2020
Il signore degli anelli torna in tv: al via questa sera la saga su Canale 5
My Red Carpet

Il signore degli anelli torna in tv: al via questa sera la saga su Canale 5

Tags: Il Signore degli Anelli, il signore degli anelli canale 5, il signore degli anelli la compagnia dell'anello, la compagnia dell'anello, stasera in tv
Il signore degli anelli torna in tv: al via questa sera la saga su Canale 5
2020
My Red Carpet

Il signore degli anelli torna in tv: al via questa sera la saga su Canale 5

Tags: Il Signore degli Anelli, il signore degli anelli canale 5, il signore degli anelli la compagnia dell'anello, la compagnia dell'anello, stasera in tv

Si inizia luned? 27 aprile, in prima serata, con Il Signore degli Anelli: La Compagnia dell?Anello, a cui seguiranno con cadenza settimanale Le Due Torri e Il Ritorno del Re.

Dopo la maratona dei film di Harry Potter e gli appuntamenti dedicati al primo e al secondo capitolo della saga di Animali Fantastici?, Canale 5 continua a stuzzicare la fantasia degli spettatori con i tre film tratti dai romanzi di J.R.R. Tolkien. Si inizia luned? 27 aprile, in prima serata, con La Compagnia dell?Anello, a cui seguiranno con cadenza settimanale Le Due Torri e Il Ritorno del Re.

Hobbiville, Nuova Zelanda

A quasi vent?anni dall?uscita nei cinema, la trilogia diretta da Peter Jackson resta un?opera dei record, con diciassette Premi Oscar complessivi portati a casa (nello specifico, quattro sono stati vinti da La Compagnia dell?Anello, due da Le Due Torri e ben undici su undici nomination da Il Ritorno del Re), un successo di pubblico e critica e una monumentale messa in scena della pi? grande storia della storia del fantasy. Ricreando la Terra di Mezzo in Nuova Zelanda, Jackson ? riuscito a dare nuova vita al capolavoro di Tolkien, anche se le critiche dalla famiglia dello scrittore non sono mancate: infatti, nonostante i film siano riusciti a conquistare una buona parte dello zoccolo duro dei fan dell?opera originale del professore di Oxford, il recentemente scomparso Christopher Tolkien – figlio di John Ronald Reuel e curatore delle sue opere postume – aveva lamentato nel corso di un?intervista al quotidiano francese Le Monde un?eccessiva commercializzazione delle opere paterne, eviscerate per realizzare un film d?azione che ne nullificava l?impatto estetico e filosofico.

Eppure, nonostante molto si sia perso nel passaggio dalle 1137 pagine del romanzo alle nove ore e diciassette minuti (undici ore e ventidue minuti per i temerari che prediligono la extended version) dei film, le vicende di Frodo Baggins e della sua missione verso il Monte Fato restano una storia che affonda le sue radici nella tradizione, fedele a Tolkien nel messaggio e nella messa in scena dei personaggi, diventati ormai iconici. L?Aragorn interpretato da Viggo Mortensen, l?elfo Legolas di Orlando Bloom e lo stregone Gandalf di Ian McKellen, ma anche Liv Tyler nei panni della Stella del vespro, l?elfa Arwen, e Andy Serkis che ha prestato il suo corpo, la sua voce e il suo sterminato talento a Gollum, lo sfortunato hobbit corrotto dall?anello: tutto il cast della trilogia ha reso possibile far vivere di nuovo, in un altro medium, i personaggi complessi e tridimensionali immaginati da Tolkien.

