Film in uscita
Strange World Un mondo misterioso
Martina Barone

Strange World - Un mondo misterioso: quali sono i temi importanti del film Disney?

Tags: disney, strange world, strange world un mondo misterioso
Strange World Un mondo misterioso
Film in uscita
Martina Barone

Strange World - Un mondo misterioso: quali sono i temi importanti del film Disney?

Tags: disney, strange world, strange world un mondo misterioso

Dal cambiamento ambientale a cosa vogliamo lasciare in eredità nel futuro: la profondità di Strange World – Un mondo misterioso

Strange World – Un mondo misterioso è un film stratificato. Non solo perché l’universo della pellicola Disney è letteralmente suddiviso in due livelli, uno sopra e uno sotto il suolo. Sono le tematiche che si succedono con profondità all’interno dell’opera di Don Hall, regista premio Oscar, ideata dallo sceneggiatore e co-regista Qui Nguyen che nello script del film animato ha inserito strati e sotto strati per poter toccare più punti fondanti per il racconto d’avventura. 

Una storia che è principalmente trainata dalla volontà di portare gli spettatori alla scoperta di un cosmo con uno dei design più fantasmagorici e bizzarri dell’intera schiera d’animazione Disney, che si avvale di una gamma spropositata di colori i quali vanno insieme amalgamandosi in un panorama dominato dal rosa e dal blu, in cui si muovono impressionanti e sconosciute creature. Ma oltre al senso puramente intrattenitivo che dà la spinta alla pellicola e agli spettatori per mettersi in viaggio, Strange World racchiude in sé tre macro temi che si uniscono al chi siamo sulla terra, a cosa vogliamo lasciare come eredità un domani e quanto sia importante prendersi cura del nostro pianeta terra.

Strange World – Un mondo misterioso: tre generazioni a confronto

Nella pellicola si susseguono tre generazioni che diventano il cuore centrale e pulsante di Strange World – Un mondo misterioso. Al principio del film l’esploratore Jaeger Clade abbandona suo figlio Searcher per inseguire la sua chimera: andare oltre le montagne che delimitano la cittadina da cui provengono, per scoprire cosa si nasconde oltre quelle vette. Una decisione che ferirà profondamente Searcher, il quale è più appassionato alla botanica e alle piante piuttosto che al dedicare la sua esistenza a avventure pericolose. È così che tra i due si creerà una prima frattura, quella che porta alla formazione di crepe spesso difficili da rimarginare nelle persone e che mostrano quanto spesso, le aspettative dei genitori, possono ferire tanto i figli quanto loro stessi.

Ma attraversare una determinata situazione non significa necessariamente imparare la lezione. È per questo che Searcher Clade da adulto cercherà di spingere il figlio Ethan a intraprendere il suo medesimo mestiere, non rendendosi conto di star agendo esattamente come quel padre che aveva sempre rimproverato poiché voleva costringerlo ad essere qualcun altro. Strange World, mettendo a confronto tre diverse realtà, mostra quanto sia ingiusto imporre una propria visione alla propria progenie, soprattutto quando il lavoro che si sceglierà di svolgere è quello che ci definisce come persone. Che ci permette di esprimerci al nostro meglio, di dare sfogo al nostro potenziale, di concederci di essere la versione più felice e operativa di noi stessi in quanto spinti dall’amore per ciò che facciamo.

Come è cambiato il mondo e la società?

Strange World Un mondo misterioso
Credits: Walt Disney Pictures

Una visione che non spesso coincide con i desideri di madri e di padri che pensano sempre di sapere cosa è meglio per i loro pargoli. Ma che Strange World – Un mondo misterioso mette in prospettiva trattando di quanto possano cambiare le epoche, anche nel giro di soli venticinque anni, e come le generazioni del passato debbano trovare la maniera di poter comunicare con quelle del futuro, e viceversa. Il cambiamento è un altro degli argomenti principali messi sul banco della pellicola di Don Hall, in cui la rappresentazione di un’inclusività così spinta eppure necessaria non è certo una forzatura, bensì solamente l’evidente mutazione che può avvenire nel giro di pochi decenni.

Una metamorfosi che ha attraversato la società e i corridoi della Disney medesima, che non è più ferma alla descrizione di una storia con un protagonista canonico e un randomico cattivo, ma ha portato i racconti a riflettere maggiormente su un’interiorità che appartiene a ogni essere umano e che anche l’animazione ha voluto indagare. Abbinandosi a quello che veniva suggerito dai tempi, cercando insieme di educare, intrattenere, ma anche attingere dal contesto di provenienza, così da poter permette agli spettatori di potersi vedere e rispecchiare. Una conflittualità che Strange World pone come metafora nella scena del gioco da tavolo all’interno dell’opera, in cui mostra le modalità di pensiero di un nonno, un padre e un figlio e come siano radicalmente opposte le une con le altre.

Strange World: un mondo “strano” da dover salvare

Strange World Un mondo misterioso
Credits: Walt Disney Pictures

Visione che si unisce all’altro macro tema della pellicola, ossia l’attenzione al dialogo sul cambiamento climatico e come sia necessario cominciare a pensare di fare davvero qualcosa per salvare il nostro pianeta, anche se questo significa sacrificarsi e mettersi da parte. Questione che sempre la scena del gioco da tavola racchiude benissimo, la quale diventa il leitmotiv dell’intero film che cerca di sensibilizzare sull’incidenza che il nostro abitare il pianeta può avere sull’ambiente e come sia fondamentale non trascurare i segnali che quest’ultimo ci manda.

Un’altra opera, come molte fortunatamente negli ultimi anni, che tenta senza retorica, ma stimolando la discussione e il ragionamento a interrogarci su cosa possiamo fare noi per un posto che ci ha cullato fin dall’inizio dei tempi e che ci sta chiedendo di averne un po’ più di cura. Un altro aspetto che è gradualmente cambiato nella consapevolezza e nell’interesse delle generazioni, le quali hanno intenzione di lasciare in eredità un mondo che sia più sano, felice  e gentile di quello che gli è stato dato. 

Articoli recenti

Il tuo Natale o il mio?: recensione della brit-com natalizia su Prime Video
Film
Cristiana Puntoriero
Il tuo Natale o il mio?: recensione della brit-com natalizia su Prime Video
l'amante di lady chatterley