Film
John Madden ci parla del suo L’arma dell’inganno - Operazione Mincemeat
My Red Carpet

John Madden ci parla del suo L’arma dell’inganno - Operazione Mincemeat

Tags: colin firth, John Madden, L'arma dell'inganno - Operazione Mincemeat

Il 27 marzo al Teatro Petruzzelli di Bari verr? presentato in anteprima il film L?arma dell?inganno – Operazione Mincemeat in occasione dell?evento annuale del Bif&st. La pellicola arriver? nelle sale italiane solamente il 12 maggio, ma nel frattempo abbiamo avuto il piacere di parlare con il regista dell?opera John Madden, che su sceneggiatura di Michelle Ashford riprende il libro di Ben Macintyre che ripercorre gli avvenimenti della primavera 1943. Periodo in cui avviene la missione che d? titolo al film, l?Operazione Mincemeat, e che si lega ad un particolare momento della storia della Seconda Guerra Mondiale. ?Non pensavamo che nel momento di uscita del nostro lavoro ci saremmo ritrovati nel pieno di una guerra? commenta John Madden in riferimento agli accadimenti tra l?Ucraina e la Russia ?Il film ha visto la luce due anni fa, ma anche se ci fossimo dovuti approcciare oggi al progetto non avremmo mai cercato delle assonanze perch? quando si vuole parlare di un punto preciso nel tempo non ? mai il caso di generalizzare. Forse il pubblico, in qualche modo, potrebbe sentircisi pi? vicino, ma il nostro lavoro ? sempre stato quello di attenerci alla verit? della storia.?.

Verit? che si lega alla finzione. Non tanto quella sceneggiata del film, che prende spunto da fatti reali, quanto quella degli agenti segreti dell?Intelligence che hanno dovuto mettere su un piano creando la falsa identit? di un ufficiale britannico. Un?opera che guarda all?importanza della narrazione, come sottolinea Madden: ?Dare vita a qualcosa in cui credere: ? questo il segreto per scrivere film ed ? lo stesso con cui i personaggi agiscono per allestire la loro missione. Devono creare un uomo che non esiste ed ? per questo che il momento dell?ideazione della sua storia d?amore e della lettera che lo accompagna ? cos? importante, perch? ? la chiave con cui anche i nemici potranno pensare che riguardi qualcosa di reale. Si tratta del saper controllare la narrazione, cosa che avviene solitamente fuori dai racconti, mentre nel film ha luogo anche al suo interno.?.

L’arma dell’inganno – Operazione Mincemeat sar? in sala dal 12 maggio

Un prestare attenzione alla storia che contribuisce allo sviluppo dei personaggi di L?arma dell?inganno – Operazione Mincemeat e di cui si pu? riscontrare la buona uscita quando si nota che, pur seguendo gli eventi dei libri di storia, ci si domanda comunque come il film potr? finire. Era esattamente questo l?obiettivo di John Madden, far perdere lo spettatore nel film facendogli quasi dimenticare il finale. ?Per me il segreto di una buona storia ? nel finale. Mi piacciono i film che mi sorprendono sempre. Nella vita vera le sorprese possono anche essere spiacevoli, ma in un?opera anche quando sono negative rappresentano sempre un certo intrigo per il pubblico. Ovviamente con L?arma dell?inganno – Operazione Mincemeat sapevamo gi? come si concludeva la storia. Ci? che perci? bisognava suggestionare era un senso di tormento e terrore che portasse il pubblico a domandarsi comunque fino alla fine se i personaggi ce l?avrebbero o meno fatta.?.

La scrittura e la fiction sono temi che permeano completamente L?arma dell?inganno – Operazione Mincemeat, soprattutto in virt? della presenza nel film del personaggio di Ian Fleming che fu realmente ammiraglio della Royal Navy durante la Seconda Guerra Mondiale. ?Fleming ? stato uno dei tanti scrittori facenti parte delle operazioni di Intelligence durante la guerra. La cosa interessante di questa pellicola ? che i personaggi devono vivere di fantasia per far funzionare il loro piano, e al suo interno ci sono figure come quella dello scrittore che trassero ispirazione poi per i loro racconti di finzione.?.

E mentre a vestire i panni di Ian Fleming ? l?attore Johnny Flynn e troviamo anche il Matthew Macfadyen ormai conosciutissimo grazie al successo di Succession, tra i protagonisti del film ecco comparire Colin Firth, di ritorno in un?opera di Madden dopo la collaborazione nel 1998 per Shakesperare in Love. Un ritrovarsi auspicato dal regista: ?Con Colin siamo legati al di l? del mestiere. Non c?era pi? stato modo di rincontrarci su un set, ma stavolta i nostri impegni coincidevano e in pi? lo trovavo assai adatto per il ruolo. ? un uomo con una visione politica chiara e che conosce la storia e proprio insieme a lui ho costruito bene il personaggio del suo Ewan Montagu.?.

L?arma dell?inganno – Operazione Mincemeat sar? distribuito nelle sale italiane dal 12 maggio.

Articoli recenti

strange-world-disney
Film
Roberta Panetta
Strange World – Un Mondo Misterioso: di cosa parla il nuovo film Disney di Natale?
Spirited-commedia-musicale-natalizia-Ryan-Reynolds-Will-Ferrell
Film
Roberta Panetta
Spirited, ecco la commedia musicale natalizia con Ryan Reynolds e Will Ferrell