Recensioni
Single per sempre?: recensione della rom-com di natale su Netflix
My Red Carpet

Single per sempre?: recensione della rom-com di natale su Netflix

Tags: netflix. rom-com, Recensione, single per sempre

Sinossi di Single per sempre?:

Peter convince il suo migliore amico Nick? a passare le feste insieme fingendo di avere una relazione nel disperato tentativo di evitare il giudizio della famiglia sul fatto che sia eternamente single. Ma quando la madre gli organizza un appuntamento al buio con l’affascinante personal trainer James, i suoi piani vanno a rotoli.

recensione di Single per sempre?

Emancipati, indipendenti, finanziariamente autonomi: possiamo sentirci slegati dalla famiglia per il resto dell?anno ma a Natale tutto cambia. L?idea di passare nell?obbligo delle festivit? implica un ritorno a casa forzato, e con esso, il fardello dei pranzi a pi? portate, delle chiacchierate pi? o meno partecipate, dell?aggiornamento automatico sul nostro stato sentimentale. Ci siamo passati tutti, e sull?invasivit?, molto spesso bonaria, dell?albero genealogico sul povero o la povera single della tavolata il cinema, e ancor prima la tv, ha giocato a suo favore, proponendo un?infinit? di commedie romantiche sulla solitudine sentimentale e sul ripiego illusorio del finto partner per far felice mamma e pap?.

La cosiddetta ‘singletudine’ d?altronde innesca dinamiche spassose e psicologiche, ancor pi? lo fa l?equivoco del fidanzato/a arruolati nell?apposite vesti giusto il tempo dello scarto dei regali, o in altrettanti eventi costrittivi quali i matrimoni. Da The Wedding Date – L’amore ha il suo prezzo al recente Love Hard, Single per sempre? reimposta la premessa della menzogna a fin di bene, delineando una rom-com natalizia dall?happy ending, stavolta per? in versione queer e politically correct.

La questione imprescindibile del finto fidanzato

La menzogna tra i coinquilini californiani Peter (Michael Urie) e Nick (Philemon Chambers), il primo edonista addetto ai social, l?altro scrittore di libri per bambini, viene concordata qualche giorno prima la consueta partenza per gli Hampshire, dove ogni anno Peter viene accolto a braccia aperte dalla famiglia d’origine. A seguito dell?ennesimo uomo che gli ha spezzato il cuore infatti, (l?ultimo ? un cardiochirurgo segretamente sposato e con un figlio), al protagonista non resta che portare l?amico del cuore a casa per Natale, facendo credere a tutti che i due in verit? si sono finalmente innamorati.

Ancor prima di ingannarli per?, Peter accetta con riserva un appuntamento al buio con l?aitante personal trainer James (Luke Macfarlane), e nonostante l?iniziale reticenza i due cominciamo a frequentarsi. Sar? prima il defilato padre (Barry Bostwick), poi le nipoti adolescenti (Madison Brydges e Alexandra Beaton), e con loro le sorelle (Melanie Leishman e Jennifer Robertson), e persino la madre ‘cupido’ (la Kathy Najimy di Sister Act) a capire che in realt? Peter e Nick sono fatti l?uno per l?altro e spingeranno i due a rivelare, finalmente, i propri sentimenti.

Jingle Bells… Single all the Way

Prima rom-com di natale su Netflix con protagonista un omosessuale, Single per sempre? de-problematizza completamente l?identit? di Peter azzerando reticenze familiari e vecchi rancori, assecondando l?amore fra due ragazzi come inclinazione totalmente assorbita dalla famiglia in questione e, anzi, incoraggiata a risolversi perch? concepita come predestinata. Lo sceneggiatore Chad Hodge (Good Behavior, Tru Calling, The Playboy Club) infatti abbraccia la questione LGBT scardinando in parte una narrativa che sino ad ora era appartenuta solamente a coppie protagoniste di sesso opposto, ma pareggiandola senza alcuna inventiva su binari gi? pienamente calpestati.

La trama ricalca svolgimenti, premesse, ambientazioni e tonalit? sentimentali di commedie tradizionali come ne esistono troppe, muovendosi nel terreno dei buoni sentimenti, delle madri e le zie sopra le righe (Jennifer Coolidge), della costruzione in divenire dell?atmosfera natalizia attraverso l?escamotage della reunion familiare innevata e pluri decorata. Orgogliosamente queer e orgogliosamente americano, Single per sempre? accontenta un pubblico d?identit? confortando tutti gli altri, non lanciandosi troppo in l? del prevedibile e del rassicurante, cercando di obbedire ai canoni narrativi dell?amore in costruzione rivelato non pi? sul colpo di fulmine ma piuttosto sulla sua lenta sfioritura.

Pienamente specchio di una societ? che necessita del cambiamento, iscrivendo in tutto ci? che sino ad ora era appartenuto ad una rappresentazione parziale e non pienamente inclusiva, Netflix aggiorna la raffigurabilit? del natale in famiglia normalizzando (e diremmo: giustamente) l?amore gay, ma privando quello stesso adeguamento culturale di intrattenimento, slancio, o qualsivoglia riflessione capace di lasciare un impronta visibile alle rom-com del prossimo natale.

Leggi anche:

 

CANTO DI NATALE DI TOPOLINO: 5 MOTIVI PER RIVEDERE IL CLASSICO DISNEY

Articoli recenti

omicidio nel west end
Film
Martina Barone
Omicidio nel West End: recensione del film con Saoirse Ronan
40-torino-film-festival
Eventi
Roberta Panetta
40° Torino Film Festival: Ugo Nespolo firma la meravigliosa immagine della nuova edizione