Recensioni
The Book of Boba Fett
My Red Carpet

The Book of Boba Fett, recensione: impressioni e aspettative sulla serie

Tags: Star wars, the book of boba fett, the mandalorian

The Book of Boba Fett su Disney+ ha il tocco del suo creatore Jon Favreau e i necessari collegamenti col passato: fin dove si spinger? la serie di Star Wars?

Molti prodotti futuri dell?universo di Star Wars devono la loro esistenza e, per questo, il loro riconoscimento a The Mandalorian. La serie che ha visto il suo debutto su Disney Plus nel 2019 ha racimolato non solamente un plauso esorbitante, ma ha rivitalizzato un immaginario trainato ora dalla figura di un mercenario solitario con al suo fianco il fido alleato da dover proteggere. Se ad ogni suo passaggio il mandaloriano ha portato dietro a s? fortuna e consensi, a giovarne due anni dopo ? una figura gi? conosciuta e amata all?interno dell?universo di Guerre Stellari, venuta a riscuotere la scia di affetto racimolata nel corso dei decenni e protagonista finalmente di un?opera che porta il suo nome.

The Book of Boba Fett ? la nuova operazione seriale di Disney con Star Wars che dedica al cacciatore di taglie sette interi episodi incentrati sul ruolo da signore del crimine del protagonista di Temuera Morrison e che lo porta sulle sabbie di Tatooine per procacciarsi i vecchi territori di Jabba the Hutt compresi di preziosi e tesori. Uno dei mille e pi? intenti creativi che la Lucasfilm ha investito nel proprio universo e che ha annunciato in pompa magna assieme al rilancio di una trilogia tutta originale e l?uscita di un?ulteriore serie come quella dedicata alla figura dell?altrettanto ammirata Ahsoka Tano (anche lei apparsa nel corso delle puntate di The Mandalorian).

Un passato ingombrante

Certamente il materiale di partenza permetteva gi? di poter cominciare dalla ri-creazione di un immaginario che era stato tratteggiato nebulosamente nel corso degli anni e che grazie solamente alla prima puntata di The Book of Boba Fett ha potuto trovare uno sbocco per una definizione chiara e definitiva sul salvataggio dallo stomaco dello Sarlacc del protagonista. ? dunque su un mistero durato tanto quanto la nascita di Star Wars che la prima puntata si concentra per condurre tra presente e flashback la narrazione del prodotto Disney Plus, che nelle ambientazioni e nelle atmosfere deve tanto al collega interpretato da Pedro Pascal, ma ancor di pi? al doppio creatore Jon Favreau.

Padre di The Mandalorian assieme all?altro fedelissimo di Star Wars Dave Filoni, Favreau continua con l?espansione del cosmo della saga cinematografica e seriale dimostrando una conoscenza attenta del passato che forgia il suo prodotto e una passione che permette la riuscita di un racconto che punta sulla tradizione e l?ammodernamento. Le radici di Boba Fett sono quelle che tutti conoscono, riepilogate e spiegate a dovere dopo anni di vuoto, mentre la messinscena riconferma la volont? di un?attenzione visiva che richiami il genere avventuroso/fantascientifico legato alla polvere del western.

The Book of Boba Fett: l’immoralit? del suo protagonista

? impossibile non rimanere perci? conquistati dai colpi d?occhio che offre la serie, a cui le restanti puntate devono soltanto saper donare una narrazione che sia all?altezza tanto del loro protagonista, quanto di un palcoscenico come quello dell?ideatore Favreau in continua espansione. Un impegno che The Book of Boba Fett deve prendersi anche nel saper non snaturare un personaggio che, seppur con opportunit? di sviluppo infinte e ancora poco indagate, ha comunque come bilancia morale e comportamentale un proprio centro, che ci si augura la serie riuscir? a rispettare.

Facendo luce su quelli che potranno essere i punti di forza del prodotto a puntate, andando dall?espansione del piccolo schermo che nella serialit? di Star Wars sembra sempre gigante alla colonna sonora firmata nuovamente (sempre dopo The Mandalorian) da Ludwig G?ransson, l?inizio di The Book of Boba Fett ? un lungo trascorso in quello che ci ha condotto fino al vecchio/nuovo cacciatore di taglie, silenzioso e pieno di agguati. L?insediamento di un villain a cui portiamo in segno di riconoscimento il nostro tributo: la curiosit? e la voglia necessaria per vedere come proseguiranno i suoi episodi.

Articoli recenti

ticket-to-paradise-recensione
Recensioni
Roberta Panetta
Ticket to Paradise Recensione: Clooney e Roberts nella rom-com di cui avevamo bisogno
AND-anche-emma-stone-cast-film-lanthimos
Film
Roberta Panetta
AND: anche Emma Stone nel cast del nuovo film di Lanthimos