Moda e Beauty, Top News
la-sirenetta-costume-design-live-action
Roberta Panetta

La Sirenetta | CineChic: come la costumista Colleen Atwood ha creato i fantastici abiti del film

la-sirenetta-costume-design-live-action
Moda e Beauty Top News
Roberta Panetta

La Sirenetta | CineChic: come la costumista Colleen Atwood ha creato i fantastici abiti del film

La costumista Colleen Atwood sugli abiti ultraterreni che ha creato per “La sirenetta”. Ora al cinema!

L’ultimo remake live action de La Sirenetta è affascinante quanto può esserlo un qualsiasi prodotto degli adattamenti Disney, abbastanza vicino all’animazione pur mantenendo una rispettosa distanza da tutti i tropi problematici associati a gran parte delle narrazioni della principessa.

Non c’è dubbio che Halle Bailey sia assolutamente sbalorditiva nei panni di Ariel; la sua melodiosa voce da sirena interpreta un glorioso ruolo di supporto per tutto il film. Ma la star inaspettata dello spettacolo? La sua stupenda moltitudine di look, tutti immaginati dalla costumista premio Oscar Colleen Atwood.

Un tocco iridescente

Dopotutto, qualsiasi reimmaginazione contemporanea di un film d’animazione Disney è un compito straordinario da affrontare. Dalla creazione del mondo sottomarino di Atlantica al gioioso realismo dell’iconico numero musicale “In Fondo al Mar”, la versione 2023 de La Sirenetta richiede un tocco magico tutto suo.

E per uno spettacolo che tenta necessariamente di rendere omaggio all’animazione originale dandogli un tocco moderno, portare avanti la sua tavolozza di colori sgargianti non sarebbe stato sufficiente per Colleen Atwood. Infatti, i costumi di Ariel ottengono un aggiornamento iridescente e le apparizioni delle sue sorelle sono concettualizzate dopo un attento studio di veri pesci provenienti dai diversi oceani di tutto il mondo, un modo premuroso per rappresentare i loro ruoli di guardiane dei sette mari. Gran parte del film si svolge anche sopra l’acqua, per cui Atwood ha superato se stessa nel ricreare look vibranti ma adatti, che non sfigurano di fronte alla cittadina sulla costa nord-occidentale della Sardegna, dove è stato girato il remake.

la sirenetta sardegna

“Grazie, Sardegna”, la Sirenetta Halle Bailey annuncia la fine delle riprese con una foto alla Ariel.

Con La Sirenetta, è chiaro come il giorno che il mondo fantasy non è estraneo alla creatività della Atwood, essendo nota per le sue opere immacolate in numerose produzioni di Tim Burton (più recentemente, Mercoledì di Netflix). Eppure, anche nel regno del design dei costumi, sembra che i progressi della tecnologia le abbiano aperto interi nuovi universi. La cosa più affascinante da notare è stata forse il modo in cui i costumi dei tritoni non hanno mai avuto bisogno di entrare in acqua con i loro attori. Lavorando fianco a fianco con artisti digitali, la collaborazione tra lei e il team digitale è stato ciò che ha permesso alla sua visione di prendere piena vita. “Questo è ciò che mi piace davvero del mio lavoro: il design della moda cambia continuamente e puoi sempre vedere quali nuove tecnologie sono disponibili e quali cose puoi incorporare nei tuoi progetti”.

Ora che La Sirenetta è nelle sale di tutto il mondo, la Atwood si è concessa ai microfoni di Vogue, analizzando i costumi del live action, inclusi tutti i dettagli sui materiali che meritano uno sguardo più attento, e il modo in cui ha reso omaggio all’animazione originale lungo la strada.

L’aspetto da sirena di Ariel parla di semplice eleganza con la tavolozza iridescente e l’affascinante consistenza, in contrasto con i suoi tenui capelli rossi. Come è stato concepito il suo aspetto più giovanile, rispetto alle sorelle maggiori? Ecco come ha risposto la costumista:
“È divertente, perché tra tutte le sorelle, lei è il riferimento meno letterale ad un pesce. Volevamo davvero rendere omaggio all’Ariel animata, così come lo studio. Quindi ho usato l’Ariel originale come una specie di tavolozza di colori per lei, ma volevo renderla un po’ più sofisticato e più attuale. Per esempio, per la coda, quello che ho scoperto mentre disegnavo è che mi sembrava molto più sinuosa con una sorta di bordo tra le squame e la pelle, invece di attaccarsi solo alle squame come abbiamo provato all’inizio. Le scaglie sembravano pesci, ma ci siamo resi conto che c’era un bordo che le separava dal resto del corpo, quindi non sarebbe stato così creativo ma più umano. Era anche più dolce per lei, specialmente.

Ariel, ovviamente, è stato anche il primo personaggio che abbiamo disegnato. Quindi ho avuto un po’ più di tempo con lei e per il primo test fotografico con Halle ho realizzato un vero costume. Ho usato una sorta di materiale trasparente e scintillante per le pinne. E abbiamo fatto scale reali e una piccola sequenza che era davvero carina. Era un piccolo vestito divertente, ma ci ha dato l’idea preliminare di dove saremmo andati con il suo vestito man mano che andavamo avanti.”

flounder la sirenetta
Halle Bailey as Ariel in Disney’s live-action THE LITTLE MERMAID. Photo courtesy of Disney. © 2023 Disney Enterprises, Inc. All Rights Reserved.

E per quanto riguarda Ursula, come sarà stato lavorare con Melissa McCarthy per concepire il suo aspetto come la strega del mare in La sirenetta ? 
“Ci siamo messi insieme e la prima cosa su cui abbiamo lavorato è stata la sua forma, che era quella specie di estrema forma a clessidra. E anche capire i materiali, perché Melissa voleva davvero indossare il costume il più possibile. Lo abbiamo realizzato in modo che lo potesse portare addosso tutto il tempo durante le riprese, almeno dalla vita in su, oppure poteva semplicemente indossare un body con la stessa scollatura e lo avrebbero messo in seguito. Ma con lei, i tentacoli luminescenti erano fantastici grazie alla scenografia e fotografie molto scure. È stato davvero un bell’artificio avere quelle luci intorno a lei e lei è una specie di showgirl nel cuore, giusto? Quindi l’abbiamo usato anche per sostenere il resto del suo costume.”

Continua la Atwood: “La vera pelle di polpo ha molte dimensioni e può anche cambiare colore in base all’ambiente circostante. Quindi, volevo che anche il suo costume andasse e venisse in modo simile. Ho messo delle paillettes color lavanda e altre super luminose e luccicanti e poi uno strato molto sottile di pelle scamosciata tagliata al laser sopra. Il risultato parla da solo”.

la sirenetta ursula

Articoli recenti

Kung Fu Panda 4: il nuovo trailer del film d'animazione
News
Alessio Zuccari
Kung Fu Panda 4: il nuovo trailer del film d'animazione
barbie film villain
Film
Federica Marcucci
Oscar 2024: Ryan Gosling canterà I'm Just Ken
SuperSex
News
Federica Marcucci
Supersex: la serie Netflix presentata a Berlino
Ghosbusters: Minaccia glaciale, online il poster del nuovo capitolo della saga
News
Alessio Zuccari
Ghosbusters: Minaccia glaciale, online il poster del nuovo capitolo della saga
STAY CONNECTED