Recensioni, Top News
Stranger Things 4
My Red Carpet

Stranger Things 4, recensione: i suoi volumi come Infinity War e Endgame

Tags: netflix, Sranger Things, stranger things 4

Il Vol. 2 di Stranger Things ? arrivato e la quarta stagione si conferma la migliore della serie. La divisione in due parti ha generato ancora di pi? un senso di evento attorno alla storia ideata dai fratelli Duffer, distribuendo con parsimonia un?emotivit? che ha avuto il tempo di dilatarsi nel periodo di attesa tra un volume ed un altro, aumentandone ancora di pi? il valore alimentato anche dalla durata esorbitante degli ultimi due episodi finali.

Un?operazione che ha dietro un marketing e un appeal posti a stuzzicare continuamente l?animosit? del pubblico che ? stato totalmente catturato dalla maledizione di Vecna iniziale per rimanerne definitivamente vittima con la conclusione della stagione, affermando il portato oramai mastodontico di un?operazione seriale tra le pi? famose e mainstream degli ultimi anni. E confermando che dietro alla suddivisione Netflix c?entri solamente l?ammontare di attesa, chiacchiere, speculazioni e voglia di scoperta le quali contribuiscono alla notoriet? e alla volont? dei creatori e della piattaforma di farci entrare nel vivo del cuore del ?fenomeno?.

Tra Marvel e Netflix

Esattamente come avvenne nell?intervallo di tempo dal 2018 al 2019 mentre silenti aspettavamo di veder concludersi uno dei percorsi cinematografici pi? monumentali di sempre, che tra l?apertura e la chiusura di Avengers: Infinity War e Avengers: Endgame metteva al centro un bacino di tempo la cui durata ha fruttato l?aumento di presa e di attenzione nei confronti dei blockbuster. Ma ancora una volta, proprio come la strategia adottata dalla Marvel, anche Stranger Things ha dimostrato quanto fare riferimento alle aspettative non sia poi il modo migliore con cui far cuocere nel proprio brodo lo spettatore, che mentre aspetta tra un prodotto ed un altro ha tutto il tempo di sentir ammontare dentro s? speranze e auspici volti alla grandiosit?.

Non che il Vol. 2 disattenda le soddisfazioni che il pubblico pu? ricevere dalle due puntate finali, ma di cui ci si domanda se la distanza posta tra loro e le precedenti non abbia creato una sorta di frizione che ne impedisca il medesimo clamore che gli altri episodi erano riusciti a sollevare. In realt?, a prescindere da cosa il pubblico poteva prevedere o meno col proseguimento della narrazione, il finale di Stranger Things si ? rivelato perfettamente coerente con i toni e il compimento delle storyline che erano state fatte partire dal principio. Ma ? un certo sprint quello che il pubblico bramava viste le settimane che gli sono state date, facendolo accrescere al proprio interno e che forse non si sarebbe gonfiato cos? tanto se la stagione fosse stata consegnata interamente in un solo volume.

Un ponte con il Sottosopra

L?effetto Infinity War e Endgame si ripresenta perci? ancora. Al netto di una qualit? riconoscibile e riscontrabile in entrambe le pellicole, la sensazione di attaccamento e di commozione che il primo film riesce a far fuoriuscire ? superiore visto che al proprio interno risiedono i segmenti di una storia arrivata all?apice del racconto prima del suo epilogo. ? il punto di sentimento massimo, di coinvolgimento pi? intimo, di attaccamento a una storia e, soprattutto, a dei personaggi il cui destino ? ancora spalancato di fronte a loro nonostante si trovino completamente in balia di un male pi? forte e potente. ? il vederli a terra, quasi sconfitti, determinati per? a non arrestare una battaglia che sanno dovr? ancora arrivare grande e travagliata pi? di quella che hanno fino a l? vissuto e che non li vedr? mai pi? cos? uniti come in quel momento. Un po? come con Il Signore degli Anelli – Le due torri, ponte tra la formazione della compagnia di Frodo Baggins e la sconfitta di Mordor nonch? probabilmente miglior film dell?intera trilogia.

Ma tra ci? che il pubblico poteva volere e ci? che poi ha effettivamente avuto, Stranger Things Vol. 2 ha offerto uno spettacolo che ha riaffermato il primato di una stagione che ha saputo rendere ancora pi? espanso il proprio mondo, facendo con lui estendere il terrore e il potere del temibile Sottosopra. Il passato e i piani deliranti di Vecna si approfondiscono in quello che ? l?auspicato e pronosticabile scontro con Undici, il quale non racchiude per? il solo istante di spettacolarit? delle puntate, ma lo estende ad un piano che metter? in pericolo i personaggi di qualsiasi linea narrativa della quarta stagione, facendoli convergere tutti verso la mente alveare nemica. La tensione ? alta e la percezione che a qualcuno dei partecipanti della lotta contro Vecna/Henry/Uno dovremmo dire addio anche, ma non ? il dolore quello che Stranger Things ricerca, bens? che il proprio racconto possa avanzare unendo dei tasselli che sono stati sapientemente messi fin dal suo inizio, vedendone sempre pi? chiaramente il quadro generale.

I destini di Stranger Things 4

Ogni personaggio ha perci? il proprio destino da inseguire, che si incrocia con quello dei suoi compagni tentando nuovamente di salvare una cittadina come la loro Hawkins martoriata dagli accadimenti che hanno continuato ad affliggerla negli ultimi anni. E le cicatrici e le bruciature, il sangue e le ripercussioni sullo spirito e i caratteri dei protagonisti si manifesteranno per una conclusione che ci d? il sentore che il peggio non ? ancora arrivato, che la sofferenza attraversata con questa quarta stagione ? solo il preludio di quella quinta e ultima che gi? cominciamo ad attendere.

Devono ancora finire di crescere Undi, Will, Lucas, Dustin, Max, Mike. Ma anche i loro fratelli maggiori, i genitori di sangue e quelli acquisiti. Tutte le persone che sono diventate parte della loro vita, la stessa a cui, arrivati fino a questo momento, ad alcuni ? stata tolta. E noi saremo qui, pronti ad affiancarli. Ad aspettare Vecna a ritmo della nostra canzone preferita.

Articoli recenti

AND-anche-emma-stone-cast-film-lanthimos
Film
Roberta Panetta
AND: anche Emma Stone nel cast del nuovo film di Lanthimos
berlino-inizio-riprese-serie-spin-off-la-casa-di-carta
Interviste
Erika
Berlino: il cast presenta l'inizio delle riprese dello spin-off de La Casa di Carta