2017
Film di Natale: sei tradizionalista
My Red Carpet

Film di Natale: sei tradizionalista, romantico o disagiato? Scoprilo qui

Tags: film, maratone, natale

Le feste non sono solo luccichii, vangate di cibo, calzini e mutande sotto l?albero, famiglie riunite e perdite milionarie a tombola. Il trittico Natale-Capodanno-Befana vuol dire riposo, vuol dire divano e telecomando. Vuol dire: maratone di cinema!

Ora, lo sappiamo tutti che le reti nazionali, satellitari, mondiali e interplanetarie hanno una programmazione standard per coccolare i cinefili in panciolle. Dilettanti, loro.

Noi invece ve ne offriamo 6, sei ipotesi di maratone per sei diversi tipi di spettatori: il tradizionalista, il bambino (anche solo inside), il romantico, il single, il disagiato, il disagiato che ama i musical.

Il tradizionalista

Con lui si va sul sicuro: le pietre miliari della programmazione gli faranno luccicare gli occhi di gioia e si sieder? l?, alca seltzer in mano, per gustarsi i grandi classici:

  • Mamma ho perso l?aereo (no, non ha bisogno di riassunti per rinfrescarvi la memoria).
  • Una poltrona per due (ogni volta si spera che i due vecchiardi che, per scommessa, sconvolgono le vite del ricco e del povero, muoiano di colpo apoplettico. Ma non succede mai).
  • Miracolo sulla 34? strada (per tutto il film non sai se Kris, il Babbo Natale del centro commerciale, sia davvero lo spargitore di regali o un mitomane. Ma con quella barba gli si perdona tutto).
  • Il Grinch (Identikit: cattivo, verde come Hulk ma senza pettorali, odia tutti e per colpa dei bulli a scuola, detesta pure il Natale. Praticamente il Grinch siamo noi, porcospino!).
  • A Christmas Carol (Natale porta a bilanci e lo sa bene quel taccagno di zio Scrooge a cui tocca incontrare i fantasmi del suo passato, del suo presente e del suo futuro per capire che ? una brutta brutta brutta persona).

Il bambino (anche solo inside)

Un po? cartoni animati, un po? favole che scaldano il cuore, i film della maratona dedicati ai fanciulli sono tanti, troppi per sceglierne qualcuno in particolare senza essere consapevoli che la selezione sar? ingiusta e parziale. E proprio per questo, ? necessario farla:

  • Elf (quando parti dal Polo Nord alla ricerca di tuo padre che vive a New York, citt? in cui vaghi vestito da elfo e nonostante tutto, trovi pure una fidanzata).
  • Jack Frost (la sfida ? nel non piangere quando il pap? morto, per qualche tempo diventato pupazzo di neve, saluta la moglie e il figlio e sale in cielo. Provateci, a non piangere. Mostri).
  • The Polar Express (quando basta una campanella per decidere che credere alle favole ? meglio che vivere di ciniche consapevolezze).
  • L?apprendista di Babbo Natale ? Il Natale di Nicolas (Se sei orfano, buono, ti chiami Nicolas e sei continuamente bullizzato, hai buone possibilit? di essere il prossimo Babbo Natale).
  • Il drago invisibile (Se riuscite a resistere alla botta allo stomaco dell?inizio, quando i genitori del protagonista si capottano in auto e lo lasciano superstite, crescere da solo in bosco adottato da un gigante drago invisibile, allora potere arrivare fino alla fine. E fare i marines).

Il romantico

Ogni scusa ? buona per spargere cuori e amare il mondo, la vita e il cioccolato. Anche una maratona di film romantici che farebbero cariare i denti anche al Gollum. Come per i film per i bambini, la selezione di commedie romantiche non potr? che essere parziale e ingiusta.

  • Love Actually (il film che ha la maggior responsabilit? sull?uso e abuso di cartelloni e pennarelli per raccontare messaggi d?amore senza parlare. Ma quanti cuori per Mark?).
  • Notting Hill (lui sembra sfigato, lei ? un?attrice bellissima e famosa. Lui la fa innamorare con gaffe e aranciate versate addosso. S?inseguono per anni prima, poi sole, cuore e ammmore).
  • L?amore ? una cosa meravigliosa (prendete una colonna sonora capolavoro, un giornalista sposato e affascinante insieme a una dottoressa anglocinese intelligentissima. Mettete tutto a Hong Kong, anni ?50. Scoppier? un amore tormentato, con tanto di finale disperato. E buon Natale).
  • Harry ti presento Sally (Una donna per amico e la difficolt? nel capire i propri sentimenti. La scena del finto orgasmo al ristorante consigliamo di farla partire durante la tombola con i parenti).
  • Your name (Mitsuha vive in campagna e di notte sogna di essere un ragazzo di Tokio. Taki, a sua volta, sogna di essere Mitsuha. S?incontrano tutte le notti, nei sogni, senza mai ricordare i propri nomi. Una poesia che diventa anime).

