Recensioni, Top News
Thor: Love and Thunder | Recensione del film Marvel di Taika Waititi
My Red Carpet

Thor: Love and Thunder | Recensione del film Marvel di Taika Waititi

Tags: marvel, thor, thor love and thunder

Sinossi ufficiale di Thor: Love and Thunder:

l film Marvel Studios Thor: Love and Thunder segue il Dio del Tuono in un viaggio diverso da quelli affrontati fino ad ora, alla ricerca di se stesso. Ma i suoi sforzi sono interrotti da un killer galattico conosciuto come Gorr il Macellatore di Dei, che desidera l’estinzione degli d?i. Per combattere la minaccia, Thor si affida all’aiuto di Re Valchiria, di Korg e dell’ex fidanzata Jane Foster che, con stupore di Thor, brandisce inspiegabilmente il suo martello magico, Mjolnir, come Mighty Thor. Insieme intraprendono una sconvolgente avventura cosmica per scoprire il mistero della vendetta del Macellatore di D?i e fermarlo prima che sia troppo tardi.

Recensione Thor: Love and Thunder:

C?era una volta Thor, il dio del tuono, e insieme a lui il suo amico Korg, kronano dalla pelle di roccia, e la splendida Valchiria, sempre pronta alla battaglia sul suo cavallo alato. Il discendente di Odino aveva vissuto davvero tantissime avventure nel corso della sua tribolante esistenza, dall?arrivo sulla Terra alla sconfitta di alieni venuti dallo spazio, dalla perdita del fratellastro Loki alla lunga e dolorosa battaglia con l?Eterno Thanos. Il nome di Thor viaggiava perci? tra mondi e galassie, cosmi e leggende, quelle che lo vedono sempre pi? inserito in un tessuto mitologico di cui gi? fa parte dal punto di vista culturale, ma che acquista tutto un inedito statuto dal momento del suo arrivo nel pianeta Marvel.

Quello che ? dunque uno dei personaggi che lo studio di Kevin Feige si porta dietro dal principio, uno dei pochi Avengers originali rimasto fin dalla Fase Uno e che continua a riproporsi cinematograficamente a cicli alterni all?interno del MCU, non pu? che aver creato attorno alla sua figura un alone di grandiosit? che si trasmette oramai di generazioni in generazioni. Un passaggio dai cinecomics ad una parte pi? narrativa ricordante quasi la favola che il protagonista aveva gi? subito con l?arrivo nel 2017 del suo inaspettato Thor: Ragnarok, il quale rivoluzionava la visione che si era avuta del supereroe nordico e che viene riconfermata con la leggerezza e il senso di grandiosit? di Thor: Love and Thunder.

Il mito di Thor: Love and Thunder

Proprio come nell?antichit? in cui le storie si trasmettevano oralmente attorno ad un fuoco, cos? la pellicola accoglie le nuove gesta del suo eroe facendo narrare delle proprie imprese, passate e presenti, proprio da quel Korg che oramai gli ? fedele e interpretato da Taika Waititi, che si rif? per l?occasione nuovamente regista del personaggio di Chris Hemsworth. Autore dall?ironia tra il genio e la demanzialit?, che permettono ai suoi prodotti una scrittura sopraffina. Collaboratore nella stesura del racconto di Thor: Love and Thunder assieme alla sceneggiatrice Jennifer Kaytin Robinson, con la quale si impegna proprio nella delineazione di un?altra missione compiuta dal ?mito?, la quale viene come ripetuta e condivisa di persona in persona, villaggio in villaggio, popolazione in popolazione, proprio per portare avanti attraverso la tradizione l?epopea del dio.

Thor: Love and Thunder racchiude perfettamente in s? questa doppia natura che vuole da una parte il proseguimento di una coerenza tra il Ragnarok sempre diretto da Waititi e l?aver dato un alone da fiaba ad un personaggio che sembra ritrovarsi a suo agio in questa dimensione. Se i toni dark delle prime due pellicole stand alone non avevano saputo sortire l?effetto da lettura di un saga che i racconti nordici hanno intrinsecamente nel proprio essere, nella variante comica che il personaggio ha preso si riesce a cogliere in maniera ben pi? tangibile l?immaginario da cui Thor discende. Quello che d? al personaggio la sua versione supereroistica e mainstream, arrivando con la modernit? del linguaggio visivo dei blockbuster, ma cercando a livello narrativo uno spioncino sul panorama mitico.

Come una leggenda tramandata attorno al fuoco

Cos? in Thor: Love and Thunder abbiamo un eroe che intraprende una nuova missione, abbiamo degli dei a cui appellarsi e un cattivo che vuole ucciderli, abbiamo un amore ritrovato e trasformato che vede il ritorno della dottoressa Jane Foster di Natalie Portman stavolta per? nel costume di Mighty Thor e un manipolo di guerrieri pronti a salvare il proprio mondo. La canonicit? della narrazione legata agli usi e ai costumi fa della pellicola quasi una storia che potremmo ascoltare, come quella raccontata ai bambini da Korg e che si staglia dinamica e colorata sul grande schermo.

? l?aver inserito il Thor di Chris Hemsworth in questo panorama in cui il suo supereroe non ? pi? solamente un altro dei personaggi usciti dalle pagine della Marvel, bens? una divinit? che ha saputo, seppur a fatica, costruirsi una propria elaborazione fantastica alle spalle da cui riesce ora a trarne tutti i benefici per una buona storia. Una pellicola giocosa e divertente perch? questo ? stato deciso per l?animo insito nella mitografia di Thor. Tutto al ritmo dei Guns N? Roses.

Articoli recenti

ticket-to-paradise-recensione
Recensioni
Roberta Panetta
Ticket to Paradise Recensione: Clooney e Roberts nella rom-com di cui avevamo bisogno
AND-anche-emma-stone-cast-film-lanthimos
Film
Roberta Panetta
AND: anche Emma Stone nel cast del nuovo film di Lanthimos