Film, Recensioni, Top News
gran turismo recensione film neill blomkamp
Alessio Zuccari

Gran Turismo: recensione del film di Neill Blomkamp

Tags: david harbour, gran turismo, neill blomkamp, orlando bloom
gran turismo recensione film neill blomkamp
Film Recensioni Top News
Alessio Zuccari

Gran Turismo: recensione del film di Neill Blomkamp

Tags: david harbour, gran turismo, neill blomkamp, orlando bloom

L’adattamento cinematografico del celebre simulatore di corse è un’opera che punta troppo poco su quello che sa fare meglio.

Gran Turismo è tante cose. Gran Turismo è troppe cose assieme. Quella più evidente e che regge il senso dell’intera operazione è il Gran Turismo adattamento cinematografico dell’omonimo videogioco. Dietro al progetto c’è infatti PlayStation Productions, neonata società di produzione con il compito di portare i grandi successi PlayStation sul grande e piccolo schermo – di recente abbiamo già visto Uncharted e soprattutto The Last of Us.

C’è poi il Gran Turismo storia vera, con al centro del racconto Jann Mardenborough, giocatore di eSport che grazie a un contest online è diventato pilota professionista. C’è quindi anche il Gran Turismo film sportivo a tutti gli effetti, genere che si sposa perfettamente alla causa dell’outsider, dell’underdog, dello sfavorito che scala classifiche e simpatie. C’è tutto questo nel Gran Turismo diretto da Neil Blomkamp – in cerca di una raddrizzata alla propria carriera – e scritto dallo stesso regista assieme a Jason Hall e Zach Baylin. Ma tutto questo, che abbiamo già detto essere forse eccessivo, sconta l’invadenza davvero ingombrante di un marketing ipertrofico.

Una prima parte straniante, priva di pathos

gran turismo recensione film neill blomkamp
Photo Credits: Eagle Pictures

Gran Turismo è infatti, anzi soprattutto, un lunghissimo spot commerciale. Ed è straniante, in particolare per la prima abbondante ora di film (che ne dura in totale quasi due e un quarto), il modo in cui sia così sfacciatamente evidente l’asservire l’opera al puro fine promozionale. Stona per alcuni motivi. Il primo è di carattere narrativo e di coerenza emotiva. Siamo schiaffati dentro la vita dell’adolescente Jann (Archie Madekwe), che ha lasciato l’università e passa le giornate dietro la sua postazione da gara virtuale.

È chiaro che il primo conflitto proviene dal confronto con genitori (Djimon Honsou e Geri Halliwell) che proprio non capiscono la sua passione, il suo talento, le sue potenzialità. Questo rapporto con la famiglia è però estremamente artificiale, sfruttato come cuore solo a parole e reso contrappunto di un conflitto interiore che definire di superficie è poco. Non sarebbe un grande problema se non arrivasse a spiccare al negativo proprio la totale scomparsa del contatto con la famiglia quando Jann arriva ad essere ammesso alla GT Academy, step clamoroso nella sua vita – non lo chiamano, non si sentono, non ne seguono i progressi.

gran turismo recensione film neill blomkamp
Photo Credits: Eagle Pictures

Insomma, Gran Turismo mette sotto al naso una dinamica e poi la lascia lì, con un crescendo a tappe programmatiche del tutto anticlimatico e privo di pathos. Sintomi di distrattezza e confusione, e la ragione sta nel fatto che il film occupa gran parte di questo spazio a glorificare persone (il creatore del simulatore, Kazunori Yamauchi), progetti inediti (la GT Academy stessa) e sponsor (la casa automobilistica Nissan).

Si arriva allora al secondo motivo, quello che fa domandare cosa Gran Turismo voglia vendere. Il gioco probabilmente no: il film è rivolto in prevalenza a quei fan che dal videoludico provengono. Allora le automobili? A un certo punto il capo marketing Nissan (Orlando Bloom) afferma di voler ravvivare in questi gamer «il sogno di guidare». Ma pare un po’ un controsenso, un’invasione di campo alla quale è difficile credere. Sembra piuttosto che Gran Turismo resti compresso in un cortocircuito che lo vuole product placement a se stesso e ai partner che lo hanno reso tale, fuso assieme alla retorica di un comodo “chiunque può farcela” – anche se gli ammessi alla GT Academy sono tutti belli, aitanti e videogenici.

Il lato migliore del film arriva troppo tardi

gran turismo recensione film neill blomkamp
Photo Credits: Eagle Pictures

Quando questa lunga pubblicità a un qualcosa di già venduto comincia a farsi indigesta, il lato sportivo vero e proprio arriva a fare capolino. Ma è forse troppo tardi. Ed è un peccato perché si vede come Gran Turismo stia in realtà tutto lì. Si vede come la seconda ora del film sia quella che meglio concilia l’impulso registico di Blomkamp – che quando ha spazio per farlo ha un ottimo controllo sulla gestione dell’adrenalina – alla narrazione biografica che il film sceglie di adottare.

Si instaura l’’immancabile rapporto allievo-mentore (che qui ha le sembianze di David Harbour) e il resto lo fa la storia di Mardenborough che è appassionante di suo, fatta di svolte, frenate ed accelerazioni sopra le quali basta apporre il rombo delle automobili e lo sfrigolare degli pneumatici per trarne qualcosa di buono. È un classico racconto di un pilota e della sua vettura, di caduta e di rinascita, sulla quale si innesta un linguaggio visivo che fonde, come sempre più spesso accade, cinema ed esperienza videoludica.

Si arriva a tutto questo però già annoiati, distaccati in maniera irreparabile e anche un po’ spaesati dalla freddezza che ha tenuto a distanza fino a quel momento. Non ci si spiega perché Gran Turismo sia così nettamente scisso in più anime che faticano a dialogare, su perché debba vendersi a suon di nomi e sponsor invece di fare quello che ha sempre saputo fare meglio degli altri: ingranare la marcia, stringere il volante e premere l’acceleratore.

Guarda il trailer ufficiale di Gran Turismo:

Articoli recenti

La ragazza del mare: il trailer del film Disney con Daisy Ridley
News
Alessio Zuccari
La ragazza del mare: il trailer del film Disney con Daisy Ridley
Captain America: Brave New World, il primo trailer del film Marvel
Top News
Alessio Zuccari
Captain America: Brave New World, il primo trailer del film Marvel
the perfect couple
Streaming
Federica Marcucci
The Perfect Couple: il trailer della miniserie con Nicole Kidman
Non riattaccare: l'intervista a Manfredi Lucibello e Barbara Ronchi
Top News
Alessio Zuccari
Non riattaccare: l'intervista a Manfredi Lucibello e Barbara Ronchi
STAY CONNECTED