Un anello come simbolo

La trilogia dell?Anello ha una forte valenza simbolica e, negli anni, la storia di Frodo, Sam, Pipino e Merry ? stata riletta in molte chiavi: il viaggio dei quattro Hobbit attraverso la Terra di Mezzo, dalle verdi colline della Contea all?oscuro e infernale Monte Fato, ? una metafora dell?industrializzazione, che con le sue macchine produttive inquina il mondo agreste e bucolico; ma nell?identificare Mordor e Sauron come il male, Il Signore degli Anelli critica anche i totalitarismi: il pericolo rappresentato dall?Unico Anello, il solo in grado di sottomettere gli altri portatori degli anelli, riecheggia in ogni dittatura che sia esista o che ancora esista. Il potere ? uno dei grandi temi della trilogia: il potere dell?anello corrompe chi lo ottiene e spinge chi lo ha a desiderarne ancora di pi?. Cate Blanchett, nei panni della Dama di L?rien Galadriel, viene tentata dall?offerta di Frodo di entrare in possesso dell?Unico Anello e la sua rinuncia, cos? come quella di Gandalf messo di fronte alla stessa offerta, denota una forza di volont? e un desiderio di servire il bene che supera qualsiasi aspirazione personale.

Nel mondo de Il Signore degli Anelli il bene e il male sono entit? distinte e separate, e il desiderio corrompe come una malattia dello spirito: solo un atto eroico di altruismo e sacrificio, come quello compiuto da Boromir (Sean Bean), pu? redimere un?anima corrotta dal potere. Frodo stesso, considerato in molte analisi una figura cristologica, arriva a sacrificare tutto se stesso per portare a compimento, con l?aiuto del fedele Samwise Gamgee, la sua missione. Nonostante questa forte dicotomia tra bene e male, Il Signore degli Anelli non manca di sfumature: Gollum, per esempio, incarna la corruzione, ma anche la follia e sar? solo grazie alla piet? provata da Frodo nei suoi confronti che l?Anello verr? distrutto.

I tempi che corrono

Con la sua trilogia, Peter Jackson ha fissato nell?immaginario di molti un mondo fantastico, una mitologia dei nostri tempi in cui gli uomini, anche i re e i guerrieri, rinunciano ad alcuni comportamenti tossici in favore di un?amicizia maschile affettuosa e mai irrispettosa, uomini che piangono per amore e abbracciano i loro compagni di avventura, relazioni amorose in cui nessuna principessa deve essere salvata dal proprio cavaliere, perch? perfettamente in grado di salvarsi da sola. Arwen, ?owyn, Galadriel: se ? vero che le protagoniste di Tolkien sono poche, a una limitata quantit? non si accompagna una scarsa qualit? e l?autorevole compostezza di Galadriel, la passione e la generosit? di ?owyn e la saggezza di Arwen sono una parte integrante e imprescindibile delle storie della Terra di Mezzo.

Ma perch? riguardare, oggi, Il Signore degli Anelli? Perch? come tutte le storie che raccontano un mondo intero, anche nella trilogia riproposta a partire da questa sera su Canale 5 si possono trovare spunti di riflessione sulla nostra contemporaneit? (oltre a passare tre serate in compagnia di vecchi amici e una storia sempre appassionante): ? il saggio Gandalf a ricordarci che ci sono tempi in cui nessuno vorrebbe vivere, ma che non spetta a noi decidere; noi possiamo soltanto decidere cosa fare con il tempo che ci viene concesso. E stare in casa a guardare la trilogia de Il Signore degli Anelli ci sembra un?ottima decisione.

Articoli recenti

ligabue. 30 anni in un giorno
News
Cristiana Puntoriero
Ligabue. 30 anni in un giorno: a marzo arriva al cinema il concerto di Campovolo 2022
darby consulenza fantasmi
Top News
Martina Barone
Darby Harper: Consulenza Fantasmi - Intervista al regista Silas Howard del film di Disney+
shotgun wedding
Recensioni
Cristiana Puntoriero
Un matrimonio esplosivo: recensione del film su Prime Video con JLo
Babylon
Top News
Martina Barone
Babylon: perché gli Oscar 2023 non hanno candidato il film di Damien Chazelle?
STAY CONNECTED