La nemesi del romantico, il single. Che vorrebbe limonare duro guardando i film di cui sopra, e che invece per quest?anno si puppa un?altra maratona. Tinder permettendo:

  • Bridget Jones (DI CO-SA STIA-MO parlando?!?).
  • Serendipity (il bisogno di credere che, se non stiamo con nessuno, ? perch? la nostra met? sta vagando per il mondo alla nostra ricerca. E cullarci nell?illusione).
  • Thelma & Louise (tu, un?amica e una cabrio in giro per il mondo, pronte a lenire le proprie pene d?amore raccattando Brad Pitt per strada. Ma senza suicidio finale, possibilmente).
  • Se mi lasci ti cancello (meglio non aver amato mai che aver sofferto per amore? Domanda senza risposta, ma voi concedete un?opportunit? a questa chicca dal titolo improponibile).
  • French Kiss (ovvero, quando sei bella ma goffa e il tuo fidanzato ti molla per una francese ma tu, in aereo, capiti vicino a quel manzo di Kevin Kline e il fidanzato muuuuuto).

Passiamo adesso ai disagiati, ai fintocinici, a quelli che hanno un piede in questo mondo e un altro incollato al Brooklin bianco masticato alle medie, negli anni ?80-?90. Siamo tutti disagiati e nostalgici, e anche noi meritiamo una maratona su misura per noi e le nostre introspezioni:

  • I Gremlins (quando a Natale mamma e pap? ti regalano il cagnolino che chiedevi da anni e, invece, ? la reincarnazione dell?anticristo affamato. Cult assoluto).
  • Babbo Bastardo (se davanti hai un Babbo Natale figo ma puzza di alcool, non ha una casa, si accoppia ripetutamente e va spesso in galera, come regalo chiedi di scappare via da lui).
  • Nightmare before Christmas (Un po? come quando sei triste e ami il prossimo come Charles Manson, ma ti obbligano a partecipare alle feste natalizie aziendali e di famiglia. Tutto in stop-motion e sceneggiato da Tim Burton).
  • I Goonies (da una parte ragazzini ai quali tanto devono i fratelli Duffer, dall?altra dei criminali evasi, la mancanza di soldi e l?adolescenza. Indimenticabili i protagonisti, tra cui il mitico Slot, per un capolavoro totale).
  • Donnie Darko (la fortuna di essere in un campo da golf in Virginia mentre cade il motore di un aereo nella tua camera. O forse no. Serve vederlo almeno 5 volte prima di far pace con questo film culto che racconta multiuniversi e conigli giganti).

Cosa c?? peggio dei disagiati? I disagiati cui piacciono i musical. Come direbbe Rosalino Cellamare ?non abbiam bisogno di parole? e quindi lasciamo cantare i titoli scelti:

  • Tutti insieme appassionatamente (se sei una baby sitter e ti capita di dover accudire a 7 bambini, figli di padre scorbutico, non puoi che cantare).
  • Moulin Rouge! (la rivisitazione pop e glam della Traviata di Verdi nella Parigi degli anni ?20 in cui tutti noi abbiamo desiderato vivere. Ma con lo sciroppo della tosse dei giorni nostri).
  • Mary Poppins (vederlo almeno una volta l?anno dovrebbe essere il minimo sindacale per ottenere il diritto di voto).
  • Cantando sotto la pioggia (un gioco di equivoci e di cose dette mentre scroscia la pioggia, batti i tacchi, sali sui divani e scopri che la vita sa essere uno spettacolo sempre).
  • Cabaret (se Kit-kat non ? uno snack ma uno stile di vita, se come vicina di casa hai una che ti inizia ai piaceri del sesso, allora tu sarai un pianeta che diventer? una stella).

Articoli recenti

AND-anche-emma-stone-cast-film-lanthimos
Film
Roberta Panetta
AND: anche Emma Stone nel cast del nuovo film di Lanthimos
berlino-inizio-riprese-serie-spin-off-la-casa-di-carta
Interviste
Erika
Berlino: il cast presenta l'inizio delle riprese dello spin-off de La Casa di Carta