Recensioni
RomaFF16 - Vita da Carlo: recensione della serie tv di Carlo Verdone
My Red Carpet

RomaFF16 - Vita da Carlo: recensione della serie tv di Carlo Verdone

Tags: carlo verdone, RomaFF16, Vita da Carlo

Sinossi ufficiale di Vita da Carlo:

L’immagine pubblica di Carlo Verdone ? quella di un uomo generoso e sempre disponibile. A chi gli chiede selfie e autografi, Carlo non si nega mai. Il prezzo di questa costante ribalta ? una vita privata estremamente frugale, quasi come una prigione? o una commedia. Quando poi arriva la proposta di candidarsi a Sindaco di Roma, i risvolti sono ancora pi? comici e imprevedibili. Per la prima volta Verdone interpreta s? stesso, rivelando la sua intimit?.

Recensione di Vita da Carlo:

Anche l?Italia ha la sua sitcom. Sono diversi i prodotti che hanno cercato di adattare gli stilemi delle serie comedy agli usi e ai costumi del Bel paese, tentativi pi? o meno riusciti che non hanno avuto una loro continuit? nel tempo, ma hanno comunque cercato di esplorare un ambito di cui gli americani sono i padroni indiscussi. Prove dai risultati irrisori, pi? o meno meritevoli di lodi o pubblico, forse non sempre consapevoli che ci sono varie maniere per assicurarsi la riuscita di un determinato prodotto, soprattutto quando deve seguire regole chiare e precise.

La sitcom ha perci? bisogno innanzitutto di una scrittura brillante e se questa ? la prima cosa che viene a mancare allora si deve puntare immediatamente alla seconda. Quella che vuole un volto noto come fulcro della storia, colonna attorno a cui vertono tutti gli eventi del racconto, talmente trascinante da convincere lo spettatore a seguire quel prodotto dalla sua prima all?ultima puntata. Trucchetti che un genere tipico della televisione ha spostato direttamente nella finestra delle piattaforme, dove ? Amazon Prime Video ad essersi accalappiata una vera star nostrana, forse una delle poche che avrebbe potuto far vorticare attorno a s? un?attesa e un richiamo di pubblico cos? grande.

Tra realt? e finzione c’?Vita da Carlo

Carlo Verdone ? l?interprete di se stesso all?interno di Vita da Carlo, in cui torna a fare squadra nella creazione del soggetto e nella stesura della sceneggiatura assieme ai due assi della scena italiana Nicola Guaglianone e Menotti. Maestranze che aveva avuto anche al fianco di Benedetta Follia nel 2018 e che lo accompagnano in questa inedita forma digitale, che se vede come destinazione un territorio mai esplorato come quello dello streaming, agisce per Prime Video secondo logiche e trovate gi? consolidate nell?audiovisivo televisivo improntato alla dimensione del comico.

Un ritorno sulla piattaforma dopo il rilascio in extremis di Si vive una volta sola, film che la luce del cinema non l?ha potuta mai vedere – se non per un piccolo evento di tre giorni a Roma assai poco sponsorizzato – e che vuole il comico in versione privata nelle stanze della sua casa, aperte per diventare nientemeno che il nuovo sindaco della Citt? Eterna. Se molti fan si erano mai domandati perch? non fare di un simbolo della romanit? come Carlo Verdone il proprio leader, Vita da Carlo tramuta quel pensiero in realt? e lo fa giocando proprio sullo statuto e il significato che l?interprete e autore ha per la Capitale.

Un?ironia che si mescola a quelle che sono le caratteristiche conosciute dell?attore, dall?influenza dei suoi personaggi sulla scena italiana alla ben pi? intima, ma risaputa ipocondria che lo attanaglia, fino a quell?amore per la sua squadra di calcio che diventa argomento per i fan con poter attaccare bottone. Ma non basta la messa in scena di una personalit? di natura buffa come quella di Verdone per poter rendere funzionale un prodotto, nel particolare quello della sitcom che ha poco tempo per potersi affermare e poter mostrare il proprio valore.

Accendere?Vita da Carlo, voler vedere i vecchi film

Sicuramente un?operazione che, nonostante i problemi di scrittura, sapr? e potr? indirizzarsi verso uno spettatore assai specifico. Quello che di Carlo Verdone non ha mai perso nemmeno una pellicola, che continua a seguirlo nella sua carriera ultra trentennale che lo ha visto rivestire qualsiasi ruolo all?interno della macchina industriale italiana (regista, sceneggiatore, attore, ma anche produttore o assistente alla regia?). Ma anche lui non potr? che ridere sommessamente, accennare giusto un mezzo sorriso. Perch? quella che ? la simpatica scelta di rendere Carlo Verdone sindaco di Roma si brucia velocemente dopo la prima puntata, con la difficolt? di proseguire una linea comica che sia anche frizzante e veramente divertente.

Anche un affezionato in cuor suo sa di non poter paragonare la sitcom Vita da Carlo con i fausti comici della sua stella preferita. Nonch? un?ulteriore domanda su dove stia viaggiando il futuro della produzione dei lavori di Carlo Verdone, mentre ci ritroviamo a premere play per poter rigodere di alcune opere imbattibili del suo passato, che fortunatamente rimarranno in eterno come la sua citt?.

Articoli recenti

Noi Principesse Sempre Celebration, qual è l’abito più amato? INTERVISTE
Interviste
Roberta Panetta
Noi Principesse Sempre Celebration, qual è l'abito più amato? INTERVISTE
rosaline
News
Martina Barone
Rosaline: su Disney+ arrivano Romeo e Giulietta come non li avete mai visti