voci di Brady Noon nel ruolo di Greg Heffley, Ethan William Childress in quello di Rowley Jefferson e Chris Diamantopoulos in quello di Frank Heffley.

Dal live action all’animazione

Dopo una serie di successo di quattro film in live action adattati dalla popolare serie di libri del geniale Jeff Kinney, il regista Swinton Scott rinnova il franchise come un film d’animazione, sottolineando ancora di pi? l’identit? del progetto, migliorando il suo predecessore cinematografico con una buona dose di dimensione familiare.

Greg Heffley, come un qualunque adolescente alle prese con il primo giorno di scuola media, sta sudando a fatica la sua posizione sociale, e il suo inseparabile diario rosso vivo – che sua madre gli ha comprato – ? forse pi? di intralcio che altro. Spera che la cronaca delle sue imprese pre-adolescenziali serva come base per un libro di memorie una volta diventato ricco e famoso. Fino ad allora, ? costretto a lavorare nell’oscurit? suburbana con il suo migliore amico adorabilmente ingenuo Rowley, mentre la coppia passa dalla scuola elementare alla scuola media.

Per adolescenti di tutte le et?

Simile alla sua controparte del 2010, questo reboot animato affronta in modo divertente aspetti universali dell’adolescenza, come il nervosismo del primo giorno, la natura fugace della popolarit?, le antipatiche gerarchie sociali della mensa e le frustrazioni del non-adattarsi. Ancora una volta, mette abilmente il pubblico nella testa e nel cuore del suo piccolo eroe, dando voce alle ansie dei giovani looser e facendo s? che gli adulti ricordino e si relazionino ai dolori della crescita che accompagnano quella tenera et?. Mantiene lo spirito del materiale originale e i riflettori puntati sul tema alla base: l’autostima. A suo vantaggio, questa iterazione rimodella anche alcuni dei costrutti narrativi e taglia molti dei fili superflui della storia dall’adattamento precedente in live actiom, per concentrarsi principalmente sull’evoluzione dell’amicizia di Greg e Rowley.

Il regista Scott alterna una colorata animazione al computer e il caratteristico disegno a mano di Kinney, utilizzato durante aneddoti e divagazioni espositive. Gli stili coesistono e si completano a vicenda, gestendo con grazia i cambiamenti di umore all’interno della sua storia a colori, che passa sottilmente da una tavolozza tonale calda durante i periodi felici a tonalit? leggermente pi? scure e solenni una volta che la storia entra nelle conseguenze delle scarse scelte etiche di Greg.

Comprendere il comportamento tipico degli adolescenti e i cambiamenti biologici, emotivi e cognitivi che sperimentano ? il primo passo per facilitare la gestione del rapporto genitori-figli durante l?adolescenza. Conoscerli, prima di rimproverarli. E se per farlo possiamo attingere da una serie animata, allora significa un po’ incontrarsi a met? strada.?

Articoli recenti

Spirited-commedia-musicale-natalizia-Ryan-Reynolds-Will-Ferrell
Film
Roberta Panetta
Spirited, ecco la commedia musicale natalizia con Ryan Reynolds e Will Ferrell
mina settembre
Interviste
Martina Barone
Mina Settembre: Serena Rossi e il cast parlano della seconda stagione