Interviste, Top News
titanic
Martina Barone

Titanic: James Cameron ricorda il film dopo venticinque anni!

Tags: james cameron, kate winslet, titanic
titanic
Interviste Top News
Martina Barone

Titanic: James Cameron ricorda il film dopo venticinque anni!

Tags: james cameron, kate winslet, titanic

Dal 9 febbraio sarà possibile rivedere Titanic nelle sale cinematografiche e per l’occasione abbiamo ascoltato le parole del suo regista

Venticinque anni. Eppure non sembrano passati. “Salto io, salti tu”. Non solo è una delle dichiarazioni d’amore e di fiducia più belle che siano mai state fatte, ma sembra un invito per tutti quegli appassionati di cinema che dal 9 febbraio decideranno di tornare insieme a rivedere uno dei titoli più significativi degli anni Novanta, che riportava uno dei fatti del medesimo secolo che ha sconvolto la storia mondiale.

Titanic è stato uno degli ultimi grandi kolossal del Novecento, che ha unito tecnica e narrazione, come ha da sempre saputo fare il suo autore James Cameron. “Mi interessava il progresso tecnologico a fare da sfondo a una grandissima storia d’amore”. È così che, alle sue nozze d’argento con l’opera con protagonisti Kate Winslet e Leonardo DiCaprio, ricorda il film del 1997, ripercorrendone insieme i momenti salienti col suo produttore Jon Landau

Perché Titanic è rimasto nel tempo?

“Quando si pensa al Titanic si rischia di dimenticare che c’erano persone su quella nave. Non è solo un’epica novellistica. Per realizzare il film ho voluto prendere davvero sul serio la parte reale, a cui siamo andati poi ad aggiungere una melodrammaticità tutta derivante dalla musica e dal meraviglioso cast”. Una fedeltà che Cameron ha posto alla base del suo racconto, per stilare una storia rimasta poi attaccata alle corde emotive e all’immaginario del pubblico.

“Secondo te come mai?” gli chiede l’amico Landau, e così risponde il regista e sceneggiatore “Penso che i motivi siano tanti. Ma più di tutti credo sia rimasta la forza femminile della protagonista. Il film parla di Rose. E di come alla fine sia riuscita a vivere un’esistenza piena, come testimoniano le sue fotografie”. E per ciò che riguarda la storia d’amore: “Puoi avere un racconto romantico in cui i protagonisti si scambiano il bacio finale. Ma niente è più potente della separazione e nulla più permanente della morte. E alla fine la domanda rimane: nel finale si saranno riuniti? È una celebrazione della loro storia? Oppure no?”.

Un aneddoto sul finale di Titanic

titanic
Credits: 20th Century Studios

Effettivamente per chiunque si fosse mai interrogato sulla conclusione di Titanic va in aiuto Gloria Stuart, l’interprete di Rose da anziana: “La mia intenzione” continua James Cameron “Era di mantenere l’ambiguità sul finale. Rose muore? Non muore? Si ricongiunge con Jack? Gloria Stuart venne da me e mi disse: allora, sono morta o no? Io le spiegai che volevo una chiusura in cui il pubblico si interrogasse su questa scena, allora lei ha tagliato corto e mi ha detto: “Basta stupidaggini, si deve vedere che respiro oppure no?”. Ci ho pensato e ho risposto: ok, devi respirare”

La Rose di Kate Winslet in Titanic

titanic
Credits: 20th Century Studios

Non si può certo dire che le Rose scelte siano delle donne e delle attrici con le idee poco chiare. Cameron ha infatti raccontato dell’insistenza di Kate Winslet nel voler interpretare il ruolo della protagonista di Titanic. “Abbiamo visto una serie di attrici e fin dal principio Kate ha sempre dimostrato di sapere cosa voleva. Sapeva di poter essere Rose e l’ho capito quando l’ho vista destreggiarsi col corsetto, che di per sé rappresenta una forma visiva per descrivere l’oppressione del suo ruolo sociale, ed era chiaro dal principio che era in grado di fare qualsiasi cosa. Dopo l’audizione mi mandò anche una rosa con un bigliettino firmato come Rose”.

La titubanza di Leonardo DiCaprio verso Jack Dawson

titanic
Credits: 20th Century Studios

Se era palese la determinazione di Kate, quella che il cineasta ha detto contraddistinguerla da sempre, meno convinto era Leonardo DiCaprio. Anzi, per niente. “Sapevamo che Leo aveva infinite possibilità e ha avuto un’intera carriera per dimostrarle. Non era detto che sarebbe stato in grado di mostrarle tutte e invece ce l’ha fatta.” confessa Cameron “Quando gli proposi Titanic era in cerca di sfide. Trovava il personaggio di Jack quasi noioso, così come il film. Cercava la complessità nelle parti da scegliere e non trovava il problema che muoveva il protagonista in Titanic. Gli ho perciò parlato del viaggio interiore che Jack compie diventando da ragazzo a uomo e così ha deciso di accettare”.

Una pellicola che torna al cinema anni dopo e di cui è indubbio doversi interrogare attorno alla sua attualità: “Titanic tratta di ricchi e di poveri, di chi sopravvive e chi no.” si lancia così Cameron “La terza classe era costretta a morire e solo alcuni appartenenti a quella borghese e aristocratica riuscirono a salvarsi. Oggi si può inquadrare questo problema anche dall’ottica del cambiamento climatico, chi è che ci rimette di più? Le persone povere, ovviamente”

Perché rivedere Titanic in sala?

titanic
Credits: 20th Century Studios

E se chiedono a Cameron perché tornare in una sala cinematografica per un film di più di vent’anni prima, questa è la risposta: “Può esserci un senso di nostalgia in chi lo ha visto venticinque anni fa e desidera tornare a riviverlo. C’è chi l’ha visto da piccolo, chi quando era già grande, ognuno lo ha fissato in un momento nel tempo”.

Continua James Cameron: “Ma l’esperienza nella sala è differente a ogni visione. In più, rispetto a quando vedi il film a casa, devi compiere una scelta quando decidi di andare al cinema. Uscire di casa, prendere la macchina, pagare il parcheggio, il biglietto, i popcorn. Sei completamente immerso, non puoi fermarti a prendere una birra dal frigo o a cucinare per la famiglia. Senti di essere presente in quell’istante di visione e questo aumenta con l’aggiunta che abbiamo fatto del 3D, per incrementare il senso di coinvolgimento”. James Cameron, il re del mondo, vi (ri)aspetta con il suo Titanic dal 9 febbraio al cinema.                                                                                                            

Articoli recenti

Kung Fu Panda 4: il nuovo trailer del film d'animazione
News
Alessio Zuccari
Kung Fu Panda 4: il nuovo trailer del film d'animazione
barbie film villain
Film
Federica Marcucci
Oscar 2024: Ryan Gosling canterà I'm Just Ken
SuperSex
News
Federica Marcucci
Supersex: la serie Netflix presentata a Berlino
Ghosbusters: Minaccia glaciale, online il poster del nuovo capitolo della saga
News
Alessio Zuccari
Ghosbusters: Minaccia glaciale, online il poster del nuovo capitolo della saga
STAY CONNECTED