Film, Recensioni
Sneakerentola
My Red Carpet

Sneakerentola, la recensione | I sogni son...passioni nel nostro cuore

Tags: disney, sneakerella, sneakerentola

Mettete il vostro paio di sneakers preferite e tenetevi forte: state per ballare tra le strade del Queens con El e Kira, al ritmo dei vostri sogni pi? puri

Sulla scia del rimaneggiamento favolistico liberale, gender-fluid e, finalmente, attualizzato, dei grandi racconti della nostra infanzia, Disney+ non rimane da parte e ci regala Sneakerentola, una delle aggiunte pi? interessanti, dinamiche ed emotivamente centrate del catalogo. Il “cambio scarpe” dal cristallo alle sneakers ? inevitabile in un panorama di offerta giovanile che deve brillare con prodotti immediati e d’impatto, verso un supereroismo vibrante, che avvicini i propri protagonisti all’immaginario dei possenti eroi Marvel, ma lasciandoli vivere di libert? e desideri umani, sogni e speranze che non si esauriscono mai durante l’adolescenza.

Esce oggi sulla piattaforma Sneakerentola, per la regia di Elizabeth Allen Rosenbaum, fiaba hip hop contemporanea in cui ? El, un aspirante designer di scarpe da ginnastica del Queens, a prendere spiritualmente le veci della principessa di Charles Perrault. El non perder? la scarpetta, anzi: il suo sogno ? quello di produrne il pi? possibile, ma ? confinato a lavorare nel magazzino di scarpe del padrino e costretto a nascondere il suo talento artistico. Sar? l’incontro casuale con Kira King, la figlia della famiglia reale delle scarpe da ginnastica pi? in voga del momento a Manhattan, a far scattare la scintilla tra i due e a rendere El ancora pi? consapevole delle proprie ambizioni e talento, non senza qualche peripezia. Sono Chosen Jacobs e Lexi Underwood a interpretare rispettivamente El e Kira, accompagnati da un cast variegato e di talento, che comprende John Salley, Devyn Nekoda, Juan Chioran, Bryan Terrell e Kolton Stewart, tra gli altri.

Allacciate i lacci e preparatevi a volteggiare tra la quotidianit? del Queens e l’estro creativo di Manhattan, in un musical variopinto che dipinge la Grande Mela attraverso i sogni e il talento dei giovani cittadini: El e Kira sono i legittimi successori di Miles Morales, che aprono le porte agli spettatori per un viaggio incredibile alla ricerca del se, nella forma pi? pura del coming of age per ragazzi. Avvalendosi di una colonna sonora assolutamente orecchiabile e supportata da grandiosi numeri coreografici, Sneakerentola riesce a scuotere le radici del racconto musicale portato avanti da High School Musical, film di punta Disney che ha segnato una generazione di ragazzi, non dimenticandosi mai che i tempi sono cambiati, ed ? giusto alimentare con fervore messaggi aspirazionali, in modo tale da raggiungere una fetta di pubblico pi? vasta possibile.

Nell’era dell’immediatezza dell’immagine, di Tik Tok e dei micro-contenuti, ? essenziale che un buon prodotto per giovani riesca a dar vita a narrazioni d’impatto, pronte ad essere ricordate, assimilate e condivise. Quale miglior MacGuffin di un paio di sneaker pu? rappresentare al meglio la concretezza visiva di cui ha bisogno il cinema da piattaforma per oggi, sorretto da un cast di livello che renda possibile l’ipotesi di storyline culturalmente variegate, dopo La Principessa e il Ranocchio? El e Kira non cantano pi? che i sogni son desideri, ma che la vita ? ci? che noi stessi costruiamo: non basta avere grandi ambizioni, bisogna impegnarsi per far s? che diventino realt?, per non lasciarsi soffocare da una citt? che ha promesso troppo con il mantra del “sogno americano”, ? si ? poi dimentica che la sua stessa forza risiede nella multiculturalit?, nei quartieri lussureggianti che la compongono.

Forse Sneakerentola non ? il primo titolo che i giovani spettatori punterebbero a vedere questo weekend, dopo anni di remake pi? o meno riusciti della celebre fiaba, con l’ultimo con protagonista Camila Cabello risalente a solo qualche mese fa. Eppure, ci auguriamo che il pubblico sia portato a scoprire questo nuovo prodotto Disney+ in maniera casuale, proprio come avvengono le migliori svolte del film, senza magia o fate madrine a dover portare avanti la narrazione. Abbiamo davvero bisogno di giovani protagonisti come El e Kira che, assieme alla Riley di Inside Out, siano pronti a scoprire chi sono, ricordando le proprie origini e chi ci ha preceduto, ma non avendo paura di tendere la mano al destino e scoprire che le nostre emozioni, soprattutto quelle pi? nascoste, ci indicheranno la strada giusta.?

A mezzanotte non svanir? la magia di Sneakerentola, nessuna tempistica ? imposta ai nostri dolci protagonisti: il film di Elizabeth Allen Rosenbaum vive tanto nella memoria favolistica quanto nel presente delle mode e dell’irruenza giovanile, che va incontro all’ignoto e alla speranza del futuro. Non c’? nessun principe azzurro da attendere, nessuna scalata sociale da dover intraprendere repentinamente per salvaguardare il proprio posto nel mondo. E’ l’unione con chi ci ? accanto, la vicinanza familiare e amichevole, che ci sosterr? nel nostro “e vissero felici e contenti” del presente, puntando insieme al futuro.

Articoli recenti

Blonde
Film
Martina Barone
Blonde: il film su Netflix è anti-abortista e violento?
omicidio nel west end
Film
Martina Barone
Omicidio nel West End: recensione del film con Saoirse Ronan