Interviste, News, Top News
avatar
Martina Barone

Avatar, parla James Cameron e il cast: "Voglio far rivivere l'emozione della sala"

Tags: avatar, Avatar 2, james cameron

Dal 22 settembre 2022 torna in sala Avatar, pellicola del 2009 di James Cameron che ha cambiato l’industria del cinema

Avatar 2 – La via dell’acqua sembra essere finalmente realtà. La pellicola di James Cameron sarà in sala dal prossimo 14 dicembre, ma in occasione della sua uscita regista e distribuzione hanno deciso di offrire nuovamente un’esperienza magica e totalizzante per gli spettatori. Non solo, infatti, sarà presto possibile vedere il sequel per tornare così nel mondo di Pandora, ma dal 22 settembre verrà proiettato Avatar del 2009 per la gioia dei fan e di tutti coloro che hanno voglia di immergersi ancora una volta in un’avventura ai confini del possibile in 3D. “Tante generazioni sono cresciute con Avatar, ma altre non hanno avuto modo di vederlo al cinema” commenta il suo creatore James Cameron “Tornare in sala significa dare l’opportunità al pubblico più giovane di vivere la stessa emozione di quando Avatar arrivò in sala e ai fan di vecchia data di poter ricondividere il medesimo coinvolgimento”

Un atto d’amore, come quello del proseguimento di una storia che “voglio continuare a portare sullo schermo con un sequel, poi con un altro ancora, e poi un altro perché amo queste persone” racconta Cameron parlando dei suoi attori, il quale riverbera una passione per un film che ha toccato particolarmente il pubblico e cambiato l’industria cinematografica. “Le persone rispondono alle altre persone. Ma con Avatar gli spettatori hanno risposto ai sentimenti dei Na’vi” continua il regista “Avatar ti permette di distaccarti dai problemi quotidiani e di portarti in un universo certamente pieno di conflitti, ma che ti permette di entrare in una dimensione di pura fantasia. È un immersione completa, una situazione in cui potersi connettere in quanto esseri viventi. Ti fa tornare quasi bambino, facendoti apprezzare la bellezza e la complessità della natura.”

Da Sam Worthington a Zoe Saldana: “Siamo grati a James Cameron”

avatar
Credits: 20th Century Fox

Un amore che l’intero cast originale di Avatar ha confermato a propria volta , ripercorrendo cosa ha significato per loro entrare a far parte di un immaginario che ha stravolto il mondo del cinema. “Ricordo che il mio pensiero più grande fu: come faremo a farcela? Come faremo a far trasparire la recitazione dietro a questa tecnologia?” afferma Sam Worthington, il protagonista Jack Sully “Invece poi, quando ho visto il film sullo schermo, ho capito che eravamo noi. Eravamo noi quei personaggi che si muovevano nella scena, le cui emozioni erano state catturate e trasformate. Si riuscivano a cogliere i dettagli della recitazione. Questo è stato parte del divertimento del girare Avatar: sapere di star creando qualcosa di nuovo, trasformando quello che conoscevamo.” 

Gli fa eco la sua co-protagonista Zoe Saldana: “Ciò che non posso dimenticare è la chiamata di James. Il solo pensiero mi riempie di felicità e gratitudine. Lui è stato il creatore di Sarah Connor e della dottoressa Ripley. È il mio eroe. Sono stata fortunata a far parte di un progetto che mi ha permesso di cogliere la sua curiosità, la sua convinzione di poter realizzare qualcosa di irrealizzabile. Come artista Avatar mi ha insegnato cos’è la disciplina e come andare in profondità dentro a un racconto. È stata la mia Juilliard, per me che non ho frequentato nessuna scuola d’arte. E come persona ho riflesso ciò che ho appreso dalla pellicola nel mio ruolo di madre.”

Il grande cast di Avatar: Sigourney Weaver, Michelle Rodriguez e Stephen Lang

avatar
Credits: 20th Century Fox

Nella parte della dottoressa Grace Augustine compare Sigourney Weaver, la Ripley di Alien citata da Saldana, nonché ancora sorpresa dall’effetto che ebbe il 3D all’uscita di Avatar. Lo racconta l’attrice: “Ricordo il 3D come un’esperienza fisica. Ho in mente la sensazione, quel sentire di essere nella stanza con i personaggi, di prendere con loro le decisioni che avrebbero portato ai vari risvolti del film. È uno strumento che aiuta a superare tutte le barriere, anche quelle umane. Questo perché James è uno scienziato ed è riuscito a mescolare questo suo aspetto ingegneristico con l’amore per la flora e la fauna e tutto ciò che di bello esiste. È stato lusinghiero far parte di questo universo e di aver ispirato tante piccole spettatrici a diventare un giorno delle scienziate a loro volta.”

Anche Michelle Rodriguez e Stephen Lang ripercorrono la creazione del pianeta Pandora e l’orizzonte aperto dalla pellicola del 2009. Comincia Rodriguez: “Per me Avatar è stato quantificare l’inquantificabile. È l’amore, la bellezza, la famiglia, l’amicizia. Sono tutti i reparti dell’industria cinematografica al loro meglio, con un leader consapevole di star realizzando cose che prima non si erano mai fatte. Sono fiera di esserne stata un pezzo, perché è una pellicola che comunica attenzione e rispetto per ciò che di bello c’è al mondo.” E per finire, il ricordo di Lang: “Non ho mai letto una sceneggiatura tanto dettagliata come quella di James. Fu una lettura quasi novellistica, assolutamente non convenzionale. Non mi spiegavo come sarebbe stato possibile veder rappresentato tutto ciò che era scritto. E invece James ce l’ha fatta ed è stato straordinario. Ad aiutarmi poi è stata la fiducia che ci ha riservato. Mi ha dato la possibilità di prendere il controllo della stanza e di esercitare l’autorità necessaria per rappresentare il colonnello Quaritch. Non tutti i registi sanno essere così generosi e per questo gliene sono grato.”

Avatar tornerà in sala dal 22 settembre in versione restaurata in 4K HDR

Articoli recenti

Spirited-commedia-musicale-natalizia-Ryan-Reynolds-Will-Ferrell
Film
Roberta Panetta
Spirited, ecco la commedia musicale natalizia con Ryan Reynolds e Will Ferrell
mina settembre
Interviste
Martina Barone
Mina Settembre: Serena Rossi e il cast parlano della seconda stagione