News, Recensioni, Streaming, Top News
the new look
Federica Marcucci

The New Look: la recensione della serie Apple TV+

Tags: the new look
the new look
News Recensioni Streaming Top News
Federica Marcucci

The New Look: la recensione della serie Apple TV+

Tags: the new look

La serie in 10 episodi si focalizza sul mondo della moda parigina, in particolare sulla Maison Dior, durante e in seguito alla Seconda Guerra Mondiale.

Era il 12 febbraio 1947 quando Christian Dior lanciò New Look, la prima collezione di moda della sua Maison il cui nome – attribuito da un’esclamazione casuale di Carmel Show “What a new look!”, viene ripreso proprio dalla serie di Apple TV+ che ripercorre il mito dello stilista e della sua rivalità con un’altra grande icona di quegli anni, Coco Chanel. Infatti, mentre imperversa la Seconda Guerra Mondiale Christian Dior rivoluziona il mondo della moda con uno sguardo elegante e innovativo, scalzando il primato di Coco Chanel come stilista più famosa del mondo.

The New Look, composta da 10 episodi, debutta il 14 febbraio su Apple TV+.

Incastonare la moda nella Storia

the new look

Se nei primi decenni del Novecento la moda occidentale ha conosciuto la sua grande rivoluzione – grazie anche ai nomi di coloro che avrebbero fondato quelli che, ancora oggi, sono considerati i migliori brand del mondo è anche vero che spesso ci dimentichiamo in quale contesto storico e culturale sia avvenuto questo grande cambiamento che ha trasformato l’idea stessa di fascino ed eleganza.

The New Look, sotto questo punto di vista, riesce a mettere in atto un’operazione non soltanto interessante ma anche inedita: raccontare i grandi protagonisti della moda parigina del Novecento a partire da quella Storia che loro stessi hanno abitato e che ha permesso loro di forgiare – nel bene e nel male, tanto le loro creazioni quanto i loro valori.

Un lato inedito di due icone

the new look 1

In una Parigi piegata dall’occupazione nazista incontriamo quindi un Christian Dior (interpretato da un bravissimo Ben Mendelsohn) che si impegna a perseguire i propri obiettivi tra difficoltà professionali e professionali, ma anche una Coco Chanel (interpretata da una Juliette Binoche particolarmente ispirata) che forse non era mai stata così ambigua, né sul piccolo né sul grande schermo.

Come le trame dei tessuti da cui entrambi, geni visionari, riescono a tirar fuori qualcosa di straordinario, così anche quelle delle loro vite si intrecciano con risvolti inaspettati e legati a doppio filo con il contesto che abitano. Prima di essere stilisti infatti Christian Dior e Coco Chanel sono esseri umani alla ricerca del proprio posto in un mondo in fiamme e pieno di dolore in cui sembra neanche esserci spazio per la bellezza delle loro creazioni.

L’aspetto intrigante della serie è che, pur senza giudicare, ritrae questi due personaggi come due figure agli antipodi. Mosso da ideali di libertà e legatissimo alla sorella Catherine (interpretata da Maisie Williams) che milita nella resistenza e che più tardi diventerà una delle modelle simbolo della Maison, Dior sa fin da subito da che parte della storia vuole essere; per Coco Chanel non è così. Visionaria ma allo stesso egoista, la stilista viene volutamente caratterizzata in modo ambiguo soprattutto per quel che riguarda i rapporti intrattenuti con i nazisti con cui collaborava prima di abbracciare definitivamente la causa della resistenza.

Una trama di luci e ombre che si snoda in un racconto in cui la regia è al servizio di una messa in scena curata che restituisce in ogni dettaglio il respiro di un’epoca affascinante quanto incerta. Un mondo in cui la moda aveva il coraggio di dire cose che non erano mai state dette prima ma in cui. The New Look non è la “solita serie” biopic e neanche un racconto che punta a mostrare il confezionamento degli abiti ma un vero e proprio period drama che ci ricorda come non si possa parlare di moda e di cultura in generale senza chiamare in causa la Storia.

Articoli recenti

Confidenza: recensione del film di Daniele Luchetti con Elio Germano
Top News
Alessio Zuccari
Confidenza: recensione del film di Daniele Luchetti con Elio Germano
Riviera International Film Festival 2024: Io e il secco apre questa edizione
News
Federica Marcucci
Riviera International Film Festival 2024: gli ospiti di quest'anno
Sei nell'anima
Film
Federica Marcucci
Sei nell'anima: il trailer del film sulla vita di Gianna Nannini
Barbie-prima-tv-sky-cinema-streaming-now
News
Alice Gigli
Barbie: prima TV su Sky Cinema e in streaming su NOW
STAY CONNECTED