Recensioni
The Marvelous Mrs. Maisel
My Red Carpet

The Marvelous Mrs. Maisel, la recensione dei primi episodi della stagione 4

Tags: the marvelous mrs. maisel, the marvelous mrs. maisel 4

Sinossi ufficiale di The Marvelous Mrs. Maisel 4:

? il 1960 e c?? aria di cambiamento. Cercando di affinare il suo show, Midge si trova un ingaggio che le permette di avere carta bianca per quello che riguarda la sua creativit?. Ma l?impegno che mette nella sua arte ? e il tempo che le dedica ? crea una spaccatura fra lei, la sua famiglia e gli amici.

She’s back!

The Marvelous Mrs. Maisel ? tornata e non poteva fare un?entrata pi? in grande stile di quella presentata nei primi due episodi della quarta stagione, disponibili su Prime Video gi? dal 18 febbraio. Avevamo lasciato Midge Maisel (Rachel Brosnahan) e la sua manager Susie Myerson (Alex Borstein) al Tarmac, con le valigie (s?, plurale) di Midge in attesa della partenza del tour di Shay Baldwin (Leroy McClain). La terza stagione aveva segnato il lancio definitivo della comica, un tripudio di trionfi uno dietro l?altro e che sarebbe dovuto culminare con la partecipazione al tour di Shy, durante il quale avrebbe aperto ogni serata nei pi? importanti teatri europei. Tuttavia, dopo l?esibizione all?Apollo Theatre, durante la quale Midge aveva ironizzato sulla presunta omosessualit? del cantante, il manager di quest?ultimo, Reggie (Sterling K. Brown) aveva provveduto affinch? Midge non facesse pi? parte dell?entourage del suo cliente, licenziando Midge proprio sulla pista di atterraggio. La quarta stagione riparte esattamente da l?, contrapponendo al silenzio assordante di quella fatidica notte lo scroscio delle risate degli avventori del Gaslight, il bar in cui Midge ha mosso i primi passi come comica e in cui, durante un flashback che occupa l?intero primo episodio della nuova stagione, racconta cosa ? successo dopo il rocambolesco rientro a casa.

Un tripudio di colori e tecnica

La serie comedy creata da Amy-Sherman Palladino (Gilmore Girls) e vincitrice di numerosi Emmy si riconferma un prodotto estremamente curato, tanto dal punto di vista tecnico, con i costumi ideati da Donna Zakowska (due dei quali conservati allo Smithsonian), una fotografia accesa, luminosa e colorata, come la sua protagonista, curata da M. David Mullen, quanto per l?interpretazione di un cast di alto livello, che dopo 4 stagioni si muove sulla scena come in una coreografia dal ritmo impeccabile.

The Marvelous Mrs. Maisel ha avuto il pregio di raccontare l?emancipazione di Midge con un percorso avvincente e ricco di sfumature: dalla rottura con il marito Joel, passando per i primi spettacoli, i primi maldestri ? eppure gi? riusciti ? tentativi di farsi strada in un mondo fatto solo di uomini, quello della stand-up comedy. Midge ha dovuto lottare con i suoi stessi dubbi, con l?ostinazione della sua famiglia di volerla solo nel ruolo di moglie e madre e con rivali agguerriti pronti a tutto pur di affossarla (ricordate la faida con Sophie Lennon?). Tutto questo ? stato al centro delle prime due stagioni, mentre la terza ? stata quella dedicata al trionfo e al successo: Midge ? ormai lanciatissima e la sua popolarit? la porta dritta all?esibizione all?Apollo Theatre, dove diventa la prima artista bianca donna a esibirsi. Anche l?abbigliamento segna questo cambiamento: dai toni pastello e dalla silouette di fine anni ?50, ad abiti pi? sfarzosi, dai colori accesi e dalle linee pi? seducenti. Il brusco epilogo della terza stagione lascia Midge completamente distrutta, anche finanziariamente, e con una sola consapevolezza: basta limitare la propria creativit? per essere accettata da altri artisti. ?La cosa migliore di me quando sono sul palco ? quando sono completamente me stessa?, dir? a Susie, ed ? cos?: i migliori show, le battute pi? esilaranti sono quelli in cui Midge lascia libero sfogo alla sua verve comica, in maniera chiassosa, esagerata e senza freni. Con la quarta stagione ? arrivato il momento che forse tutti stavamo aspettando, vedere la Signora Maisel al massimo della sua potenza, senza che pi? nessuno la limiti.

Ma non ? soltanto Midge a trovarsi a un punto di svolta della sua carriera: il suo ex marito Joel (Michael Zegen) ha aperto un club e ha intrapreso una relazione romantica con Mei, ma i guai sembrano perseguitarlo. Abe (Tony Shalhoub), il padre di Midge, ha rinunciato al suo ruolo di professore e ora si ritrova a lavorare come editor per un giornale locale, ma anche qui le sorprese non mancheranno. E, infine, Susie, manager e amica di Midge, dopo aver perso i soldi di Midge e aver bruciato la casa della madre con la complicit? della sorella per ripagare i suoi debiti, deve rimboccarsi le maniche per affiancare la sua protetta al meglio.

In una giostra continua di risate e scene che gi? sono iconiche, i primi due episodi della quarta stagione riconfermano The Marvelous Mrs. Maisel come una delle migliori comedy degli ultimi anni, merito dei dialoghi brillanti, di un’impeccabile sceneggiatura, di una colonna sonora ricca di hit del periodo e di un?eroina che ha appena iniziato a scoprire il suo potenziale e freme per ammaliarci ancora una volta, come solo Midge Maisel ? in grado di fare.

Articoli recenti

Black Panther: Wakanda Forever, cosa ci dice il nuovo trailer del film Marvel?
Film
Roberta Panetta
Black Panther: Wakanda Forever, cosa ci dice il nuovo trailer del film Marvel?
ticket-to-paradise-recensione
Recensioni
Roberta Panetta
Ticket to Paradise Recensione: Clooney e Roberts nella rom-com di cui avevamo bisogno