2016
"Fuocoammare" di Gianfranco Rosi rappresenterà l'Italia nella corsa agli Oscar 2017.
My Red Carpet

"Fuocoammare" di Gianfranco Rosi rappresenterà l'Italia nella corsa agli Oscar 2017.

"Fuocoammare" di Gianfranco Rosi rappresenterà l'Italia nella corsa agli Oscar 2017.
2016
My Red Carpet

"Fuocoammare" di Gianfranco Rosi rappresenterà l'Italia nella corsa agli Oscar 2017.

Gi? premiato con l’Orso D’Oro al Festival del Cinema di Berlino, ? il documentario di Gianfranco Rosi il film scelto per rappresentare l’Italia e che, qualora giungesse?nella rosa dei 5 finalisti, potrebbe aggiudicarsi l’Oscar come Miglior Film Straniero nella prossima edizione degli Academy Awards che si terr? a Los Angeles la notte del 26 febbraio 2017.

Noi ci speriamo. C’era anche da aspettarselo, non tanto perch? gli altri film concorrenti non fossero all’altezza, anzi, ma perch? questo documentario ?, come definito dallo stesso regista, di tutti.
La scelta ? stata fatta dalla commissione dell?ANICA (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive Multimediali) composta da giornalisti, produttori, distributori del panorama italiano e dal regista Paolo Sorrentino.

Fuocoammare” non fa affidamento sull’estetica, non si aggrappa a dialoghi infiniti o indefiniti, non ? finzione, ? un film documentario ambientato a Lampedusa, l’isola della speranza. Di sicuro non si tratta di giornalismo investigativo perch? quello che fa Rosi ? riportare con immagini e racconti la vita quotidiana di chi il dramma dell’immigrazione lo vive in “casa”. Si parla di pescatori, di medici e soprattutto di migranti.
La vita di Lampedusa ha poco a che vedere con la quella del resto dell’Italia perch? l? i protagonisti sono natura e mare: senzi di essi probabilmente l’isola non avrebbe mai potuto sopportare il peso dell’immane tragedia delle traversate che si ripetono con frequenza preoccupante e devastante.
Un plauso agli altri sei candidati: Perfetti Sconosciuti di Paolo Genovese, Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti, Suburra di Stefano Sollima, Pericle il Nero di Stefano Mordini, Indivisibili di Edoardo De Angelis e Gli ultimi saranno ultimi di Massimiliano Bruno, opere diverse ed eccezionali che hanno fatto rinascere l’Italia in questa stagione cinematografica mai cos? ricca ed eterogenea.

Da bravi italiani noi in questo Oscar ci speriamo, ma la speranza ancora pi? grande ? che la tragica realt? dell’isola siciliana non venga mai dimenticata.

Photo Credits: 01 Distribution
Fonte: La Repubblica

Articoli recenti

darby consulenza fantasmi
Top News
Martina Barone
Darby Harper: Consulenza Fantasmi - Intervista al regista Silas Howard del film di Disney+
shotgun wedding
Recensioni
Cristiana Puntoriero
Un matrimonio esplosivo: recensione del film su Prime Video con JLo
Babylon
Top News
Martina Barone
Babylon: perché gli Oscar 2023 non hanno candidato il film di Damien Chazelle?
Il primo giorno della mia vita
Recensioni
Martina Barone
Il primo giorno della mia vita: recensione del film di Paolo Genovese
STAY CONNECTED